Politica

Il monito di Mattarella: "Italia non sia Far West"

Il presidente della Repubblica, in occasione della cerimonia del Ventaglio al Quirinale, manda un forte messaggio a tutta la politica italiana. E non solo

Il monito di Mattarella: "Italia non sia Far West"

"Mi ha colpito un fatto di cronaca di questi giorni: l'Italia non può somigliare a un Far west dove un tale compra un fucile e spara dal balcone ferendo una bambina di un anno, rovinandone la salute e il futuro. Questa è una barbarie e deve suscitare indignazione". A dirlo, con vigore, è il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della cerimonia del Ventaglio, in corso al Quirinale, in riferimento alla bambina rom colpita alla schiena a Roma.

Poi, il capo dello Stato ha allargato il suo discorso alla stampa parlamentare, parlando anche di informazione e mass media: "L'abbondanza informativa offerta dal web è preziosa, ma occorre evitare che si riduca il livello di approfondimento. Già, perché la dimensione digitale è un grande contributo. Siamo tutti consapevoli degli usi distorti, talvolta allarmanti, astiosi, dell'introduzione di semi che alimentano preconcetta ostilità. Sta a chi opera nella politica e nel giornalismo non farsi contagiare da questo virus ma contrastarli".

Per poi aggiungere: "La libertà di informazione non è il prodotto, ma il diritto fondamentale tutelato dalla Costituzione; infatti, l’articolo 21 della nostra Carta garantisce questo diritto, che fornisce sostanza alla democrazia dei moderni la libertà di informazione e i diritti che vi sono collegati - e il sostegno, funzionale ad assicurarla in concreto - alimentano il circuito democratico. Attraverso l'informazione i cittadini acquisiscono elementi di conoscenza per elaborare opinioni, che devono essere libere e consapevoli".

Infine, una parentesi di Mattarella anche sulla crisi migratoria globale: "Sessantacinque milioni di profughi nel mondo danno la misura di un fenomeno epocale: tante volte l'Italia ha chiesto all'Unione Europea responsabilità e leggiamo finalmente segnali positivi da parte di diversi Paesi dell'Ue. Passo dopo passo serve un piano di interventi unitario per governare il fenomeno e non subirlo".

Commenti