Pd terrorizzato in Puglia Emiliano firma l'alleanza con il sindaco ex fascista

I giallorossi s'accordano a Roma ma non a Bari. Mellone ha un passato in CasaPound

I l Pd è alla frutta e si allea a Casapound per non perdere la Puglia. Sembra il titolo di un articolo del sito satirico Lercio. Ma è tutto vero. Il governatore uscente Michele Emiliano arruola nella propria coalizione Pippi Mellone, sindaco di Nardò, in provincia di Lecce, con un passato (mai rinnegato) nella formazione di estrema destra. Mellone, che ha flirtato anche con Forza Nuova, è l'ispiratore della lista civica Emiliano Sindaco d'Italia: tra i candidati, nel collegio di Lecce, c'è il suo assessore alla Cultura Giulia Puglia. I dem, sedotti e abbandonati dagli alleati di governo del M5s, ripiegano sull'estrema destra per fermare l'avanzata del centrodestra. Non è un giro di parole ma l'ennesima contraddizione che arriva dal Nazareno. Il legame tra Emiliano, presidente uscente della Puglia, che dovrà vedersela con Raffaele Fitto, candidato del centrodestra, e Mellone è molto solido. E non si è scalfito nemmeno dopo una recente uscita del sindaco di Nardò, che nel mese di febbraio ha invocato la chiusura della sede leccese dell'Anpi, l'associazione nazionale dei partigiani d'Italia. Il segretario dei dem Nicola Zingaretti, che continua a lanciare appelli ai Cinque stelle (sperando nel voto disgiunto), teme il cappotto alle elezioni regionali del prossimo 20 e 21 settembre. Disfatta che potrebbe segnare il suo addio alla segreteria del Partito democratico. In Puglia non è stato possibile siglare l'accordo con il Movimento Cinque stelle che correrà con un proprio candidato, Antonella Laricchia. La Puglia (accordo con il sindaco di Casapound) non è un caso isolato. Anche in Campania, nelle liste del governatore uscente del Pd Vincenzo De Luca c'è un pezzo di destra. Lo sfidante sarà Stefano Caldoro che si presenta con un centrodestra unito. Anche in Campania il M5S manda all'aria l'alleanza di governo e si presenta da solo con Valeria Ciarambino.

«D'accordo su tutto, divisi ovunque»: suona più o meno così lo slogan della maggioranza giallorossa che arriva spaccata all'election day (regionali, comunali e referendum) del 20 e 21 settembre. A Roma, Pd, M5s e renziani sembrano in luna di miele. Nei comuni e nelle 7 regioni al voto si azzuffano su tutto. I giochi sono chiusi: ieri alle 12 è scaduto il termine per presentare liste e candidature. La missione di trasformare il patto di governo in un'alleanza politica è fallita: solo in Liguria e in una decina di comuni al voto, liste alla mano, Pd, Cinque stelle e Italia Viva vanno con candidati in comune. In Liguria dove Pd e Cinque stelle trovano l'accordo sul nome di Ferruccio Sansa, si registra però lo strappo di Italia Viva che corre con Aristide Massardo. Anche in Puglia Iv e Azione puntano su una candidatura autonoma: Ivan Scalfarotto. Il centrodestra punta tutto sul governatore uscente Giovanni Toti. Nessuna sorpresa in Veneto, Marche e Toscana: centrodestra unito, maggioranza di governo divisa. In Toscana, il centrodestra è in campo con la leghista Susanna Ceccardi, il Pd va su Eugenio Giani. Irene Galletti è la candidata del M5s. Nelle Marche, Francesco Aquaroli guiderà il centrodestra mentre il Pd si affida a Maurizio Mangialardi. In corsa per il M5s c'è Gianmario Mercorelli. In Veneto il presidente uscente Luca Zaia parte con il favore dei sondaggi. I suoi sfidanti sono, per il Pd, il vicesindaco di Padova e prof universitario Arturo Lorenzoni e per il M5s l'imprenditore ed ex senatore Enrico Cappelletti. Giallorossi a pezzi anche nei Comuni al voto: a Venezia, Reggio Calabria, Matera e Crotone il Pd si presenta senza intesa con i 5 stelle. E al Nazareno l'ansia sale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 23/08/2020 - 10:22

