Pena di morte, Erdogan pensa a «misure limitate»

Pena di morte, Erdogan pensa a «misure limitate»

La Turchia insiste con l'idea di reintrodurre la pena di morte. Il presidente Recep Tayyip Erdogan (nella foto in un poster) è intenzionato a potrebbe stilare una «misura limitata» grazie a un accordo politico. Lo ha dichiarato il premier turco, Binali Yildirim. «Se ci sarà accordo sulla pena capitale, ci potrà essere una misura limitata. Non saremo sordi alle richieste del popolo», ha detto Yildirim. Ciò, ha spiegato, richiederebbe un compromesso perché comporterebbe un cambiamento della Costituzione. «Vogliamo far sapere che questo non sarà fatto da noi da soli e che la misura non si applicherà in modo retroattivo», ha dichiarato ancora il premier, lasciando intendere che la misura potrebbe non applicarsi a coloro che sono considerati coinvolti nel fallito golpe del 15 luglio scorso.

Ankara ha formalmente eliminato la pena capitale nel 2012, nell'ambito del processo di adesione all'Unione europea, ma esecuzioni non avvenivano dal 1984. Le autorità dell'Ue hanno avvertito che la reintroduzione potrebbe decretare la fine dei colloqui per l'ingresso nel blocco comunitario.

Commenti