Pizzarotti: "Grillo è come la mamma di Psyco. Non c'è più da tanto tempo"

Federico Pizzarotti, sindaco di Parma: "Non mi stupirei se venisse cambiata direzione verso un accordo che includa anche Forza Italia trovando una scusa"

Il sindaco di Parma è scatenato. Ai microfoni di Circo Massimo, su Radio Capital, Federico Pizzarotti si sofferma sul rapporto tra Grillo e il M5S, con un paragone che fa davvero sorridere. "Per me il suo passo indietro (di Grillo, ndr) risale al 2014, non c'è più da tanto tempo. Basta guardare le presenze, i messaggi, le non presenze ed è tutto chiaro. Viene chiamato e presentato" da Di Maio e gli altri "per far vedere che c'è ancora, per far vedere che c'è il suo avallo, ma Grillo" nel M5S " è un po' come la mamma di Psyco. Ora poi ha anche un blog suo, più di questo...".

Pizzarotti poi fa un'analisi politica: "Se non ci fosse un governo, Lega e M5S continuerebbero a crescere. Le nuove elezioni sarebbero un ballottaggio nazionale". E quando gli chiedono se il M5S andrà al governo con l'intero centrodestra, Berlusconi compreso, risponde in questo modo: "Il più è trovare la chiave comunicativa giusta. Io ormai mi aspetti di tutto, anche questo. Del
resto hanno già votato il presidente del Senato di Forza Italia".

Per il primo cittadino di Parma, a lungo voce critica e spina nel fianco del Movimento, i 5 Stelle giocano tutto sulla comunicazione: "Quando c'è da dire qualcosa di aggressivo usano Di Battista, quando si va sull'istituzionale Di Maio. Dietro ogni post dubito non ci sia una strategia comunicativa. E ormai chi va a vedere il blog delle stelle? Nessuno. Tutti vedono le pagine Fb di Di Maio e Di Battista, sono usate come house organ. Ormai il M5S - prosegue - on ha più nulla di quel che aveva nel passato".

E a chi gli domanda se i 5 Stelle andranno al governo, risponde: "Essendo il partito di Di Maio - replica - lo sa solo lui, è molto difficile sapere quello che deciderà in autonomia Di Maio". La metamorfosi che si è consumata nel Movimento "non me l'aspettavo nella misura in cui pensavo che gli attivisti si sarebbero ribellati, mi sorprende che qualsiasi cosa decisa dall'alto venga bevuta senza muovere una critica, mentre bisognerebbe sempre chiedersi perché avvengano le cose".

Per il sindaco parmense, c'è una costante ricerca di "consenso, anche sugli apparati e centri di potere", si muove tutto "per non avere bastoni tra le ruote e rimuovere gli ostacoli".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mariod6

Gio, 12/04/2018 - 11:24

In tutti i partiti esiste solo la caccia alle poltrone. Chi riesce a sedercisi sopra poi non molla l'osso nemmeno sotto minaccia di un fucile. Pizzarotti per primo !! D'altronde, dove si trova un impiego così ben remunerato senza nessun livello di merito ???

Giovanmario

Gio, 12/04/2018 - 11:27

forse grillo non sarà più padrone del movimento.. ma dei parlamentari è molto probabile.. per caso non ci saranno delle cambialette firmate in bianco da riempire al momento giusto?.. mah!..

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 12/04/2018 - 11:35

"Quando c'è da dire qualcosa di aggressivo usano Di Battista, quando si va sull'istituzionale Di Maio. Dietro ogni post dubito non ci sia una strategia comunicativa. E ormai chi va a vedere il blog delle stelle? Nessuno. Tutti vedono le pagine Fb di Di Maio e Di Battista, sono usate come house organ. Ormai il M5S - prosegue - non ha più nulla di quel che aveva nel passato".Pizzarotti secondo me ha visto giusto: il giochino dei due forni per rendere tutto più caotico e, M5s, elevarsi a moralizzatore assoluto. Al di là della quaestio vitalizi (sacrosanta) e di un calabraghismo a dictat del manettaro dei Murazzi, c'è una confusione incredibile su tutto il resto, specie in politica estera.

ginobernard

Gio, 12/04/2018 - 12:29

Mi chiedo come mai 5 anni di governo. Mi sembrano tantissimi. Secondo me in 3 anni (come dura di solito il mandato di un amministratore delegato) già si vede che piega prende il paese.

pilandi

Gio, 12/04/2018 - 12:33

Capitan Pizza, brucia ancora eh...

Ritratto di ateius

ateius

Gio, 12/04/2018 - 12:54

certo che grillo si defila...milioni di voti raccolti promettendo uno Stipendio per tutti.. senza lavorare. probabilmente darà vita ad un nuovo partito contro le promesse elettorali dei partiti. è cè da scommettere che racccoglierebbe nuovamente milioni di voti. cavalcando l'onda...in un paese di stolti.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Gio, 12/04/2018 - 15:39

@ ateius, si è possibile che Grillo crei un altro partito e sempre con obbligo di non più di due mandati così tutti i suoi seguaci pentastellati continueranno a far "politica" in eterno guadagnando sempre sulle spalle degli italiani che pagano onestamente le tasse.

titina

Gio, 12/04/2018 - 17:20

Io non credo che Grillo si sia messo da parte. e vorrei sapere quali poteri forti ci sono dietro al movimento. Pizzarotti è l'unico grillino o ex grillino che ha tutta la mia stima e fiducia.

Ritratto di perigo

perigo

Gio, 12/04/2018 - 21:49

Non sono grillino, ma le parole di Pizzarotti danno la misura del punto di non ritorno in cui è caduta l'Italia per colpa delle alchimie elettorali dei partiti. Quale messaggio si lancia ai cittadini, di qualunque orientamento politico essi siano? Come si può pensare di creare un disgustoso melting pot tra chi fino ad ieri si scannava, con dichiarazioni di fuoco e programmi antitetici gli uni con gli altri? Bisogna cambiare la legge elettorale in senso maggioritario con ballotaggio al 2º turno, e tornare subito al voto. Deve governare una sola coalizione, o un solo partito, se riesce ad aggiudicarsi la maggioranza al 1º o al 2º turno. Lasciamo stare inciuci, manfrine, schifezze varie: la gente non capisce e si allontanerà ancor di più dalla politica.

routier

Ven, 13/04/2018 - 09:12

Pizzarotti è l'unico della galassia (o ex galassia) di Grillo che dice cose sensate.