Lite su Iva, carceri e congedi Il governo cerca ancora l'intesa

Il cdm slitta a oggi: ancora molti capitoli aperti. Bonafede punta ai braccialetti elettronici per svuotare le celle

Il governo Conte rinvia di 24 ore l'approvazione del decretone con le misure economiche sull'emergenza Coronavirus. Il via libera è atteso questa mattina nel corso del Consiglio dei ministri: un pacchetto di provvedimenti che dovrebbe superare i 15 miliardi di euro. I capitoli aperti sono tanti. Si ragiona sull'aumento del tetto (fino a 400mila di fatturato per prestazioni di servizi e 700mila nel caso di cessioni di beni) per la sospensione dei versamenti Iva, delle ritenute e dei contributi. Altro fronte caldo è la famiglia: la discussione è sui tempi del congedo parentale (15 giorni). Il nodo riguarda la retribuzione che oscilla tra il 40% e il 50%. Si sta valutando la proposta avanzata da Giorgia Meloni, leader di Fdi, di sospendere il pagamento delle rette scolastiche. Deciso il rinvio delle consultazioni elettorali (referendum, regionali e comunali): le opposizioni chiedono una data certa nel mese di ottobre. L'esecutivo vorrebbe allungare i tempi fino a dicembre. Sul tema carceri spunta una novità: si lavora a un «pacchetto» di norme per consentire al sistema di reggere l'emergenza, fra cui la possibilità di incrementare il numero dei braccialetti elettronici. Proposta bocciata dal leader della Lega Matteo Salvini: «Niente regali ai carcerati». Nella serata di ieri c'è stato l'ultimo confronto (in videoconferenza) tra il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri e le opposizioni. Nella riunione del Cdm di oggi sarà sciolto anche il nodo sui due decreti legge: uno con le misure sanitarie, l'altro con le misure economiche.

STOP FISCO Stop dei versamenti, dei contributi e delle ritenute. Ok alla sospensione dei versamenti Iva delle ritenute e dei contributi per i contribuenti. Congelato il pagamento delle rate della rottamazione e del saldo stralcio.

CASSA INTEGRAZIONE Si estende l'applicazione della cassa integrazione in deroga all'intero territorio nazionale, destinandola ai lavoratori di tutti i settori non coperti dalle misure ordinarie di sostegno al reddito, anche per le aziende con meno di 5 dipendenti, per un periodo fino a nove settimane.

MUTUI PRIMA CASA E AFFITTI Per famiglia e imprese si prevede la sospensione fino a 18 mesi delle rate sulla prima casa. Allo studio anche un sostegno per chi non riesce più a pagare l'affitto.

CARCERI Nel decreto è autorizzata la spesa di euro 10.000.000 per la ristrutturazione dei penitenziari danneggiati. Altra novità sono i braccialetti elettronici: allo studio una norma per consentire di reggere l'emergenza Coronavirus, fra cui, appunto, la possibilità di incrementare il numero dei braccialetti elettronici. Via libera all'assunzione di 1000 nuovi agenti di polizia penitenziaria.

ALITALIA Nuove risorse per gestire la crisi Alitalia, aggravata dalle riduzioni dei voli, e creazione di una newco pubblica per prendere in affitto la parte aviation.

BOLLETTE Resta in piedi l'ipotesi di una riduzione delle bollette per tutto il 2020.

VOUCHER PER LE FAMIGLIE Confermati i bonus di 600 euro per le baby sitter. Via libera all'equiparazione dello stato di quarantena a quello di malattia. Ok ai bonus per i caregiver. Resta aperta la discussione sul congedo parentale.

GIUSTIZIA Prorogati dal 22 marzo al 3 aprile prossimo lo stop alle udienze e la sospensione dei termini nei procedimenti civili, penali, tributari e militari.

SMART WORKING Il lavoro agile diventa la modalità ordinaria nella P.A

LAVORATORI AUTONOMI Un'indennità mensile di 500 euro per un massimo di tre mesi per i lavoratori autonomi, estesa anche ai collaboratori delle società e delle associazioni sportive dilettantistiche. Stop agli adempimenti fiscali.

SANZIONI PER CHI SPECULA Tra le norme in ingresso la sanzione per chi specula sui prezzi di mascherine.

OPERE PUBBLICHE Confermata la nomina di commissari per le opere prioritarie.

