Mattarella rieletto Presidente della Repubblica con 759 voti

Fumata bianca all'ottava votazione: Sergio Mattarella è stato eletto di nuovo capo dello Stato con 759 preferenze. È il secondo presidente più votato. Applauso di quattro minuti in Aula

Mattarella rieletto Presidente della Repubblica con 759 voti

Sergio Mattarella è stato eletto nuovamente presidente della Repubblica con 759 voti. Dopo sette scrutini andati a vuoto, la fumata bianca è arrivata all'ottavo scrutinio: il quorum delle 505 preferenze è stato superato. Dall'Aula dei grandi elettori è partito uno scrosciante applauso, lungo circa quattro minuti, per il capo dello Stato. Più dietro l'ex magistrato Carlo Nordio, indicato da Fratelli d'Italia, con 90 voti. Mattarella alle 21.30 ha tenuto un discorso attraverso cui ha accettato il bis. Il presidente della Camera Roberto Fico e la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati si sono recati al Quirinale per comunicare l'avvenuta elezione e il verbale della seduta.

È il secondo presidente più votato

I voti per Sergio Mattarella sono più di quelli ottenuti da Francesco Cossiga (752) nel 1985, da Carlo Azeglio Ciampi (707) nel 1999 e dal secondo Giorgio Napolitano (738) nel 2013. È il secondo presidente più votato: non è riuscito a superare il record registrato da Sandro Pertini che fu eletto con 832 preferenze. Piccola curiosità: anche sette anni fa Mattarella fu eletto di sabato. Precisamente era il 31 gennaio del 2015 e allora ottenne 665 voti.

Il presidente della Repubblica negli scrutini precedenti a quello di oggi pomeriggio aveva già ottenuto importanti numeri: nella prima votazione del 24 gennaio scorso aveva ricevuto 16 voti, nella seconda 39, nella terza 125, nella quarta 166, nella quinta 46, nella sesta 336 e nella settima 387.

"Splendida notizia"

In merito è intervenuto il premier Mario Draghi, secondo cui la rielezione di Sergio Mattarella rappresenta "una splendida notizia per gli italiani". Il presidente del Consiglio si è detto "grato" per la sua scelta di "assecondare la fortissima volontà del Parlamento di rieleggerlo per un secondo mandato".

Il Mattarella bis

La svolta per il Mattarella bis è arrivata in mattinata: i partiti di maggioranza, dopo aver preso atto del pantano politico che si era creato, hanno deciso di convergere sul secondo mandato dell'attuale presidente della Repubblica per sbloccare l'impasse e chiudere la partita per il Quirinale. Le formazioni politiche che sostengono il governo guidato da Mario Draghi si erano fortemente spaccate sull'ipotesi Elisabetta Belloni, con Forza Italia, Italia Viva e una parte del Partito democratico che hanno fatto muro per il ruolo che attualmente svolge come direttrice generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza.

In mattinata c'è stata una "lunga e affettuosa telefonata" tra Silvio Berlusconi e Sergio Mattarella: il leader di Forza Italia ha assicurato il sostegno del partito azzurro per la sua rielezione, ribadendo l'importanza dell'unità in un momento particolare come quello che sta attraversando il nostro Paese. "L'unità oggi si può ritrovare soltanto intorno alla figura del presidente Sergio Mattarella, al quale sappiamo di chiedere un grande sacrificio, ma sappiamo anche che glielo possiamo chiedere nell'interesse superiore del Paese, quello stesso che ha sempre testimoniato nei 7 anni del suo altissimo mandato", ha dichiarato il Cav.

Commenti