L'ultima proposta dell'Ue sulla Libia: "Blocco navale con la missione Sophia"

Dal mini vertice di ieri di Bruxelles è trapelata la proposta di istituire un blocco navale da attuare grazie ad una vera e propria "rianimazione" della missione Sophia, criticata in passato per via del suo ruolo nella crescita del numero dei migranti

L'ultima proposta dell'Ue sulla Libia: "Blocco navale con la missione Sophia"

Ridare vita al ruolo europeo in Libia rianimando una missione finita quasi nel dimenticatoio: è questa una delle più importanti indiscrezioni trapelate dal mini vertice di Bruxelles di ieri, tenuto tra i ministri degli esteri di Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna, alla presenza dell’alto rappresentante per la politica estera comunitaria, Josep Borrell.

La missione in questione sarebbe quella ufficialmente denominata “Eunavformed”, ma meglio conosciuta come “Sophia”. Si tratta cioè dell’operazione lanciata nel 2015 volta al contrasto dei flussi migratori irregolari lungo il Mediterraneo centrale, così come deputata al rispetto dell’embargo sulle armi in Libia decretato dall’Onu nel 2011.

Due obiettivi ampiamente lontani dalla portata della missione, almeno alla luce dei risultati: i flussi migratori continuano ad esserci ed in Libia ben si conosce la situazione, la quale tutto è tranne che stabile.

La missione Sophia è stata negli anni ridimensionata proprio perché non ha raggiunto i suoi scopi, finendo peraltro nel mirino di molte critiche di natura politica da parte di diversi governi europei. Le ultime proroghe date alla missione, a partire dalla primavera del 2019, hanno previsto un forte ridimensionamento. Infatti, Sophia è stata mantenuta operativa ma solo con mezzi aerei e non navali.

Di fatto, i paesi che partecipano alla missione possono solo monitorare cosa avviene ma non intervenire nel Mediterraneo. Nel corso degli anni, contro l’operazione si sono schierati anche diverse forze politiche italiane. Quando nella scorsa estate si è paventata l’idea della fine definitiva della missione Sophia ad esempio, l’allora ministro dell’interno Matteo Salvini ha fatto intendere di non vedere negativamente uno stop all’operazione.

Questo perché, secondo il leader della Lega, la missione Sophia avrebbe inciso nell’aumento degli sbarchi in Italia: “Parlano in numeri, la missione Sophia ha recuperato decine di migliaia di immigrati e li ha portati tutti in Italia perché questo c’era nelle regole della missione”, ha dichiarato all’epoca Salvini.

A settembre però, con il governo Conte II già insediato, si è giunti ad una proroga senza l’uso di mezzi navali. Da Palazzo Chigi, dopo il rinnovo della missione, sono state espresse considerazioni favorevoli ad un ritorno delle navi in mare purché, secondo la presidenza del consiglio, da parte comunitaria venga ad esserci l'impegno per le ricollocazioni dei migranti nel resto d’Europa.

Come mai adesso la missione Sophia viene tirata in ballo non sul fronte immigrazione bensì su quello libico? La risposta va ricercata probabilmente sulla volontà europea di uscire dalla marginalizzazione in Libia. Per farlo, ci si è resi conto (tardivamente) che parlare con tutti ed invocare solo azioni politiche non basta. Questo perché tutti gli altri attori, a partire dalla Turchia e dalla Russia, sul campo hanno ufficialmente od ufficiosamente propri uomini e propri mezzi.

Ecco quindi che, secondo i ministri degli esteri riuniti ieri a Bruxelles, l’idea da mettere in campo è quella di un vero e proprio blocco navale. E per farlo, si è pensato di “ripescare” la missione Sophia. In particolare, secondo i rappresentati europei potrebbero essere messe in campo in campo nuovamente le navi per puntare sul blocco da attuare contro i mezzi che trasportano in Libia materiale bellico.

Ma la strada è comunque tutta in salita. Oltre alle possibili polemiche politiche innescate dal “passato” della missione Sophia, vista come prima contributrice dell’aumento del numero dei migranti in Italia, ci sono anche altre variabili. A partire dal tempo: mentre ancora i ministri degli esteri discutono, Ankara ha già portato proprie truppe a Tripoli ed oggi ad Istanbul Putin ed Erdogan discutono su come trovare una propria “pax” in Libia.

Autore

Commenti

Caricamento...