Mentana: "Mentre parla al Paese Conte non può attaccare avversari"

Per Mentana non si possono fare comizi sfruttando un privilegio assoluto come quello di parlare a milioni di persone in attesa di comunicazioni ufficiali

Enrico Mentana è un uomo che parla in modo diretto non preoccupandosi delle polemiche che possono scaturire a seguito delle sue dichiarazioni. Il direttore del Tg di La7 oggi è tornato sui pesanti attacchi ricevuti ieri dopo che aveva affermato in diretta: "Se possiamo dire, l'avremmo francamente evitato. Se l'avessimo saputo, non avremmo mandato in onda quella parte della conferenza stampa". Mentana si riferiva agli attacchi del premier contro Matteo Salvini e Giorgia Meloni in un momento gli italiani volevano solo essere informati sugli sviluppi dell’emergenza sanitaria.

Con un lungo post pubblicato su Facebook, il giornalista ha voluto spiegare quella sua affermazione che aveva suscitato critiche. "Come si sa già- ha scritto Mentana- dal primo pomeriggio era stata anticipato un probabile intervento televisivo a reti unificate del premier Conte. Il motivo era noto: il nuovo decreto che prolunga le misure drastiche che la difesa dal contagio rendono indispensabili". Il direttore ricorda che per lasciare spazio alle comunicazioni di Conte, il commissario della Protezione Civile Borrelli aveva limitato a pochi minuti la lettura del bollettino quotidiano. "Come tutte le emittenti anche la7 ha interrotto la programmazione per trasmettere la diretta da Palazzo Chigi: in un momento grave come quello che stiamo attraversando è vitale dare immediato rilievo a provvedimenti che riguardano la vita di tutti noi", ha spiegato Mentana.

Quest’ultimo ha sottolineato che"il potersi rivolgere a reti unificate a tutti i cittadini è prerogativa del presidente del consiglio e del capo dello Stato, e sempre vi è stato fatto ricorso, come è giusto, solo in circostanze eccezionali. E lo è sicuramente l'emergenza attuale. Il premier ha ben illustrato la situazione e i provvedimenti che ci terranno ancora vincolati fino al 3 maggio". Fin qui, secondo il giornalista, tutto in regola.

A Mentana, però, non è piaciuta la polemica che Conte ha scatenato contro i suoi avversari politici in merito agli aiuti europei. Il motivo è semplice: in sostanza, non si può fare una sorta di comizio sfruttando l’occasione di comunicazioni ufficiali e parlando a milioni di persone in ansia che vogliono essere aggiornati sulle ultime notizie sull’emergenza sanitaria. Questo, secondo Mentana, "non si può proprio fare. Non quando utilizzi un privilegio assoluto come è quello di parlare direttamente a decine di milioni di italiani, in un frangente drammatico, da una sede istituzionale, illustrando un decreto che riguarda la salute e la vita di tutti".

"Il politico Conte- ha aggiunto- aveva mille strumenti per rispondere agli attacchi (sgradevoli, strumentali, elettoralistici quanto si vuole) di Salvini e Meloni: attraverso i social, con in comunicato, con dichiarazioni o interviste. Tutti i mezzi di comunicazione, e ovviamente anche il giornale che dirigo, gli avrebbero dato un ampio spazio (e peraltro è quello che abbiamo fatto anche ieri sera). Ma parlando al Paese il premier Conte doveva conservare il profilo per il quale gli veniva consentito di usare quel canale privilegiato".

Per il direttore del Tg di La7, se il premier "voleva spiegare la situazione dopo l'Eurogruppo, come ha fatto, gli bastava ricordare che il governo italiano non ha chiesto di accedere al Mes e nel prossimo vertice europeo tornerà a chiedere gli Eurobond, con buona pace di chi sostiene il contrario. Punto". Mentana rimarca il fatto che “agli attacchi, che ripeto sono forse sgradevoli, falsi, elettoralistici o strumentali, ma che fanno parte dell'armamentario di ogni opposizione, possono e devono replicare i loro pari grado della maggioranza, non il capo del governo mentre parla al Paese”. “Per questo- ha aggiunto- ho detto che avrei espunto quella parte del suo discorso, altro che censura”.

Lo stesso giornalista ha ricordato in passato ha mosso critiche anche più dure, usando lo stesso metro di giudizio, a molti predecessori di Conte tra cui Berlusconi, Renzi e lo stesso Salvini quando era al governo. "Non pretendo di avere il consenso di tutti, né di avere ragione a prescindere; ma che si rispettino buona fede, indipendenza e passione professionale sì. La logica dei fanatici "se critichi Tizio sei al soldo di Caio" mi ripugna. So che da sempre infesta i social e la combatto. E non rinuncio a dire la mia quando lo ritengo giusto. Si può perdere un follower o uno spettatore, non la coerenza", ha concluso con orgoglio Mentana.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Sab, 11/04/2020 - 15:06

Fortuna che gli israeliani sostengono il "centrodestra", altrimenti nessuno se lo filerebbe più.