REVISIONI E DOCUMENTI Tre mesi in più per fare la revisione auto. Proroga al 31 agosto della validità dei documenti di identità.

TV LOCALI Per le emittenti radiotelevisive locali viene stanziato l'importo di 80 milioni di euro per far fronte al crollo delle pubblicità

LAUREE Prevista una proroga anche per laurearsi: l'ultima sessione del 2019 sarà prorogata fino a giugno di quest'anno. Cancellato l'esame di abilitazione per i medici.

FORZE ARMATE Più fondi alle forze dell'ordine. Nella bozza entrano 58 milioni per straordinari e spese igienico-sanitarie e si calcolano 4mila nuove unità per le attività di ordine pubblico, controllo del territorio e pubblico soccorso connesse all'emergenza.

VOUCHER E RIMBORSI Un voucher per rimborsare tutti gli spettacoli saltati a causa del Coronavirus. Nella bozza si precisa che andranno rimborsati tutti i biglietti per concerti, cinema, teatri e musei. Si chiede anche un fondo da 100 milioni per sostenere cinema e spettacolo dal vivo e di destinare una quota dei compensi Siae del 2019 al sostegno economico di autori, artisti, interpreti ed esecutori, e dei lavoratori autonomi che riscuotono i diritti d'autore.

ELEZIONI Non c'è ancora sulla data dello slittamento delle urne. Per il referendum sul taglio dei parlamentari sarà fissata una nuova data. Si cerca un'intesa su comunali e regionali: il governo insiste su una data tra ottobre e dicembre.

AZIENDE AGRICOLE Un fondo di 300 milioni di euro per le imprese agricole, della pesca e dell'acquacoltura

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 15/03/2020 - 10:10

Non è il momento di litigare.

FrancoM

Dom, 15/03/2020 - 10:11

Ai colpevoli di criminale incompetenza e ai collaborazionisti bisogna requisire ogni bene mobile e ignobile, più tutto il denaro posseduto, e obbligarli al lavoro nei campi a vita.

VittorioMar

Dom, 15/03/2020 - 10:17

..e questo voi lo chiamate GOVERNO ?

Cesare007

Dom, 15/03/2020 - 10:27

Chiudere i porti!!!!

Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Dom, 15/03/2020 - 10:39

Forse non hanno capito che questa situazione sara ancora attuale a Natale. E quando inizierà a migliorare si accorgeranno che le saracinesche del 50% di attività resta abbassata. Messi al governo senza avere ne arte ne parte ma solo improvvisatori non hanno saputo capire per tempo il problema. Da come procede il contagio credo siamo al punto di non ritorno, in più oltre chi non aprirà più, ci saranno le famiglie con il lavoro perso e senza soldi per vivere e intanto già pensano quali tasse mettere per superare il problema. L'italia è legata alle decisioni europee di politici ancora più incompetenti dei nostri, ma che forse loro fanno scelte di parte

vocepopolare

Dom, 15/03/2020 - 10:59

questi poveretti stanno affrontando una situazione come quell'indigente padre di famiglia che distribuisce le sue misere risorse ad una carretta di figli affamati. Eravamo la quarta/quinta potenza economica mondiale, siamo diventati il fanalino di coda dell'economia europea e neppure riusciamo a renderci conto dei motivi, continuiamo a precipitare , continuiamo a consumare quelle risorse messe da parte in anni di lavoro e sacrificio fin quando la matrigna europa , causa principale della nostra rovina, non ci caccerà via come cani tignosi.

DRAGONI

Dom, 15/03/2020 - 11:05

LA PAROLA FINE, PER METTERE FINE AI LITIGI INCONCLUDENTI , IRRESPONSABILI E COLPOSI DEL GOVERNO, E' DI COMPETENZA DEL SIG. PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CHE POTREBBE E DOVREBBE PROCLAMARE LO "STATO DI EMERGENZA NAZIONALE" E METTERE IN ATTO LE CONSEGUENTI E CONNESSE AZIONI PER IL SUPREMO BENE DEGLI ITALIANI .