Leggo e rimango sbalordito. L’autore di questo articolo mi ha sorpreso, nel senso che mi ha fatto conoscere situazioni che non conoscevo e che mai avrei creduto esistessero. Per imparare va sempre colta l’occasione giusta! Grazie.

corto lirazza

Dom, 23/08/2020 - 10:30

che s'ha da fà ppe campà

giovanni235

Dom, 23/08/2020 - 10:42

Emiliano avrebbe accettato come alleato anche Benito Mussolini in persona.

gianf54

Dom, 23/08/2020 - 10:47

Fuori anche Emiliano!...e si che sembrava una persona in gamba, al di là del PD!..........

aldoroma

Dom, 23/08/2020 - 12:05

Poltronaaaa ti adoro

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Dom, 23/08/2020 - 12:30

@02121940 Devono averti assegnato i commenti sulla politica interna italiana da poco. Nessuno qui è sorpreso.

moichiodi

Dom, 23/08/2020 - 12:30

Sia allea con casapound. Bene. Dovrebbero esserci molti commenti favorevoli.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Dom, 23/08/2020 - 12:45

@moichiodi Si allea a chiunque gli possa garantire una poltrona. Proprio come fanno FI, Lega, FdI e M5S. Finiamola con questi commentucci che cercano di riportare la politica sul primitivo livello "blu vs rossi", "cattivi vs buoni", "cdx europeista e liberale vs csx europeista e liberale".

Darth

Dom, 23/08/2020 - 13:01

Che il PD sia pronto ad allearsi con chiunque pur di restare al potere, non mi stupisce: è quello che ha sempre fatto. A stupirmi, piuttosto, è che il sindaco abbia accettato di allearsi con lui.

bruco52

Dom, 23/08/2020 - 13:42

la poltrona giustifica tutto, anche l'alleanza con i "fascisti" e l'antifascismo va a farsi benedire, alla faccia di bella ciao, dell'anpi e di bandiera rossa....mi vien che ridere...

ziobeppe1951

Dom, 23/08/2020 - 13:47

moichiodi...12.30... i nostri possono essere commenti favorevoli..I TUOI?

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 23/08/2020 - 14:01

La famiglia, primo pensiero di ogni politico. Anche loro, soprattutto loro, tengono famiglia.

ROUTE66

Dom, 23/08/2020 - 14:28

I fascisti non li vogliamo in spiaggia,Ma sono ben accetti nel consiglio regionale,BASTA CHE CI FANNO RESTARE SULLA POLTRONA

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 23/08/2020 - 15:15

A proposito, com'e che in Puglia(PD) GUARDA CASO... con un tasso di entrate, quest'anno, per cui si sono beati, e turismo superiore alla Sardegna, con i contagiati tutto ok??? E il caso (psdz e lega, cdx) Sardegna e' allarme? La cosa puzza e molto

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 23/08/2020 - 15:54

il comunista sull'orlo di una crisi di nervi, poveraccio.

moichiodi

Dom, 23/08/2020 - 16:46

@chimihacommentato. Cosa devo commentare. Titolo: si allea con casapound, articolo: sindaco con un passato...... Io non mi faccio portare a spasso dal giornale con non-notizie.

ziobeppe1951

Dom, 23/08/2020 - 17:35

moichiodi...quando sei in difficoltà, vale sempre per te la favola della volpe e l’uva di Esopo

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Dom, 23/08/2020 - 17:41

@moichiodi La propaganda funziona anche se riesce a stimolare una reazione opposta a quella apparentemente voluta (l'elezione di Trump è un fulgido esempio). Dai tuoi commenti stizziti e derisori, sembra invece che il Giornale abbia fatto breccia nel tuo aplomb e proprio con questo articolo.

moichiodi

Lun, 24/08/2020 - 13:53

@quintius e ziopeppe. Si sa i comunisti chissà cosa farebbero per una poltrona. Mi aspettavo che qualcuno commentasse come mai anche uno di destra chissà cosa fa per chissà quale vantaggio. Ma si sa qui i commenti sono unidirezionali.