L'ultima proposta di De Magistris: "Reddito di quarantena per chi non ha soldi"

Il sindaco di Napoli si appella al governo: "Immettere subito liquidità nelle tasche di chi è rimasto privo di denaro per fargli acquistare beni di prima necessità"

L'ultima proposta di De Magistris: "Reddito di quarantena per chi non ha soldi"

Un piano per salvare chi è rimasto senza soldi in questi giorni di emergenza Coronavirus: la proposta di Luigi De Magistris si muove in tal senso, per dare appunto un sostegno concreto ai più colpiti dal punto di vista economico nell'ambito della grave situazione provocata dal Covid-19. Il sindaco di Napoli ha avanzato l'idea al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e all'esecutivo giallorosso sul proprio profilo Twitter: a suo giudizio la maggioranza deve immediatamente "istituire il reddito di quarantena per tutte le persone che sono rimaste prive di denaro", considerando l'estrema urgenza di "immettere subito liquidità nelle loro tasche per consentirgli di avere beni di prima necessità". Il primo cittadino ha assicurato: "Napoli fa e farà la sua parte".

Immediate le reazioni degli utenti sul social: "Ma continua a stare zitto come hai fatto sino ad ora...Inetto"; "Bello slogan per le prossime Regionali"; "Pensi alla sua flotta di imbarcazioni con la quale avrebbe voluto andare in Africa a trasbordare i migranti"; "Lo farà se ce ne sarà bisogno. Non come te che promettesti il reddito minimo comunale in campagna elettorale, 600euro per tutti i disoccupati, per poi corrispondere un c****". Ma c'è anche chi condivide pienamente il progetto di De Magistris: "Giusto"; "Bravo Luigi. Fatti sentire come sai fare"; "È la cosa più sensata".

Reddito di cittadinanza allargato?

Un'altra proposta è arrivata da Giuseppe Provenzano, che ha lanciato la sua proposta per superare la crisi economica derivata dal Coronavirus: sostiene che il Reddito di cittadinanza andrebbe esteso. "Ho paura che le preoccupazioni che stanno attraversando larghe fasce della popolazione per la salute, il reddito, il futuro con il perdurare della crisi si trasformino in rabbia e odio", ha avvertito il ministro per il Sud. Perciò il dem, in un'intervista rilasciata a La Repubblica, ha voluto mettere fretta al governo: "Ci sono aree sociali e territoriali fragili ed esposte a qualsiasi avventura. Il bilancio pubblico si deve prendere cura dell’intero tessuto sociale. E lo deve fare adesso".

Intanto il Movimento 5 Stelle è al lavoro per trovare le giuste soluzioni affinché - a partire dalla prossima settimana - "gli italiani possano andare in banca e trovare sul conto corrente i soldi per continuare a sopravvivere". Vito Crimi, capo politico dei grillini, nell'intervento ai microfoni di Radio Cusano Campus ha dunque annunciato che l'intento principale è quello di estendere il Rdc "a tutte le persone che in questo momento non hanno un reddito" o perchè hanno perso il proprio lavoro o perché non possono lavorare a causa delle restrizioni imposte per il contenimento del virus.