Luigi Di Maio choc su Facebook: "C'è la lobby dei malati di cancro"

Il grillino su Facebook: "C'è la lobby degli inceneritori e quella dei malati di cancro". Il Pd attacca: "Fa schifo"

Per Luigi Di Maio anche i malati di cancro possono essere una lobby. "Esiste la lobby dei petrolieri e quella degli ambientalisti, quella dei malati di cancro e quella degli inceneritori - tuona il vicepresidente della Camera - il problema è la politica senza spina dorsale, che si presta sempre alle solite logiche dei potentati economici decotti". Una posizione articolata in un post pubblicato su Facebook che ha scatenato polemiche a non finire.

Nei giorni scorsi, come ha raccontato il Corriere della Sera, Di Maio ha incontrato incontro a Palazzo Firenze a Roma alcuni rappresentanti di multinazionali. "Io non ce l'ho con le lobbies", ha spiegato il deputato grillino argomentando che, come ci sono le lobby dei petrolieri e degli ambientalisti, esistono anche "quella dei malati di cancro e quella degli inceneritori". "Il problema - ha continuato - è la politica senza spina dorsale, che si presta sempre alle solite logiche dei potentati economici decotti".

Il post, come ha notato l'Huffington Post, ha dato il via a una serie di pesantissimi attacchi da parte del Partito democratico. "Sono senza parole - scrive su Twitter Alessia Morani - Di Maio per giustificare il suo incontro con le lobbies dà dei lobbisti ai malati di cancro, fa schifo". Travolto dalle polemiche il vicepresidente della Camera si è subito scusato: "Sono dispiaciuto che a causa delle mie affermazioni, strumentalizzate ad arte dal Pd, le associazioni dei malati di cancro siano finite in una becera polemica politica". Ma, poi, ha anche confermato: "In parlamento ci sono portatori di interessi negativi, come quelli degli inceneritori, e portatori di interessi positivi, come quelli appunto delle associazioni dei malati di cancro, che devono poter dialogare con le istituzioni affinché il parlamento approvi leggi a favore del loro diritto alla salute. Le loro sollecitazioni e indicazioni sono preziose per noi portavoce - ha quindi concluso il deputato grillino - mi scuso se le mie parole sono risultate offensive"

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

eras

Gio, 21/07/2016 - 17:30

Ancora una volta il Pd perde l'occasione preziosa di tacere.

papik40

Gio, 21/07/2016 - 18:07

Alessia Morani o c'e' o ci fa! Certo che c'e' la Lobby dei Malati e non solo di cancro. Le scoperte scientifiche vengono fuori piano piano per far arricchire i Baroni della Medicina che nascondono i progressi della medicina proprio per spillare sempre soldi sfruttando la povera gente che e' quella che contribuisce maggiormente a finanziare queste ricerche!

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 21/07/2016 - 18:22

È gia buona che l'ha chiamata lobby. Per me sono accattoni industriali.

COSIMODEBARI

Gio, 21/07/2016 - 19:20

i piddini non sanno fare altro che stravolgere parole, virgole e punti di discorsi altrui pieni di verità. Della Morani in questi giorni di sole si nota solo la sua abbronzatura, perché mette in risalto quanto ha tanto da fare al mare o in montagna o al lago. Un paio di sere fa ha ricevuto una lezione di politica e storia governativa italiana, dal 1046 ad oggi, da Ciriaco De Mita, un 88enne che è sicuramente almeno 40 anni più giovane della Morani. De Mita uno della DC inviso, all'epoca e forse pure oggi, a moltissimi italiani, me compreso.

COSIMODEBARI

Gio, 21/07/2016 - 19:27

Comunque chi non ha a che fare o ha avuto a che fare con problemi, seri e meno seri, di salute non potrà mai sapere che le parole di Di Maio, in qualunque versione ce le vogliono far passare o raccontare, ha detto una verità assolutissima. Basti pensare a quante volte il ministero della salute, meglio chiamarlo ministero della perdita della salute, riordina l'elenco dei medicinali in esenzione o/e col ticket e/o a totale carico dei pazienti.. Aumenta sempre più il numero dei medicinali col poagamento del ticket e/o a totale carico dei pazienti

antes1

Gio, 21/07/2016 - 20:49

Di Maio dice l'ennesima sxxxxxxxa e per i lettori del Giornale la colpa è, come sempre, del PD che ha sottolineato le sue inqualificabili affermazioni.

cgf

Gio, 21/07/2016 - 21:23

basta guardare il curriculum della sua vita e... ti rendi conto.

un_infiltrato

Ven, 22/07/2016 - 02:09

Si è solo espresso in forma da pianerottolo, da insciente dell'idioma italico. E un piddì sempre più fatiscente, cadente, decrepito, diroccato, pericolante, ha colto la palla al balzo per ricamarci sopra. Nella sostanza, niente!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 22/07/2016 - 08:08

DI MAIO PROVI AD ANDARE AL SAN RAFFAELE REPARTO TERAPIA DEL DOLORE E POI SI ACCORGE CHE LOBBY CHE C'E'....SI VERGOGNI DEPUTATO SCHIFOSO.

linoalo1

Ven, 22/07/2016 - 08:25

E' facile criticare tutto quello che da fastidio!!Prima è meglio verificsre e,solo poi,si potranno fare i Commenti!!E se,Di Maio,avesse ragione,chi ci fa una figura del caxxo????

gneo58

Ven, 22/07/2016 - 08:41

e c'e' ben altro ma nessuno parla, ci sono tante cose che se fossero palesate farebbero "saltare" il mondo. Poi siccome la gente e' indottrinata fin da piccola quando qualcuno parla di certe cose viene preso per pazzo.

buri

Ven, 22/07/2016 - 09:29

altro rappresentante del M5S, dopo l'Appendino si consolida la figura del politico a 5Stelle. meditate gente

Ritratto di silviste

silviste

Ven, 22/07/2016 - 12:44

Mi viene da ridere leggere i commenti, che il PD è la Morani è meglio che pensino alle loro figure in nome del "chi è senza peccato scegli la prima pietra"; me vedere i tentativi di giustificare Di Maio per la battuta infelice, visto che lui stesso ha riconosciuto lo sbaglio, è penoso. Semplicemente Di Maio ha usato una frase sbagliata, ma questo succede a chi, inebriato dalla popolarità, pensa che tutto quello che dice gode del dogma dell'infallibilità, ma più si è famosi più bisogna collegare il cervello quando si parla.