Persino Giulio Cesare il "democratico" vittima di chi devasta la storia e le statue

Vicino al popolo e innovatore, abbattuto come simbolo di quel che non era

Non bastavano una scarica di pugnalate (secondo la tradizione ventitré) a tradimento, nella Curia di Pompeo. Ora Cesare potrebbe ripetere il famoso «Tu quoque» anche contro i vandali fiamminghi. La cronaca è semplice e merita di essere riportata con quella brevitas che era così cara al conquistatore delle Gallie. Una statua di Lui, Giulio Cesare, è stata danneggiata in Belgio a latere delle manifestazioni «Black Lives Matters» che hanno portato anche alla distruzione, rimozione o imbrattamento di diverse effigi del re Leopoldo II (che in effetti colonialista lo fu alquanto) in tutto il Paese.

L'attacco contro la statua del Pater Patriae romano è avvenuto a Zottegem, nelle Fiandre orientali, nella notte tra sabato e domenica, secondo quanto riportano dai media locali prontamente ripresi dalle agenzie italiane. I vandali - saranno stati di più o di meno dei congiurati delle Idi di Marzo? - hanno strappato dal bronzo una anacronistica lancia (avrebbe avuto più senso un pilum) che Giulio Cesare teneva in mano. Inoltre è stato cancellato il nome del dittatore (parola assolutamente positiva in senso romano), mentre è comparsa la scritta «krapuul» (feccia). Le autorità hanno aperto un'inchiesta per scoprire i colpevoli. Il sindaco, Jenne De Potter, ha promesso di far riparare la statua «a spese degli autori» dell'atto di vandalismo.

E qui, ci perdoni Cesare, abbandoniamo la sua lezione (mai un commento nel De Bello Gallico) e andiamo un pochino al di là dei fatti. Bisogna essere cretini per valutare il comportamento di un uomo morto nel 44 a.C. con i canoni morali del XXI secolo. Ma, del resto, le persone che aggrediscono un pezzo di bronzo spesso non sono dei geni. Però, in questo caso, la questione assume toni che vanno oltre il ridicolo e sfiorano il surreale. Cesare era un combattente e viveva in un mondo in cui guerra e schiavitù erano all'ordine del giorno. Ma questo era il suo parere sui Galli Belgi: «Tra i vari popoli i più forti sono i Belgi, ed eccone i motivi: sono lontanissimi dalla finezza e dalla civiltà della nostra provincia; i mercanti, con i quali hanno scarsissimi contatti, portano ben pochi fra i prodotti che tendono a indebolire gli animi». Quasi antiglobalista.

Evidentemente aveva affrontato Belgi capaci di battersi coi vivi e non solo con le statue dei morti. Li vinse ma stipulando anche una serie di trattati che contribuirono a portare la Gallia nel mondo romano, tanto che secoli dopo i galli ottennero la piena cittadinanza. Per gli standard dell'epoca poi non guasta ricordare che politicamente Cesare era legato ai populares... Era fortemente criticato per i suoi gusti sessuali alquanto ambigui (parola di Catullo) e capace di legarsi a Cleopatra. Una mossa che sarà stata anche di Realpolitik, ma avere un figlio con una non romana e riconoscerlo non era proprio una di quelle cose inseribili nel mos maiorum o nel concetto di purezza del sangue romano. Non per niente un grande storico dell'antichità, molto di sinistra, Luciano Canfora, ha definito Cesare nel titolo di un suo libro Il dittatore democratico. Insomma abbattere la statua di chiunque (a meno che non sia il tiranno del momento) è una cosa sempre senza senso. Ma in questo caso anche col senno del poi...

Cari vandali (intesi non come popolo, ma certo come barbari) avete proprio preso la statua del tizio, anzi del Caio, sbagliato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

rudyger

Mar, 16/06/2020 - 10:17

cosa dicono i nostri governanti ? e il presidente della repubblica italiana ? Niente, perchè questa è la democrazia.

ulio1974

Mar, 16/06/2020 - 10:36

questi personaggi, oltre che a studiare storia, dovrebbero ricordare che il 90% delle ricchezze dei nostri Paesi (UK, Francia, Belgio, Spagna e Olanda in primis) sono dovute alle conquiste coloniali ed allo sfruttamento di risorse fatto in passato: per essere coerenti con il loro non-pensiero dovrebbero anche restituire quelle ricchezze ai Paesi colonizzati.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 16/06/2020 - 11:03

se non si cancella la storia vera non si può "innalzare" la falsa storia!

ClaudioB

Mar, 16/06/2020 - 11:05

Solo un branco di imbecilli con un cervello piccolo piccolo.

Maura S.

