Ppe, vittoria di Forza Italia: Antonio Tajani eletto vice presidente

L’elezione di Antonio Tajani è avvenuta oggi a chiusura del congresso del Ppe tenutosi a Zagabria, in Croazia. Grande soddisfazione da parte di Forza Italia

Ppe, vittoria di Forza Italia: Antonio Tajani eletto vice presidente

Antonio Tajani è l'unico italiano eletto fra i 10 vicepresidenti del Partito popolare europeo. La votazione è avvenuta oggi a chiusura del congresso del Ppe tenutosi a Zagabria, in Croazia.

Tajani ha ricoperto il ruolo di presidente del Parlamento europeo per oltre due anni. Il 17 gennaio 2017, infatti, venne eletto con 351 voti succedendo al tedesco Martin Schulz. Il neo vice presidente dei popolari nel luglio scorso è stato nominato anche presidente della Commissione affari costituzionali al Parlamento europeo.

"Sono stato eletto vice presidente del Partito Popolare Europeo. Grazie alla famiglia dei popolari e a tutti i delegati, che con il voto di oggi mi hanno dato ancora una volta la loro fiducia. Lavorerò con orgoglio perché in Europa trionfino i valori di democrazia e libertà!". È il messaggio scritto su twitter da Tajani subito dopo la ratifica del risultato del voto.

Alla notizia l’elezione di Tajani come vice presidente del Ppe deputati e senatori di Fi hanno espresso grande soddisfazione. Molti esponenti azzurri, infatti, sottolineano che il risultato è un riconoscimento anche per tutti i moderati italiani.

Tra le prime a congratularsi con il collega di partito è stata Mariastella Gelmini, capogruppo di Fi alla Camera dei deputati, che in un post pubblicato su Twitter ha dichiarato:"Congratulazioni all’amico Antonio Tajani, eletto vice presidente del Partito Popolare europeo. Una bella notizia, la dimostrazione del ruolo centrale di Forza Italia in Italia e in Europa, una garanzia di serietà e professionalità politica per il Ppe. Buon lavoro, Antonio".

Soddisfatto anche il senatore Maurizio Gasparri che ritiene l’elezione di Tajani come un evento utile e prezioso per l'intera politica italiana. “Le nostre scelte politiche sono chiare e coerenti, alternative a tutte le sinistre, anche a quelle un pò scolorite di stampo renziano. Forza Italia è una colonna fondamentale del Ppe e il Ppe deve essere sempre di più la forza politica in grado di unire in Europa le forze alternative alla sinistra, come ha saputo fare Silvio Berlusconi in Italia".

Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Fi, sottolinea che il risultato del voto di Zagrabria è “un'ottima notizia per l'Italia e per il centrodestra. Tajani, con la sua grande esperienza, saprà infatti essere un punto di riferimento per aprire un indispensabile dialogo anche in Europa con Lega e Fdi per difendere gli interessi del Paese”.

La vicepresidente della Camera e deputata di Fi Mara Carfagna, da tempo considerata una malpancista pronta a lasciare gli azzurri per raggiungere Matteo Renzi nel suo nuovo partito Italia Viva, su Twitter ha dichiarato di essere sicura che il collega di partito “saprà rappresentare al meglio il nostro Paese all'interno della famiglia popolare europea".

Per l’europarlamentare Massimiliano Salini, la nomina Tajani alla vicepresidenza del più grande partito d'Europa è la garanzia della centralità dei moderati e dei liberali in Europa. Ciò sarà “un elemento essenziale per il rilancio delle istituzioni dell'Unione Europea nel segno della tradizione cattolica e liberale”. Lo stesso Salini esprime le sue “più sentite congratulazioni al neo vicepresidente Tajani il cui eccellente lavoro è da sempre improntato sulla tutela delle famiglie, del lavoro e dell'impresa. La sua esperienza è un contributo fondamentale per guidare il nostro operato nel più importante partito europeo". La presenza ai vertici del Ppe, dichiara infine Salini, “dà continuità all'impegno di Forza Italia a Bruxelles per tenere alto il nome del nostro Paese in Europa e nel mondo, con un impegno costante rivolto alla crescita, al rilancio dell'industria e dell'occupazione, e per ridare all'Italia il protagonismo che merita in quanto capofila degli Stati del Mediterraneo".

Commenti