Lorenzi

Sab, 11/04/2020 - 15:11

Bravo Chicco ! Ed è la dimostrazione ( se ne ce fosse stato bisogno ) di chi è stato incaricato ( non votato ! ) di rappresentare il popolo italiano!!

montenotte

Sab, 11/04/2020 - 15:31

Glielo ha suggerito il suo portavoce Casalino?

Lucmar

Sab, 11/04/2020 - 15:33

Mentana non è certo amico di Salvini, ma si comporta, almeno in questo caso, da grande professionista. Bravo.

ilguastafeste

Sab, 11/04/2020 - 15:42

Fa quello che fanno tutti sulle altre tv, una tv contro tutte le altre che ogni giorno remano contro, sparlano e invitano sempre quelli che, ovviamente, remano contro.

bernardo47

Sab, 11/04/2020 - 15:43

Mentana sempre in prima pagina vuole stare eh? ......aumenta stipendio?

Lorenzi

Sab, 11/04/2020 - 15:47

Quintus_Sertorius: ti sei accorto che gli israeliani in Italia sono il 50%?

GINO_59

Sab, 11/04/2020 - 15:49

Il vero problema non è ciò che il conte dice, ma coloro che dopo averlo ascoltato gli credono, o almeno fingono di credergli. ITALEXIT. PUNTO.

Ritratto di Trinky

Trinky

Sab, 11/04/2020 - 15:51

Quintus_Sertorius......abbiamo scoperto che adesso si può usare la RAI per i cavoli propri: complimenti! Conte: un bel quaquaraqua che ha paura del contradditorio!

maurizio-macold

Sab, 11/04/2020 - 16:19

Mentana faceva meglio a stare zitto. Giuseppe Conte viene attaccato tutti i giorni da Salvini & Meloni con insulti e polemiche insulse che vanno oltre il personale visto che Conte in Italia e' il capo dell'esecutivo, ed e' corretto ed umano che abbia replicato.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Sab, 11/04/2020 - 16:32

@Lorenzi Forse i loro seguaci sono il 50%. Gli israeliani tout court sono intorno allo 0,1% della popolazione, ma chiaramente sovrarappresentati nei media, nella politica e nel mondo imprenditoriale e finanziario. Inoltre, i loro contatti con i connazionali dispersi in tutti gli Stati dell'Occidente, danno loro un enorme potere politico ed economico. Prima ironizzavo, ma neanche tanto. Sponsor così potenti non possono lasciare indifferenti partiti e politici ambiziosi.

evuggio

Sab, 11/04/2020 - 16:40

Conte non ha la benchè minima idea delle basi deontologiche che devono ispirare un premier

evuggio

Sab, 11/04/2020 - 16:41

Nei compiti del Presidente della Repubblica non c'è anche quello di sorvegliare il rispetto delle regole istituzionali?

Rixga

Sab, 11/04/2020 - 16:48

Macold in democrazia attaccare chi sta al governo è prerogativa e compito delle opposizioni. Lo devono ai loro elettori tentare di controllare e fare le pulci. Il governo che attacca le opposizioni si chiama invece Regime.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 11/04/2020 - 16:48

X montenotte: no, lo ha fatto in veste di alter ego di casalino.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 11/04/2020 - 17:00

@maurizio-macold-Ma non a reti (quasi) unificate, tèe capì!

necken

Sab, 11/04/2020 - 17:15

evuggio:in Italia chi ha le base deontologiche sia per fare il premier che il politico? oppure bisognerebbe pescare altrove?

RobMikGabGiu

Sab, 11/04/2020 - 17:29

Quintus Sertorius, gli Ebrei in Italia sono poche migliaia. Figurati il peso politico. E poi all'ONU le risoluzioni contro Israele hanno sempre avuto l'astensione dell'Italia e qualche volta il voto favorevole. Quindi questo peso politico ebraico proprio non lo vedo. o al massimo

Iacobellig

Sab, 11/04/2020 - 17:58

Bene, Mentana, la professionalità non è acqua.

Lorenzi

Sab, 11/04/2020 - 18:02

Quintus_Sertorius: non sapevo che ci fossero gli israeliani 'tout court '. Per me gli israeliani sono quelli che hanno la nazionalità di Israele. Quindi NON solo gli Ebrei... La prossima volta spiegati meglio perchè ci sono 'testoni' come me che, magari, non capiscono. Buona Pasqua.

bernardo47

Sab, 11/04/2020 - 18:05

questi giornalisti televisivi....quanto chiacchierano, sembrano comari. Da mentana a giordano, a giletti, alla gruber e cosi' via....