Negozi, ristoranti e passeggiate: cosa cambia in queste Regioni

I governatori di Veneto, Emilia Romagna e Fiuli Venezia Giulia vogliono misure più rigide: "Senza la collaborazione dei cittadini non ne veniamo fuori"

Nuova stretta in arrivo per le Regioni Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia: il ministro della Salute Roberto Speranza ha infatti dato il via libera alle ordinanze proposte dai singoli governatori, che hanno deciso di disporre delle misure più restrittive nelle zone da loro amministrate.

Le nuove regole, come riportato da "Repubblica", comprenderebbero l'uso della mascherina h24 all'esterno delle mura domestiche (si fa eccezione per i bambini e per coloro che stanno facendo attività sportiva), un limite per quanto concerne l'ingresso all'interno degli esercizi pubblici (una persona per volta), che relativamente agli over 65 è previsto, quando possibile, nelle prime due ore di apertura, ed il divieto dei mercati (salvo apposito piano di perimetrazione). Ancora consentita l'attività all'aperto se rispettati i 2 metri di distanza, mentre è vietato passeggiare nei centri storici. Quanto ai locali, le nuove ordinanze prevedono l'apertura di ristoranti e bar entro le 18:00, con la sola consumazione al tavolo autorizzata dalle ore 15 alle 18. Chiusi tutti i negozi la domenica, fatta eccezione per farmacie, generi alimentari ed edicole. Dimezzata del 50% la capienza dei mezzi pubblici, mentre per quanto riguarda le scuole rimaste aperte (primarie e secondarie), sono vietate l'educazione fisica e le lezioni di musica che prevedono il canto o l'utilizzo di strumenti a fiato. Le nuove misure saranno in vigore dal 14 novembre al 3 dicembre, e non ci sarebbero limitazioni di spostamento fra i vari comuni.

Tutto questo, ovviamente, per tentare di ridurre la diffusione del Coronavirus. Le regioni, attualmente collocate in "zona gialla", hanno quindi deciso di attuare provvedimenti più restrittivi. "Abbiamo davanti un obiettivo che deve essere di tutti: frenare il contagio e invertire la curva della pandemia", ha spiegato Stefano Bonaccini, governatore dell'Emilia Romagna nonché presidente della Conferenza delle Regioni."Possiamo centrarlo rispettando le regole, con senso di responsabilità e senza panico. Servono unità e condivisione recuperando lo spirito comune che aveva caratterizzato la prima fase dell’emergenza sanitaria", ha aggiunto, come riferito da "Agi".

Dello stesso avviso anche il presidente del Fiuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, che in videoconferenza ha parlato di situazione critica. "L’attenzione nei comportamenti è fondamentale, anche se capisco che non è naturale, e comporta dei sacrifici, portare obbligatoriamente la mascherina o mantenere il distanziamento", ha affermato il rappresentante della Lega. "Questo è necessario per salvaguardare la salute, l’economia ed il lavoro".

A dirsi favorevole a regole più rigide anche il governatore del Veneto Luca Zaia."In un mondo che rispetta le regole una ordinanza così non serve ma cerchiamo di intercettare gli irriducibili", ha dichiarato. "La vedo come un fallimento sociale perchè è la dimostrazione che a volte il buon senso non c’e’ per tutti. Senza la collaborazione dei cittadini non ne veniamo fuori". Infine dall'incontro tra il governo e le Regioni è emerso il piano che prevde l'apertura di un Covid hotel in ogni provincia sul territorio nazionale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di marione1944

marione1944

Gio, 12/11/2020 - 17:04

Apertura ristoranti e bar ore 15-18??? o 05-18???

glasnost

Gio, 12/11/2020 - 17:05

Perché le Marche, che pur sono regione gialla e confinante con Romagna, non fanno parte di questo accordo?

glasnost

Gio, 12/11/2020 - 17:06

Perché le Marche, che pur sono regione gialla e confinante con Romagna, non fanno parte di questo accordo che mi sembra intelligente?

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 12/11/2020 - 17:41

per colpa di qualche scellerato dobbiamo pagare tutti..quando vado al bar per prendere un caffè e vedo lo stupido di turno che ride scherza con la banconiera dopo aver bevuto..e lascia la mascherina sul tavolo.gliela farei mangiare

Ritratto di old_nickname

old_nickname

Gio, 12/11/2020 - 18:28

@anticalcio. Ma la soluzione è banale, caro signore: il caffè lo prenda a casa.

kallen1

Gio, 12/11/2020 - 18:28

@marione1944: dalle 15 alle 18 vuol dire che bar e ristoranti potranno servire le consumazioni, in quel lasso di tempo, solo al tavolo e non da portare via che quindi sarà vietato

Ritratto di faman

faman

Gio, 12/11/2020 - 18:43

il governatore Zaia ha ragione, se in Italia ci fossero solo raccomadazioni e non ordinanze sarebbe un disastro totale. Già fatichiamo ad obbedire alle ordinanze figuriamoci con le raccomadazioni, siamo un popolo sostanzialmente indisciplinato. Siamo comunque in buona compagnia, vedi Spagna, Francia, Belgio ecc.

manson

Ven, 13/11/2020 - 10:47

hanno trovato il modo per far lavorare albergatori con strutture fatiscenti già sull'orlo del fallimento. dopo il business dei clandestini arriva quello del covid. chi è malato sta in ospedale, se mancano posti letto confiscate le cliniche private e precettate il loro personale

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 13/11/2020 - 11:10

@old_nickname:vuoi levarmi anche la soddisfazione di un buon caffè al bar?? in stile governo pd/grulli...che ti tolgono tutto.no!

Ritratto di old_nickname

old_nickname

Ven, 13/11/2020 - 14:59

Evabbè! Se ha tutta 'sta paura di ammalarsi non deve frequentare luoghi pubblici. Sono infestati di untori. Un buon caffè non vale mica il rischio di ammalarsi. Una passeggiata non vale una multa; una cena in compagnia non vale un ricovero; una festività non vale la terapia intensiva; una privazione di libertà non vale un funerale. È per questo che i partigiani NON sono andati in montagna: temevano per la loro salute. La fame, il freddo, il piombo nuociono gravemente e nessuno dovrebbe, mai, mettere a repentaglio la propria vita per le sue opinioni. Giù la testa e rinunci al caffè.