Manovra, Moscovici: "Porta aperta all'Italia, si può trovare accordo"

Il commissario Ue Pierre Moscovici: "Sono convinto che saremo in grado di concordare soluzioni condivise a vantaggio degli italiani e dell’area dell’euro"

Alla vigilia dell’incontro, a Bruxelles, tra Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che sarà accompagnato dal ministro dell’Economia Tria, il commissario Ue Pierre Moscovici usa tona concilianti verso l'Italia: "La mia porta rimane aperta alle autorità italiane e sono convinto che saremo in grado di concordare soluzioni condivise a vantaggio degli italiani e dell’area dell’euro. È un percorso impegnativo ma praticabile. Voglio crederci". Sembrano lontani i gorni degli scontri all'arma bianca tra la Commissione e il governo italiano. Tutto risolto, quindi? Vedremo dopo l'incontro di Bruxelles.

Moscovici scrive sul suo blog, sottolineando che, "indipendentemente dallo scenario, è nell’interesse di tutti continuare a dialogare e andare verso soluzioni comuni. L’ho detto e lo ripeto: il posto dell’Italia è al centro della zona euro e dell’Europa. Non riesco a immaginare l’Italia senza l’Europa, né l’Europa senza l’Italia. È membro fondatore della nostra Unione e si è sempre affermata come motore indispensabile dell’integrazione europea. Farò di tutto perché rimanga così per molti anni".

Poi ribadisce che la Commissione europea "non intende punire le autorità italiane né intervenire negli affari interni dell’Italia", ma ritiene che la manovra del governo "implichi rischi molto gravi per l’economia italiana, per le sue banche, per le sue società e per i suoi contribuenti e risparmiatori. Continuiamo a credere - prosegue - che il progetto di piano di bilancio presentato dall’Italia implichi rischi molto gravi per l’economia italiana, per le sue banche, per le sue società e per i suoi contribuenti e risparmiatori - scrive Moscovici - semplicemente perché l’aumento dei deficit previsti da questo bilancio (2,4% del Pil anziché 0,8 promesso lo scorso luglio) aumenterebbe ulteriormente il debito pubblico italiano".

Secondo il commissario Ue "l’alto livello del debito italiano (131% della ricchezza nazionale) rimane la nostra più grande preoccupazione. Ma il debito è un peso che pesa già pesantemente sulle spalle di tutti gli italiani, più di 1000 euro all’anno. E il rimborso degli interessi sul debito da parte dei contribuenti italiani è lo stesso destinato per l’istruzione. Non ridurre questo debito significa privarsi di investimenti produttivi per il futuro degli italiani". Moscovici ricorda che la Commissione ha deciso di adottare un rapporto sul debito italiano "che conclude - per la prima volta - che il criterio del debito non è rispettato dall’Italia e che una procedura per i disavanzi eccessivi sul il debito è necessario".

"Il nostro obiettivo non è punire le autorità italiane, né intervenire negli affari interni dell’Italia. La Commissione si assume quindi le proprie responsabilità e atti per garantire la stabilità dell’economia italiana e quella dell’area dell’euro. Stiamo semplicemente agendo nell’ambito del mandato conferito dagli Stati membri".

Ora cosa accadrà?

Moscovici ribadisce che "queste decisioni non segnano l’avvio di una procedura" e che gli Stati membri hanno 15 giorni per decidere se confermare o no le conclusioni della Commissione. Ma "se gli Stati membri confermano, la Commissione dovrà avviare una procedura per i disavanzi eccessivi sulla base del debito e preparare il Consiglio, nelle prossime settimane, a una nuova raccomandazione di bilancio per l’Italia al fine di correggere il suo deficit e debito".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Libertà75

Ven, 23/11/2018 - 13:54

il 131% di rapporto è stato ottenuto grazie a 6 finanziarie consecutive concordate con Bruxelles, giusto ricordare che nel 2011, Berlusconi lasciò con un rapporto al 117%

contravento

Ven, 23/11/2018 - 14:00

COME SE FOSSE IL PADRE ETERNO.

contravento

Ven, 23/11/2018 - 14:25

Non ci siamo. Mi spiace del mancato soccorso dei sovranisti amici di Salvini . Certo che se non c'è accordo una nuova Europa è di la da venire.

