Il manettaro garantista

Quindi, oggi... Il giustizialista Grillo difende il figlio. La Superlega distrugge il calcio. E Macron ci rimanda i migranti

Il manettaro garantista

- Il video di Beppe Grillo che difende il figlio accusato di stupro va visto, non accontentatevi dei virgolettati sui giornali. Per la prima volta parla l’uomo e non il comico: è emozionato, infuriato, ferito. E avrebbe pure alcune ragioni sul processo “mediatico” se non fosse che lui è il leader dei Cinque Stelle: chi di giustizialismo colpisce, di giustizialismo perisce. Se s’è pentito, chieda scusa ai tanti “figli di..” cui la politica manettara dei grillini ha rovinato la vita.

- La Juventus non riesce a vincere la Champions e che fa? Guida la rivolta, si porta via la palla e crea un campionato tutto suo. Poi scusate: in base a quali meriti sportivi la Juve farebbe parte di questa Superlega? Si contano anche le finali perse?

- Fa ridere che i presidenti delle società “ricche” paventino “contributi di solidarietà” grazie alla nuova competizione europea. Che è, elemosina? La Superlega di certo genererà ricavi miliardari. Ma il calcio non è l’Nba. E l’Europa non è l’America. Ricordate Ajax, Atalanta e Leicester? Intanto il calcio, già reso inguardabile dalla costruzione dal basso, perderà pure il poco di passione dei tifosi che gli era rimasto. Quanto ci mancherà il “clamoroso al Cibali”?

- La grande guida del Corriere su come tornare a giocare a calcetto in sicurezza: "No ai contatti diretti che non siano quelli previsti dal gioco". Perché in effetti dopo esserti sputacchiato addosso di tutto, dopo scatti fasulli in cui sono più le particelle di saliva espulse che i metri percorsi, dopo sgomitate, falli, giocatori che scatarrano in campo per liberare le vie aeree, il problema saranno sicuramente i contatti prima di fare la doccia. Certo, come no

- Renzi dice una cosa giusta su Speranza: “Avanzare dubbi sulla gestione del ministero non è lesa maestà”. Non accade spessissimo, ma stavolta c’ha ragione

- Spettacolare la vicenda bresciana. Venti funzionari della comunità montana se ne sbattono delle regole anti-Covid, organizzano un banchetto in sede sgranocchiando 65 esemplari di uccellini protetti. La Comunità montana, capito? Beccati dai carabinieri, hanno confessato. Spero solo non abbiano sprecato la cacciagione

- Bisogna sentirsi rinfrancati. L’inutile vizio di firmare appelli radical chic non è una prerogativa solo italiana: pure nel resto del mondo soffrono dello stesso malanno. Settanta cervelloni scrivono a Putin intimandogli di far curare Navalny. Già mi immagino lo zar al Cremlino ridacchiare beffardo dicendo: “Ma questi, chi sono?”

- ah così, nel silenzio generale: dopo Biden che segue la linea Trump sull’immigrazione, un altro santificato in assenza di meriti come Emmanuel Macron in soli cinque mesi ha respinto 23.537 immigrati irregolari provenienti dall’Italia. Égalité, Fraternité, ma il migrante lo tieni te

Commenti