Di Maio perde già un "ministro": Tridico si sfila dalla squadra

Nel programma saltano la reitroduzione dell'articolo 18 o le modifiche al Jobs Act. E Tridico, indicato da Di Maio come futuro ministro del Welfare, boccia il patto con la Lega

Luigi Di Maio ha già perso un "ministro". "Nella nuova alleanza tra i Cinque Stelle e la Lega, finalizzata alla formazione del nuovo governo, non mi trovo per motivi ideologici, ho un'altra sensibilità e avrei preferito un'altra direzione". Con queste parole Pasquale Tridico, docente di politica economica all'università Roma Tre e indicato come ministro del Welfare in pectore dei pentastellati, si sfila all'indomani del via libera al contratto di governo.

Tridico non ha ancora visto la versione definitiva del contratto di governo. Ma in generale, riferendosi alle tematiche sul lavoro, ha spiegato che non ci sono le questioni che personalmente gli stavano più a cuore, "come l'articolo 18 o determinate modifiche al Jobs Act". "Io non sono mai entrato nel Movimento - ha sottolineato il professore a margine di un convegno organizzato da L'Altra Emilia Romagna - ero un tecnico. Non penso che il mio ruolo sia compatibile con la Lega. Nel Movimento 5 Stelle ci sono diverse anime. Luigi di Maio ha una sensibilità molto forte sul lavoro".

Durante l'incontro di oggi Tridico si è augurato che, nel guidare il governo, il Movimento 5 Stelle, "possa spostare verso un programma orientato verso gli ultimi". "Io ero stato chiamato come tecnico - racconta - su punti precisi ma dal momento che queste cose non ci sono è quasi naturale che io mi sfili". Proprio sul tema del lavoro sarebbe stata possibile un'alleanza tra i Cinque Stelle e la sinistra. "Ad esempio - fa notare Tridico - entrambi hanno posizioni critiche comuni riferite al Jobs Act".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

BALDONIUS

Ven, 18/05/2018 - 15:36

La Raggi dopo un anno aveva cambiato 18 assessori. Questi, sempre se cominciano, tra un anno saranno al 125° ministro.

schiacciarayban

Ven, 18/05/2018 - 15:45

Per fortuna! Questo era un invasato comunista!

Ritratto di MariannaE

MariannaE

Ven, 18/05/2018 - 16:10

un comunista in meno ! OTTIMA DECISIONE !!! AVANTI COSI.....!!!... cosi rimane LA LEGA A FARE IL GOVERNO DA SOLO !!!

Ritratto di MariannaE

MariannaE

Ven, 18/05/2018 - 16:11

un comunista in meno ! OTTIMA DECISIONE !!! AVANTI COSI.....!!!... cosi rimane LA LEGA A FARE IL GOVERNO DA SOLO con la benedizione di DI MAIO !!!

titina

Ven, 18/05/2018 - 16:17

Un tecnico. i 5 stelle sono contrari ai tecnici solo se sono nominati da mattarella, se li nominano loro va tutto bene.

ARGO92

Ven, 18/05/2018 - 16:34

UN INFAME KOMUNISTA IN MENO

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 18/05/2018 - 17:17

Allegria!

frabelli1

Ven, 18/05/2018 - 17:39

Nessuna perdita importante. La vera riforma è semplice. Per i contratti a tempo, rispetto a quelli indeterminati, l paga deve essere tripla, in modo tale che alla fine, se un'azienda ha bisogno di personale, non la prende a tempo determinato mala assume. Se un contratto a tempo determinato costa meno di un contratto indeterminato, per quale malsana ragione un'azienda dovrebbe assumere personale fisso?

Anonimo (non verificato)

AMOX

Ven, 18/05/2018 - 18:24

AMOX:@ PROFESSORE TRIDICO:Chi ha a cuore il lavoro Dignitoso degli Italiani Non può professare la Teoria degli ultimi. Il treno fa strada sé e trainato da una locomotiva, deraglia sé lo si vuole far procedere spingendo "l'ultimo vagone". La Sinistra si è occupata di lavoro in questi ultimi 30 anni, col massimo del potere col minimo del Consenso "OTTIMIZZAZIONE" ha chiamato l'attuale Disastro. Sé non ve la fidate non vi ci mettete! Approvo il Suo passo indietro lo consigli anche ai Compagni che si affannano a boicottare Salvini; Hanno convinto anche Berlusconi