GioZ

Ven, 23/11/2018 - 14:25

Trovo allucinante questo atteggiamento conciliante, fasullo come gli arroganti bleff precedenti. Stanno perdendo la partita e con questa l'Europa. In parole povere, si ca... sotto al pensiero che l'Italia vada avanti e dia il via alla fine della BCE. Forza Salvini, Conte, e (purtroppo) anche di Maio, resistiamo e scorniamoci, alla fine li distruggiamo. E per quelli che pensino che non si tratti di una guerra, ditemi dov'è che si sanziona qualcuno in "previsione" che ciò che farà non sia efficace. Ma che siamo, in "Minority report"? Chi sono questi, la polizia del futuro?

oracolodidelfo

Ven, 23/11/2018 - 14:28

Libertà75 13,54 - sono sempre più convinta che il Governo Berlusconi stava facendo se non bene, benino. Silvio è stato stoppato perchà si era messo di traverso ad affari che Francia e Germania consideravano ormai consolidati. Vedi collaborazioni con la Libia per avere petrolio e gas a prezzi contenuti e l'incarico per la costruzione della strada litoranea che doveva collegare la Libia dalla Tunisia all'Egitto. Accordi con la Russia per avere energia a basso prezzo, costruzione gasdotto main stream, incremento esportazioni....Osò intromettersi e venne stoppato con la fattiva collaborazione di traditori di Stato..Timothy Geithner insegna!

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 23/11/2018 - 14:43

qualche volta è meglio fare marcia indietro che finire ne fosso, vero moscovici?

Nero81

Ven, 23/11/2018 - 14:45

@ Libertà75. Il debito pubblico è esploso tra l'80 ed il 93 (DC) e poi ancora tra il 2008/9 ed il 2013 (Berlusconi, che ha creato il bubbone e Monti che ci ha messo una mala pezza). E' da ricordare che la dinamica si osserva sempre con almeno un anno di ritardo rispetto al governo in carica. E' altresì da ricordare che, se qualcuno si fosse preso la briga di leggere le 21 pagine della relazione della commissione, il punto che viene fatto (Paragrafo 4.1) non è sui numeri assoluti del debito, ma sul fatto che la manovra al contrario di quelle precedenti non ha alcuna prospettiva di riforma nè di miglioramento dei saldi della finanza pubblica. Quindi non è una questione di "numerini" ma, molto più grave, di visione strategica. Questo giusto per chiarire. Poi magari c'è chi pensa che la visione strategica gialloverde sia giusta. Siamo un paese libero e ognuno può dire la sua

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 23/11/2018 - 14:48

E` SOPRATTUTTO VOSTRO INTERESSE. Il nostro e` di USCIRE E BASTA.

Geegrobot

Ven, 23/11/2018 - 15:03

Giovinap...questo ha fatto un tuffo carpiato,altro che marcia indietro; se la canta e se la suona il francesino

brob67

Ven, 23/11/2018 - 15:13

Mr deficit 5% non ha titolo per parlare. Tuttavia in quanto portavoce sionista delle solite elite di usurai suoi correligionari continua a dar fiato alla sua bocca alternando false concessioni e aperture a stringenti e imperanti minacce. Ma la gente comune è ancora troppo intimorita per capire e reagire.

oracolodidelfo

Ven, 23/11/2018 - 16:01

Nero81 14,45 -certo che la scelta strategica gialloverde è quella giusta. I soldi vanno messi in tasca agli italiani e non nelle mani di industrie ed industriali decotti che poi delocalizzano le attività, privatizzando i guadagni e socializzando le perdite, ovvero i costi sociali ecc. Ogni riferimento alla Pernigotti è puramente intenzionale.

