Politica

Mattarella, le inutili polemiche della sinistra. Cosa ha detto (davvero) Berlusconi

La sinistra ha sollevato un vespaio di polemiche sul tema del presidenzialismo, ma Silvio Berlusconi, nel suo intervento, ha addirittura paventato l'idea di rieleggere di nuovo Sergio Mattarella

Mattarella, le inutili polemiche della sinistra. Cosa ha detto (davvero) Berlusconi

"La destra è pericolosa per il Paese". Questa la conclusione a cui è giunto il segretario del Pd, Enrico Letta, dopo le dichiarazioni di Silvio Berlusconi sul presidenzialismo e sul futuro di Sergio Mattarella.

"La peggiore destra di sempre", ha sentenziato la senatrice dem Valeria Fedeli, mentre secondo Bruno Tabacci, sottosegretario alla presidenza del Consiglio ed esponente di Impegno Civile, il centrodesta vorrebbe approvare "una riforma presidenziale senza contrappesi, in salsa sudamericana". Il refrain più in voga a sinistra, però, è il seguente: "Dopo Draghi, la destra vuole le dimissioni anche di Mattarella". E le critiche arrivano anche dal ministro degli Esteri, quel Luigi Di Maio che, nel 2018, poco le elezioni, arrivò a chiedere l'impeachment per il Capo dello Stato. "Noi siamo con i progressisti e noi ci opponiamo alla coalizione di destra che con Berlusconi ha dichiarato una cosa inquietante sulla presidenza della Repubblica, che Mattarella si deve dimettere", ha dettob oggi il leader di Impegno civico a Radio 24.

Ma siamo proprio sicuri che tutto questo vespaio di polemiche abbia un briciolo di fondamento? Andando a riascoltare bene l'intervista che Berlusconi ha concesso a Radio Capital, sembrerebbe proprio di no. Il giornalista gli chiede: "Lei pensa che a quel punto il presidente Mattarella dovrebbe dimettersi, se fosse approvata la riforma in senso presidenziale?". E il leader di Forza Italia risponde con estrema chiarezza: "Se entrasse in vigore questa riforma, penso che sarebbero necessarie le dimissioni del presidente Mattarella per andare all'elezione diretta di un nuovo presidente che, guarda caso, potrebbe essere ancora lui". Si badi bene soprattutto alle ultime parole di questa risposta: "che, guarda caso, potrebbe essere ancora lui". In definitiva, Berlusconi, che solo pochi mesi fa ha votato per la rielezione di Mattarella, non esclude che l'attuale inquilino del Quirinale possa tornare al Colle per la terza volta. Un fatto che rappresenterebbe un 'unicum' nella storia della Repubblica italiana e che nulla ha a che vedere con la presunta volontà del leader di Forza Italia di volersi 'disfare' di Mattarella. Ancora una volta, priva di argomenti, strumentalizza le parole di un leader dell'opposizione per creare polemiche inutili, evitare di entrare nel merito delle proposte e far passare il centrodestra come una coalizione eversiva. Sarebbe bastato ascoltare per intero il pensiero di Berlusconi per evitare tutta questa pagliacciata.

Commenti