AMOX

Ven, 18/05/2018 - 18:42

AMOX:@ TITINA 18/05/2018 16:17 CARA TITINA AL MONDO "OGNI COSA È UGUALE SOLO A SE STESSA". I MANICI NON SONO TUTTI UGUALI! COSI PURE I TECNICI! MONTI E PERFINO COTTARELLI CHE LA SERA DEL 17/05/2018 ALLA TRASMISSIONE DI FORMIGLI CONDIVIDEVA LA TESI SINISTRA: CHE LA FLAT TAX DA PIÙ ALLE IMPRESE E MENO AI POVERI. APPROVANDO I NUMERI DATI. UN BAMBINO DELLE ELEMENTARI SA CHE NON SI POSSONO MOLTIPLICARE PATATE CON CIPOLLE PERCHÉ ALLA FINE RISULTANO CUCUZZE. (UN NUMERO SENZA SIGNIFICATO). LA FLAT TAX NON È UNA TORTA DA DIVIDERE..... È UNA TASSA (UNA SPESA DA RIDURRE). NATURALMENTE CHI PAGA MILIARDI AVRÀ UNA RIDUZIONE PERCENTUALE DELLA SUA TASSA MIGLIAIA DI EURO SU MILIARDI DI VERSAMENTO. IL CITTADINO AVRÀ CENTINAIA DI EURO SU MIGLIAIA DI VERSAMENTO. TUTTA L'ITELLIGHENZIA SINISTRA SOSTIENE IL CONTRARIO E PARLA DI FORBICI!

paco51

Ven, 18/05/2018 - 18:51

domanda: se un0'azienda ha bisogno per un tempo determinato come fa? il posto fisso non esiste più, per nessuno.

tuttoilmondo

Ven, 18/05/2018 - 18:55

Questo ipocrita è orientato verso gli ultimi. Lui e i suoi compagni, traditori del Popolo italiano, è riuscito nel suo intento malefico: siamo ultimi. Siamo ultimi nella crescita. Abbiamo 7 milioni di cittadini alla fame, fra cui un milione di bambini. Siamo ultimi e affamati ma lui, il comunista, mangia a quattro ganasse. Siamo ultimi anche nel cervello, purtroppo, votando come abbiamo votato. Perché 5 stalle sono i fratelli minori di chi ha rubato ai poveri per dare ai ricchi. I poveri sono i piccoli obbligazionisti di Monte Paschi, Banca Etruria e sorelle, mentre i ricchi sono Di Benedetti e compagni. Siamo ultimi ma non nell'ipocrisia.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Ven, 18/05/2018 - 19:01

SE AVEVI UN ALTRO ORIENTAMENTO POLITICO DOVEVI ISCRIVERTI IN UN ALTRO PARTITO.MAGARI AVRAI PIU' FORTUNA.

watpo

Ven, 18/05/2018 - 19:06

Tridico comunista? Ma per favore.... o non conoscete Tridico o non conoscete il significato di comunista....

roliboni258

Ven, 18/05/2018 - 19:23

un komunista in meno

tuttoilmondo

Ven, 18/05/2018 - 19:24

E' tutto molto semplice. Basta ritornare al vecchio ufficio di collocamento. A nessuna azienda dev'essere permesso di assumere al di fuori dalle liste di collocamento. A nessuna azienda dev'essere permesso di fare avanti e indietro con richieste di personale. Se una azienda chiede un lavoratore e poi lo licenzia e così via all'infinito deve essere sanzionata duramente. E non gli si fornisce più alcun lavoratore. E non può prenderlo in modo diverso. Se un lavoratore è scarso l'azienda lo può licenziare e prenderne un altro. Ma... per tre... quattro volte. Poi sanzioni. Il vecchio ufficio di collocamento forniva una speranza. Chi era in lista prima o poi da qualcuno veniva assunto. Contava l'anzianità d'iscrizione. Il tempo è l'unico galantuomo sicuro. Una speranza di futuro c'era. Oggi non c'è.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 18/05/2018 - 20:11

Avrebbe preferito un'altra direzione? Ecco, la prenda e vada a trovare i suoi amici komunisti. I suoi pensieri sono inattuabili e per giunti non condivisi dalla maggioranza. Oltretutto provocherebber o un catastrofe nell'economia.

AMOX

Ven, 18/05/2018 - 20:51

AMOX:@ frabelli1 Ven, 18/05/2018 - 17:39 CHI AVENDO UN'IMPRESA PENSA DI PROMUOVERLA (DI FARE BUSINESS) RIDUCENDO LO STIPENDIO AI DIPENDENTI O CAMBIARLI CONTINUAMENTE COME FOSSERO CALZINI; NON È UN IMPRENDITORE, È UN PIRATA E LA SUA AZIENDA NON PRODURRÀ MAI VERO BENESSERE!