Morta a 14 anni nel rogo, genitori feriti nei soccorsi

Il papà è rimasto ustionato, la mamma ha avuto un incidente correndo in auto dalla figlia

Una famiglia distrutta per sempre in pochi attimi. Due genitori separati, che finiscono in ospedale nel tentativo estremo e inutile di salvare la figlia.

L'altra notte ha portato il buio per sempre nel cuore di due genitori, che hanno perso la figlia Giulia Salotti, quattordici anni, nel rogo della casa in cui viveva. È accaduto alle 2.30 nel comune di Borgo a Mozzano, in provincia di Lucca.

La ragazza stava dormendo nella sua stanza, al secondo piano della casa colonica nella frazione di Anchiano. Non si sa con certezza cosa sia accaduto e saranno i rilievi dei vigili del fuoco a chiarirlo. Ad accorgersi che il secondo piano era l'Inferno, è stato il padre della giovane, Massimiliano Salotti, architetto e insegnante alle medie di Bagni di Lucca, che ha chiamato i soccorsi. Ma le fiamme avevano già guadagnato ogni spazio, centimetro dopo centimetro. L'uomo si è precipitato ugualmente su, per raggiungere la figlia. Ma il fumo e il calore elevato non glielo hanno consentito. Le bruciature al volto e agli arti lo hanno bloccato.

Quando i vigili del fuoco, usando gli autorespiratori, sono riusciti a entrare era fuoco ovunque.

La mamma di Giulia, intanto, era stata avvertita di quanto stava accadendo proprio dal coniuge, con il quale si era separata qualche tempo fa. Elisabetta Fava, 47 anni, si è messa al volante. Sconvolta ha pigiato l'acceleratore più che poteva per raggiungere casa il prima possibile, sperando in cuor suo di salvare figlia e marito.

Ma buio, velocità e forse le lacrime che le annebbiavano la vista, le hanno giocato un brutto scherzo: l'auto si è schiantata contro un muro lungo la statale del Brennero. Subito è stata soccorsa da un'ambulanza e trasportata all'ospedale di San Luca di Lucca, dove più tardi è stato ricoverato anche il marito, che aveva molteplici ustioni agli arti.

I pompieri, invece, dopo un'ora e mezza, sono riusciti a domare il rogo. Ma quando sono arrivati a Giulia la ragazzina era senza vita in quel che restava della sua stanza.

L'immobile è stato sequestrato dall'autorità giudiziaria. La procura di Lucca ha già disposto l'autopsia sul corpo e ha già chiesto ai vigili del fuoco di predisporre una relazione tecnica, per cercare di scoprire cosa abbia generato l'incendio.