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 15/03/2020 - 11:27

Colpiti dalla malattia e quindi isolati dalla UE, come se fossimo dei "cattivi", non degli antichi alleati. Poi il coronavirus si é rivelato in tutta Europa, ma il segnale resta: noi facciamo comodo alla UE solo quando "paghiamo" e finché al nord Europa ci guadagnano sopra. L'Austria chiude le sue strade ai nostri camion. Le nostre banche servono per salvare quelle tedesche. La UE si sta sgonfiando. Usciamo fuori e consideriamo le avances in arrivo dagli SU d'America. Meglio soli che male accompagnati.

vocepopolare

Dom, 15/03/2020 - 11:41

tutto bene ,tutto bene nel belpaese....si risolvono beghe sindacali perchè la fiom ha voluto rimarcare la sua esistenza (sembrava morta e sepolta in un momento in cui il tessuto industriale è andata a catafascio),e la sua nuova segretaria.I reclusi nelle patrie galere sull'onda di un messaggio circolato nelle carceri si sono ribellati ed anche grazie a papa, radicali, sinistra antagonista e centri sociali otterranno libertà più o meno condizionata, braccialetti elettronici, approfittando di una tragedia nazionale. C'è da chiedersi quali e quante forze di polizia poi saranno riservate ai controlli? forse lo stato ricorrerà alla clonazione di CC e polizia.

jaguar

Dom, 15/03/2020 - 11:50

Leonida55, infatti è strano che PD e M5S litighino, sono sempre andati d'amore e d'accordo, specialmente prima di andare al governo entrambi.

Gianca59

Dom, 15/03/2020 - 12:21

Io sono sempre più stupito di come i nostri governanti siano gestire il day by day quando dovrebbero già sapere cosa fare dal 4 Aprile e giorni successivi.....

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 15/03/2020 - 12:24

emergenza carceri, espatriare gli stranieri, a casa loro a scontare le pene.

WSINGSING

Dom, 15/03/2020 - 12:37

Tutto sommato credo che liberare le carceri, dare ai detenuti il braccialetto elettronico e spedire tutti ai domiciliari sia il male minore. Se dovesse scoppiare il contagio nelle carceri gli ospedali andrebbero in tilt e medici, infermieri ed apparecchiature sarebbero utilizzati anche per i delinquenti matricolati, magari a spese dei padri di famiglia. A questo punto: limitiamo il contagio. Purtroppo è così.

Giorgio5819

Dom, 15/03/2020 - 13:10

FrancoM 10:11 , ..questo deve essere IL VERBO :

Libero 38

Dom, 15/03/2020 - 13:51

Visto che l'italia e' indebitata fino al collo sarei curioso di sapere l'avvocatuccio giuseppi e amichetti di merende dove prenderanno i tanti miliardi di euro che dicono di usare per salvare la malata terminale italia.

necken

Dom, 15/03/2020 - 13:57

questo è il momento di ragionare con lucidità e raziocinio senza farsi prendere dall'emozione dalla paura; grande senso di responsabilità incombe su tutti a cominciare dai politici di qualsivoglia bandiera

Vola

Dom, 15/03/2020 - 14:08

Insieme ce la faremo. L'importante è puntare a portare la tassazione sotto il limite della media europea e lottare contro l'economia sommersa, contro gli sprechi e contro il buonismo dilagante. L'Italia ha nel dna un genio, una creatività che tutti ci invidiano. Ci facciamo male da soli con il pressapochismo. Per es. in altri Paesi non si sarebbe udito in modo così condiviso un sommario buonismo con quei carcerati che allegramente (cfr. video che circolano) hanno spaccato tutto.... e ora stanziano 10 milioni per i danni...che li facciano lavorare così si rendono conto della gravità di ciò che hanno fatto. I poliziotti, purtroppo sono ancora considerati come fascisti e picchiatori, quando invece sono le prime vittime di sentenze (e non leggi) ingiuste di giudici che amano il politacally correct che va di moda. Coloro che stanno salvando vite e coloro che stanno mantenendo l'ordine pubblico spesso ha stipendi da fame, che non corrisponde al rischio che quotidianamente corrono.

MammaCeccoMiTocca

Dom, 15/03/2020 - 16:10

Se dovremo arrivare al punto che negli ospedali saremo costretti a scegliere chi deve morire e chi deve vivere... Disertare la costituzione per disertare la costituzione... tanto vale...

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/03/2020 - 14:09

Problema fondamentale per Bonafede è svuotare le celle e mandare i delinquenti a spasso. Sicuramente un problema del quale agli Italiani non gliene frega niente, avendo problemi più seri di cui occuparsi, cominciando dalla coronavirus che uccide. Quanto a Conte gli Italiani non sanno più cosa pensare, anche se un’aspettativa c’è: se ne vada fuori dai piedi, dato che porta pure scarogna.