Politica

Il nuovo partito di Renzi c'è. Ma lo vuole anche Calenda

Il Pd smentisce il tentativo macronista del Rottamatore. Ma a Confindustria il ministro lo sfida sulla leadership

Il nuovo partito di Renzi c'è. Ma lo vuole anche Calenda

Matteo Renzi si tiene fuori dai giochi. Letteralmente. Ieri, per marcare la distanza dal teatrino italiano e del Pd ha fatto sapere di essere volato in Kazakistan all'Eurasian media forum, in programma a Almaty. Parlerà di relazioni internazionali. Non di governo italiano, non del partito macronista che vorrebbe fondare uscendo dalle pastoie Pd.

A tentare di smontare la notizia data ieri sul Giornale da Augusto Minzolini, il suo portavoce Marco Agnoletto. «Leggo che starebbe pensando, organizzando, promuovendo la nascita di un nuovo partito. Ma nulla di tutto ciò è vero». Tutto fa pensare il contrario. La conferma di Minzolini («Il sottoscritto non ha l'abitudine di inventarsi nulla, anche perché non ha fantasia»). Il clima che si respira nell'entourage renziano e anche il contesto.

Tutto spinge per la nascita di un partito macronista italiano. Che fondi la sua identità su un europeismo da contrapporre alla nuova maggioranza giallo verde. E voglia superare i vizi della vecchi sinistra.

Peccato che su questa strada - già piena di insidie - Renzi trovi un concorrente molto scomodo come Carlo Calenda.

Ieri all'assise degli industriali, ha parlato da ministro con pieni poteri. Ma, soprattutto, ha fatto da catalizzatore delle ansie di Confindustria sulla nuova maggioranza. Mentre il governo in entrata mette a rischio il destino dell'Ilva di Taranto, Calenda ha detto che l'esecutivo in carica è pronto «a mettere sul piatto ulteriori risorse per chiudere nelle prossime ore» per un esito positivo della trattativa. Contro la nazionalizzazione di Alitalia, «lasciamo perdere le buffonate», «un altro falò delle vanità per chi la propone e per i soldi dei contribuenti».

Poi altre bordate a senso unico, contro le posizioni di M5S e Lega Nord. Il «nazionalismo da talk show non ha nulla a che vedere con la difesa della dignità della nazione». Che passa attraverso la difesa delle aziende italiane. Contro l'antieuropeismo di ispirazione russa. «Qualcuno mi deve spiegare perché stare in Europa dove partecipiamo alla governance come paese fondatore vuol dire essere sudditi mentre invece cercare la benevolenza di una potenza esterna all'Europa e l'Occidente vuol dire essere a favore della sovranità nazionale». Poi, «non è tempo di improvvisazioni, di boutade sui debiti cancellati e sulle tasse azzerate, sulle favole della decrescita felice che fanno felice solo chi non ha bisogno della crescita per migliorare le sue condizioni di vita».

Un programma di opposizione che ha posizionato Calenda come campione dei tanti che temono ricadute negative della situazione politica sull'economia italiana. In primo luogo i 2.000 delegati di Confindustria che ieri all'assemblea hanno applaudito a lungo il premier uscente Paolo Gentiloni.

L'agenda di Calenda è già fitta di contenuti. A differenza di quella di Matteo Renzi che ieri, dal paese asiatico, si è limitato a ironizzare sul discorso di Giuseppe Conte dopo l'incarico («Si è proposto come l'avvocato difensore del popolo italiano: noi ci costituiamo parte civile. Parte civile per verificare se realizzeranno le promesse della campagna elettorale»). Calenda per Renzi è un concorrente pericoloso per quella che si annuncia l'unica sfida politica a sinistra: la guida di un fronte che vada oltre i confini dei vecchi partiti.

Calenda può muoversi da battitore libero. Renzi è legato ai riti del Pd, eredità di un partito che in passato era «pesante» per la quantità di consensi che raccoglieva. Oggi solo per la complessità dello scontro politico che si consuma al suo interno.

Commenti