P.A, la Madia assicura: "Nessuno perderà il posto". Doccia gelata sui contratti

Il ministro: "Il contratto del pubblico impiego bloccato da sei anni è un problema, ma abbiamo scelto di concentrare le risorse su chi stava peggio". Scetticismo dei sindacati

Il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia
Il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia

Il bastone e la carota. Il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, dopo l'incontro con i sindacati ha assicurato che "nessuno perderà il posto di lavoro per effetto della riorganizzazione della P.A.". Ma allo stesso tempo ha dato una brutta notizia sul contratto: "È nell'agenda del governo, ma nel 2015 non sono previste in bilancio risorse per i rinnovi contrattuali, anche noi sappiamo che il contratto del pubblico impiego bloccato da sei anni è un problema, ma abbiamo scelto di concentrare le risorse su chi stava peggio".

La Madia ha comunque precisato che "i bonus degli 80 euro andranno a un lavoratore pubblico su quattro, circa 800mila dipendenti pubblici". L'altro impegno che ha assunto il governo nei confronti del pubblico impiego prevede invece "l'assunzione dei vincitori di concorso e dei precari della scuola". I sindacati sono rimasti scettici.

"L'incontro ha visto qualche auspicio sul futuro, nessuna risposta", ha detto il leader Cgil, Susanna Camusso, aggiungendo che dal governo non è arrivata "nessuna apertura sull'occupazione e sul tema del rinnovo del contratto". "Al di là del bel modo con cui vengono detti i "no", non abbiamo alcuna novità positiva", ha commentato il segretario della Cisl, Annamaria Furlan.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica