La Ong Lifeline: "Salvini venga a bordo"

Un messaggio al ministro da parte della Lifeline su Twitter: "Venga a bordo, qui è il benvenuto"

La Ong Lifeline: "Salvini venga a bordo"

Il comandante della nave Ong Lifeline, Klaus Peter, dai microfoni di radio Capital ieri aveva "invitato" a bordo Slavini con queste parole: "Se vuole arrestarmi può venire personalmente a prendermi". Poi aveva messo nel mirino il ministro con una attacco duro: "Vorrei invitare il signor Salvini a fare un viaggio con noi. Siamo tutti volontari. Mi vergogno profondamente delle parole del ministro italiano". Oggi, mentre la nave con a bordo 236 migranti è in mezzo al Mediterraneo, la Lifeline prova a moderare i termini e a mandare un altro messaggio al titolare del Viminale.

Lo fa usando Twitter e scrivendo direttamente al ministro: "Caro @matteosalvinimi, non abbiamo carne a bordo, ma esseri umani. Vi invitiamo cordialmente a convincervi che sono le persone che abbiamo salvato dall'affogare. Vieni qui, sei il benvenuto!". Ma alle parole della ong, Salvini ha già risposto in modo chiaro: "Certe navi si devono scordare l'Italia, stop al business dell'immigrazione clandestina! La musica è cambiata, io ce la metto tutta". Insomma il braccio di ferro tra la Lifeline e il governo italiano non si chiude ancora...

Commenti

Grazie per il tuo commento