Un maxi parco eolico e stop alle emissioni: così New York diventerà a impatto zero

Il piano del governatore Cuomo: entro il 2040 solo energia rinnovabile

New York Il Green New Deal dello Stato di New York e' il piu' grande appalto di energia rinnovabile di un singolo Stato federale americano. Consiste in un investimento di 287 milioni di dollari e la costruzione di due distinti parchi eolici che genereranno piu' di 1.700 megawatts di energia pulita e rinnovabile. I due parchi eolici saranno realizzati a poche miglia di distanza dalle spiagge di Long Island, una ad est di Montauk Point (che e' il lembo estremo dello Stato di New York nell'Oceano Atlantico), l'altra piu' a sud, di fronte alle bianche spiagge di Jones Beach. Il contratto con le due aziende che realizzeranno e finanzieranno al 100 per cento gli impianti eolici, la norvegese Equinor e la danese Orsted's Sunrise Wind, è stato firmato ieri a New York dal governatore democratico Andrew Cuomo, il quale ha voluto a suo fianco (oltre a tutti i network nazionali) l'ex vice presidente Al Gore, un ambientalista della prima ora. Al Gore, premio Nobel per la pace per meriti ambientali ed ecologici, fu il primo negli anni Ottanta a parlare e promuovere vari progetti green e di energia rinnovabile sia al Congresso che al Senato di Washington. Il provvedimento firmato da Cuomo, pronto a scendere in campo per le presidenziali del 2024, è molto ambizioso perché finalizzato a utilizzare il cento per cento di energia rinnovabile entro il 2040 nell'intero Stato di New York. Come prima fase, entro il 2030, il governatore spera che l'energia eolica e solare possa coprire il fabbisogno del 70 per cento dell'intero Stato che conta circa 21 milioni di abitanti, oltre a circa 2-3 milioni di illegali. Il Green New Deal, come lo ha ribattezzato Cuomo, intende eliminare le emissioni di gas ad effetto serra entro il 2050. Vale a dire che in trenta anni, il figlio dello scomparso governatore Mario Cuomo (fu sconfitto nelle elezioni del 1994 perché si oppose alla reintroduzione della pena capitale nello Stato di New York) si aspetta di poter avere energia da fonti che non prevedono l'emissione di carbonio. Il governatore, al momento della firma, ha voluto rimarcare il dettaglio che l'investimento di 287 milioni di dollari è interamente privato. «Non costerà un dollaro allo Stato di New York e ai newyorchesi. Inoltre creerà 1.600 posti di lavoro e produrrà attività economiche indotte per 3,2 miliardi di dollari», ha precisato Cuomo. Il presidente Trump e la sua amministrazione credono pochissimo a questi Green New Deal. Alcune settimane fa durante un comizio The Donald disse le testuali parole: «Significa che in futuro a New York per accendere la televisione o l'aria condizionata dovremmo prima andare fuori per controllare se c'è un po' di vento». Al contrario, con un serrato programma di deregulation, questa amministrazione ha spinto l'industria petrolifera Usa dai 9 agli attuali 13 milioni di barile di petrolio al giorno. E gli Usa ora sono diventati il primo produttore al mondo di petrolio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Sab, 20/07/2019 - 12:41

pura fantascienza, ma veramente fanta ed anche sprite! Non posso fare a meno di associare le aziende più green del pianeta, quelle in California, le quali hanno un'impronta ecologica più che quintupla alla media di tutto il pianeta. Ma le cascate del Niagara quali gas nocivi emettono?