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 23/11/2018 - 16:11

è l'aver stracciato l'accordo sui MIGRANTI.. fatto a suo tempo per ottenere flessibilità di bilancio, che ci crea i problemi maggiori.- Salvini chiudendo I PORTI ha sfidato l'elite Europea e i vari capi di Governo sul tema più sensibile..sferrando loro un colpo micidiale lasciandoli in balia di possibili future ondate migratorie, che causerebbero problemi di ordine pubblico e di tenuta democratica.- stiamo pagando il conto. per questo in termini di SPREAD. e la manovrina del 2.4 centra una ceppa.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 23/11/2018 - 16:12

Mi colpisce molto tale accomodante posizione, assunta proprio da colui che da almeno un paio di settimane non ha fatto altro che criticare il “bel paese” ed il suo gruppo dirigente, formulando pesanti minacce. Deve avere avuto direttive che non sembrano coerenti con lo stile ed i comportamenti del suo Presidente. Ci deve essere sotto qualche cosa che a me sfugge. Vedremo, restando convinti che una nostra uscita dalla UE sarebbe a nostro vantaggio. Nessuno lo dice, ma molti lo pensano. Si vedrà, ma aumenta la gente che comincia a considerate una nostra uscita dalla UE un possibile fatto positivo. Ai posteri l’ardua sentenza.

Ritratto di Laura51

Laura51

Ven, 23/11/2018 - 16:32

"soluzioni condivise a vantaggio degli italiani e dell’area dell’euro." NO, egregio MoscoWC, O a vantaggio degli Italiani, O dell'area euro. Una cosa esclude l'altra, capito?

vince50

Ven, 23/11/2018 - 16:39

Comincia ad abbassare la cresta buon segno,questo spinge a non mediare ne mollare.

sdicesare

Ven, 23/11/2018 - 16:57

Hanno capito che il colpo di stato by spread e' saltato. Le loro dichiarazioni da appena dopo le elezioni politiche e l'avvio della procedura mirava proprio a favorire un colpo di stato in italia, appoggiato dalla grancassa mediatica venduta, dai poteri forti italiani servi del grande capitale e da alte autorità istituzionali. Adesso si sono accorti che il piano non e' riuscito, che per loro e' un boomerang, stanno facendo la figura degli arroganti golpisti, con un impatto notevole su cio' che avverrà alle prossime elezioni europee. Adesso cercheranno di metterci una pezza per poter dire quanto sono buoni e comprensivi. E' il momento di affondare il colpo, altro che dialogo...

baio57

Ven, 23/11/2018 - 16:59

Ora che diranno i sinistrolesi ?

emigrante48

Ven, 23/11/2018 - 17:12

Il moscone francese ha forse capito che oramai non c´é piú trippa per gatti e sta cominciando ad abbassare le alette prima di essere schiacciato proprio come un inutile moscone!!

Klotz1960

Ven, 23/11/2018 - 17:49

Continua a non afferrare che gli interessi degli Italiani sono curati dal Governo italiano.

VittorioMar

Ven, 23/11/2018 - 17:50

...ITALEXIT da QUESTA UE!!..E' necessario RIPRENDERSI SOVRANITA' NAZIONALE E MONETARIA !!...tutti i PAESI liberi di STAMPARE PROPRIA MONETA HANNO ECONOMIE ESPANSIVE !!...il PREDATORE FRANCESE crede di essere Napoleone e trafugare TESORI ITALIANI !!...QUESTA UE E' ORMAI in COMA IRREVERSIBILE ...previsioni di DECESSO MAGGIO 2019 !! AMEN ! R.I.P. una PRECE !!!

vincentvalentster

Ven, 23/11/2018 - 18:07

Siamo sempre lì, a parte i toni leggermente più moderati: deve cambiare la manovra in modo significativo, come peraltro ha affermato anche Savona

Nero81

Ven, 23/11/2018 - 18:41

@oracolodidelfo: sono d'accordo. Ma ti correggo. I soldi non vanno "messi", vanno "lasciati". Bisogna abbassare le tasse, non regalare soldi a chi non ne ha diritto!