Mar, 16/06/2020 - 11:28

Che hanno fatto i Belgio nel Congo………. altro che Giulio Cesare. L'allora monarchia ha praticamente e annullato questo paese Africano per cui dovrebbero fare una "MEA CULPA" e distruggere la statua del loro Re, che in quei giorni accumulava ricchezze personali con la schiavitù di intere generazioni.

killkoms

Mar, 16/06/2020 - 11:33

@ulio1974,dovrebbero ricordarlo per primi gli eterni sprovveduti italici!il bel complesso di sbarramenti e mulini a vento (che sono pompe idrovore) che protegge il territorio olandese (per la maggior parte sotto il livello del mare) fu costruito coi proventi dell'impero coloniale! Diversi anni fa,su una rivista di auto,un giornalista della stessa,in risposta ad un lettore che si lamentava delle nostre carenze infrastrutturali in viabilità e trasporti,disse che "mentre noi facevamo le guerre coloniali (etiopia)gli inglesi costruivano il Tube.."!in realtà anche il Tube (e tanto altro in gb) fu costruito coi proventi delle colonie!

Korgek

Mar, 16/06/2020 - 11:41

Distruggiamo le piramidi. I faraoni schiavizzavano, non lo sapevate?

maurizio50

Mar, 16/06/2020 - 11:51

Mi richiamo a quanto detto dal lettore ClaudioB. Notoriamente è l'uso continuato che sviluppa gli organi. Non a caso i primitivi avevano un cervello di piccole dimensioni. Ecco perchè gli imbecilli che distruggono le statue hanno il cervello pari a quello del pitecantropus erectus: perchè non riescono proprio ad usarlo!!!

cir

Mar, 16/06/2020 - 12:27

Maura S. Mar, 16/06/2020 - 11:28 :basta vedere le porcate fatte dagli italiani in Africa..specialmente in Libia.

27Adriano

Mar, 16/06/2020 - 12:34

...Se non fossero così imbecilli,...non sarebbero di sinistra!!

Riccardo111

Mar, 16/06/2020 - 12:48

Le sinistre son così, distruggono tutto. E' il loro metodo per portarci alla dittatura internazionale.

apostrofo

Mar, 16/06/2020 - 13:05

Il gesto romano di Giulio Cesare, quel braccio levato che invita ad andare ... è la giusta risposta a quei posteri che non avrebbero capito una mazza di storia né dell'evoluzione della civiltà

apostrofo

Mar, 16/06/2020 - 13:15

Korgek. Ti sei ma chiesto cosa hanno fatto i tuoi antenati ? Sei sicuro che non hanno fatto di peggio ? Prendi un bel secchio di vernice (rossa ovviamente) e vai a imbrattarli. Tu non sai perché lo fai , loro si. Atteggiamenti di intellettualoidi che vogliono cambiare la storia, anziché studiarla e trarne insegnamenti

AlvinS83

Mar, 16/06/2020 - 13:27

I rossi fanno pena proprio. Plasmano la storia a proprio piacimento. Che pena

frabelli1

Mar, 16/06/2020 - 13:47

Qualcuno ha la pretesa di cancellare o, peggio, riscrivere la storia. La Storia rimane, è quello che oggi siamo, altrimenti molti non sarebbero mai nati, vedi gli americani, vedi gli “afroamericani”. Non sarebbero mai nati perché i nonni o bisnonni non si sarebbero mai incontrati. Così per tutti gli altri. P.S. ma i neri che sono in Inghilterra dovremo chiamarli afroinglesi? Oppure quelli in Italia afroitaliani?

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 16/06/2020 - 13:58

#cir.PER NON PARLARE DI STALIN CHE HA UCCISO 70 MILIONI DI PERSONE!CIOE PIU DI HITLER!GENGIS KHAN E POL POT!MESSIN INSIEME!.

Malacappa

Mar, 16/06/2020 - 14:02

cir 12:27 ma quali porcate se in libia hanno strade fatte con la testa lo devono agli ingenieri italiani

Nicola48ino

Mar, 16/06/2020 - 14:10

State parlando di quel paese che ha dato i natali e le pasque a doucroux, quello che che che....... E pure i giudici che lo avevano nel processo erano come lui? O belgi lasciate stare Cesare che non siete degni di avere una statua del conquistatore delle gallie. Come si chiamava quell'abruzzese che non volle stringere le mani al Berlusca? Stessa risma di doucroux.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 16/06/2020 - 14:15

Il '68 ha ottenutolo scopo, lo scempio dei cervelli è completato e non basteranno venti generazioni per riacquistare un poco di ragione!

Korgek

Mar, 16/06/2020 - 15:15

@Apostrofo, non so se hai colto l'ironia... comunque i miei antenati erano ebrei, per cui più che altro so cosa hanno subìto.

Korgek

Mar, 16/06/2020 - 15:18

@malacappa, è tempo sprecato, per Cir gli ingegneri italiani sono P.iva che sanno solo evadere.

cir

Mar, 16/06/2020 - 15:29

Malacappa Mar, 16/06/2020 - 14:02 : non dire cavolate . le strade erano fatte per derubarli piu' velocemente . vedi piuttosto chi era re IDRIS...

killkoms

Mar, 16/06/2020 - 18:12

@cir,ma chi cip era re idr/iss?la libia quando fu occupata dall'Italia era una provincia dell'impero ottomano!non una nazione indipendente!quindi cambiò solo padrone!e il precedente padrone non era dolce con i libici (anche se i turchi erano islamici,gli arabi erano considerati solo una delle tante etnie sottoposte dell'impero ottomano)!