Per gli occhi morsicati usare il cono

Per gli occhi morsicati usare il cono

Capita non frequentemente, ma soprattutto adesso che, con la buona stagione, anche cani e gatti si mettono in movimento, non è una condizione così rara. Si tratta della cosiddetta lussazione del globo oculare che chiunque, anche un profano, può diagnosticare in pochi secondi.

Per fatti traumatici (morsi di altri cani in primis) la testa del cane, specialmente se di piccola taglia, può finire dentro la bocca di un compagno poco amichevole che mette in moto le ganasce. A volte non si vedono neanche i segni del morso, ma quello che si vede bene è la protrusione dell'occhio dall'orbita, nel senso che l'occhio è decisamente più sporgente rispetto all'altro e la pupilla è midriatica, ovvero nettamente allargata confrontata con quella dell'altro occhio. In un caso simile c'è pochissimo tempo per poter salvare l'occhio. La prima cosa da fare in assoluto, o manualmente o attraverso il classico cono di plastica, è far sì che il cane non si gratti l'occhio con una zampa. Sarebbe disastroso. Utile tenere umido l'occhio con lacrime artificiali, mentre ci si dirige dal veterinario, dove, in anestesia generale, l'occhio verrà riposizionato nella sua orbita sperando di salvarlo.