Ritratto di combirio

combirio

Ven, 23/11/2018 - 19:33

Certo che si può trovare l’ accordo, solo se voi lo vorreste. Le nostre mire sono migliorare l’ Italia e con essa l’ Europa dopo otto anni di sinistra che ci ha portato da un debito da 1998 miliardi, era Berlusconi, a + 300 miliardi senza migliorare nulla anzi. Con l’ avvento di Mortimer cominciò a decimare le categorie che lavoravano in pochi mesi fece chiudere più di 1000 alberghi, le edicole quasi all’ estinzione, poi si rigirò contro i Tassisti ma trovò un osso duro + centinaia di suicidi. In questo modo doveva avvenire la crescita? Risultato tutti i dati peggiorarono compreso il debito pubblico. Ricordiamo che la Germania quest’ anno à venduto centinaia di migliaia in meno di veicoli. Con un Italia in crisi ne venderebbe di più? Lasciate lavorare quest’ Governo e ci saranno risultati migliori per tutti anche col resto d’ Europa.

FRANGIUS

Ven, 23/11/2018 - 20:46

E' MEGLIO CHE CERCHI L'ACCORDO PERCHE' SENZA ITALIA L'EUROPA MUORE E IL POLTRONARO.EX MINISTRO FALLITO FRANCESE,VA A CASA E PER SEMPRE..

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 23/11/2018 - 21:11

Fa solo il furbastro. Sa perfettamente che se agisce contro l'Italia di oggi senza averlo fatto per gli anni precedenti con i sinistri, allora rischia il collo. Si perchè penso proprio che l'Italia non voterebbe mai il bilancio dell'UE anche senza leggerlo, proprio come ha fatto Moscovici con il nostro e siccome l'approvazione richiesta deve essere all'unanimità possono andare tutti a ramengo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 23/11/2018 - 22:47

@Anna 17 - hai ragione. E poi che vuole? Se non paghiamo che ci fa? Ci caccia. Gl idiremo grazie. Intanto imploderanno loro.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 24/11/2018 - 00:22

Libertà75 - 13:54 Sono daccordo con lei, però temo che il professor Persilvio46 verrà a rImbrottarci anche in questo tema - oracolodidelfo - 16:01 Dice bene: basta leggere quotidiani che hanno nel loro azionariato i soliti noti "magnoni" che stavolta avranno un misero desco, per comprendere che questa manovra tenta per lo meno di dare qualcosa A CHI LANGUE NELLA MISERIA E CONDUCE UNA VITA POCO DECOROSA. Del resto repubblica il 26.10 ha spiegato che la Ue potrebbe al massimo farci un baffo, semmai potrebbero essere mercati imbeccati da urlatori ante governo a crearci problemi.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 24/11/2018 - 00:22

Libertà75 - 13:54 Sono daccordo con lei, però temo che il professor Persilvio46 verrà a rImbrottarci anche in questo tema - oracolodidelfo - 16:01 Dice bene: basta leggere quotidiani che hanno nel loro azionariato i soliti noti "magnoni" che stavolta avranno un misero desco, per comprendere che questa manovra tenta per lo meno di dare qualcosa A CHI LANGUE NELLA MISERIA E CONDUCE UNA VITA POCO DECOROSA. Del resto repubblica il 26.10 ha spiegato che la Ue potrebbe al massimo farci un baffo, semmai potrebbero essere mercati imbeccati da urlatori ante governo a crearci problemi.

Ritratto di Mona

Mona

Sab, 24/11/2018 - 04:54

L'accordo si può e si deve trovare, e trovarlo è semplicissimo: M. Moscovici smetta di mettere in naso negli affari dell'Italia e si preoccupi invece dei guai della Francia. La Francia si è mai domandate se l'Italia approvava le sue manovre inflazioniste del passato ? Si guardi un po` la televisione francese per capire che i guai che loro vivono, non vogliamo viverli quì in Italia. PLEASE GET A LIFE FOR YOUSELF, MR MOSCOVICI and STOP ANNOYING PEOPLE.

Jon

Sab, 24/11/2018 - 08:21

A VANTAGGIO DEGLI ITALIANI LO DECIDONO I CITTADINI ITALICI..