Di Maio, congiuntivo infinito: ne sbaglia tre in una volta sola

Il candidato premier grillino infila tre errori grammaticali in una sola volta: continua a usare l'indicativo al posto del congiuntivo

Di Maio, congiuntivo infinito: ne sbaglia tre in una volta sola

Luigi Di Maio ci casca ancora una volta. Sempre il congiuntivo, quel maledetto. Presentando la proposta di un patto che impegni tutti i partiti a dimezzare lo stipendio dei parlamentari, il capo politico del MoVimento 5 Stelle ha postato su Instagram la foto del foglio con il testo. Puntualmente zeppo di errori grammaticali.

"Io sottoscritto - si legge nel documento ambiziosamente intitolato Impegno politico per dare un governo all'Italia - mi impegno a far votare [...] una legge che dimezza le indennità dei parlamentari e introduce la rendicontazione puntuale dei rimborsi spesa." Con due indicativi là dove invece la lingua italiana richiederebbe due congiuntivi, dimezzi e riduca.

Senza contare che i puristi del web già rimproverano al candidato grillino anche la forma errata "rimborsi spesa" invece di "rimborsi spese".

Ma gli errori continuano se si controlla il profilo Instagram del politico campano, che nella versione estesa del post infila un altro congiuntivo sbagliato. "Io sono convinto che il voto del 4 marzo parlerà molto chiaro e che il governo del MoVimento 5 Stelle è l'unico possibile per non far ripiombare il Paese nel caos". Ancora una volta, un è in luogo del corretto sia.

Nessuno può dire come andranno le elezioni del 4 marzo. Ma quella fra Di Maio e il congiuntivo sembra proprio una battaglia persa, per la lingua italiana.

Commenti