Pizzarotti: "Il Movimento 5 Stelle è in agonia profonda. La desistenza è un'ipotesi seria"

Il sindaco di Parma dice che in Emilia-Romagna i pentastellati rischiano di andare ancora più in basso dopo il risultato in Umbria. E aggiunge che alle Regionali sosterrà il candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini

Sottolinea che il Movimento 5 Stelle è in un momento di “agonia profonda”. E aggiunge che in Emilia-Romagna, i pentastellati rischiano di andare ancora più in basso dopo il risultato in Umbria. Federico Pizzarotti, sindaco di Parma e leader di Italia in Comune, esprime un giudizio sull’appuntamento elettorale che si svolgerà nella sua Regione il 26 gennaio.

Secondo Pizzarotti, “la desistenza” potrebbe essere “un’ipotesi seria e di buon senso". In sostanza, per il primo cittadino di Parma sarebbe meglio che il Movimento rinunci a candidarsi. Anche perchè i pentastellati stanno passando dal 32% delle Politiche "a un ruolo di minoranza", come evidenzia lo stesso sindaco.

In un’intervista al Corriere della Sera, Pizzarotti dice che darà il suo sostegno al candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini e auspica che sia lui a vincere rispetto a Lucia Bergonzoni, “che non ha espresso un programma o un' idea ma solo una vaga idea di cambiare senza dire come”, specifica il sindaco. A questo proposito, il leader di Italia in Comune spiega che l’Emilia Romagna è un baluardo tra le regioni del Nord a trazione leghista e quelle del Sud che lo stato diventando. Precisa inoltre che la vittoria è un obiettivo per invertire la tendenza dopo il voto umbro ma allo stesso tempo sottolinea che il risultato non sarà decisivo per la sopravvivenza dell’esecutivo. Un esecutivo che secondo il parere di Pizzarotti rappresenta “un'unione innaturale e strumentale nata con lo scopo di arrivare alle elezioni del prossimo capo dello Stato per garantire una scelta moderata. Qualsiasi risultato non cambierà il percorso”.

Sabato 16 novembre a Bologna il sindaco parmense parteciperà all’assemblea del Partito democratico. Pizzarotti ha intenzione di esprimere alcuni concetti importanti ovvero che il Pd deve riformarsi e allo stesso tempo deve iniziare una fase costituente per mettere in discussione forma, modelli e anche il nome. Per il leader di Italia in Comune “la parte progressista del Pd ha perso la sua forza propulsiva e manca una visione del Paese”. In sostanza, Pizzarotti crede che al centrosinistra servano alcune componenti per contrastare la destra. Si tratta di tre anime: “una progressista, una più sociale legata al lavoro e ai diritti e una ecologista che guarda allo spazio lasciato dai Verdi”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Lun, 11/11/2019 - 12:58

arrivare alle elezioni del prossimo capo dello Stato per garantire una scelta moderata...adesso eleggere un sinistroide,contro il volere degli ITALIANI è democratico???

agosvac

Lun, 11/11/2019 - 13:57

Comincio a credere sul serio che questo Governo all'elezione del Capo dello Stato non ci arriverà.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Lun, 11/11/2019 - 14:05

QUESTO COME TUTTI I POLITICI, QUANDO IL MARE E' IN TEMPESTA OGNI PORTO E' QUELLO BUONO, EMILIANI NON FATE COME LUI

routier

Lun, 11/11/2019 - 14:08

Alle regionali Pizzarotti sosterrà il candidati PD. Non ne avevamo il minimo dubbio!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 11/11/2019 - 17:10

M5S sta morendo, anche se gli eletti sono ancora in Parlamento e pare non se ne vogliano accorgere. Del resto li aspettano 3 anni ben pagati, anche senza fare niente. Per 3 anni mangeranno, poi chissà.