Quaderni, pile e shampoo "vietati". Nei supermercati è caos acquisti

Federdistribuzione: limitazioni senza senso, il decreto dice altro

La spesa on line è fuori discussione, anche solo provarci è un'impresa. Coda infinita, le stime più funeste raccontano di tempi biblici, aprile dice qualcuno. E allora non resta che infilarsi mascherina e guanti e affrontare la coda per entrare al supermercato. Corsie belle piene e felicemente assortite. E invece ecco quelle strisce bianche a circondare scaffali interi: «Vietata la vendita per questi articoli». Blocchi sui prodotti non alimentari o «di prima necessità». È la risposta di Esselunga, Carrefour, Eurospin, diversi punti vendita della grande distribuzione in base alle norme contenute nell'ultimo decreto del Governo che dispone la possibilità di vendere solo beni di prima necessità. Divieto di comprare biancheria, quaderni o pennarelli, articoli per il giardinaggio, shampoo, bagnoschiuma, pile, spray anti zanzare. Non si può toccare niente. Peccato perché a voler vedere le zanzare, causa i caldo di questi giorni, si sono già affacciate nei giardini dei condomini milanesi. «Limitazioni che non hanno molto senso - dicono dalla Federdistribuzione, la definizione dei prodotti necessari - e dunque consentiti, lascia spazio a diverse interpretazioni che creano confusione. Chi stabilisce che un detergente non sia necessario? Non solo. Il divieto riguarda il sabato e la domenica, quindi costringe i clienti a ripresentarsi in giorni feriali creando ulteriori code».

Sui social diversi genitori raccontano di essere stati bloccati alle casse con quaderni o matite colorate, strumenti necessari ai loro figli per fare i compiti. Altri in coda si sono visti requisire cucchiai di legno per lo stesso motivo. Qualcuno parla di concorrenza sleale nei confronti di esercizi che sono invece costretti dal decreto alla chiusura forzata. Ma è ancora la Federdistribuzione che fa chiarezza sul tema: «Basterebbe essere fedeli al decreto dell'11 marzo che regolamenta le aperture sulla base delle attività e non sulle merci da vendere. Non c'è infatti specificità sui prodotti». Un falso problema dunque che però ha generato non pochi problemi soprattutto alle famiglie già sottoposte a dura prova in questo momento.

«Dobbiamo essere liberi di vendere tutto quello che è sui nostri scaffali perché non ci è possibile creare confini tra le diverse categorie di prodotti dentro i punti vendita», afferma l'amministratore delegato di Conad Francesco Pugliese sottolineando la difficoltà di «creare e gestire, aree interdette al pubblico per la vendita di prodotti non alimentari all'interno di supermercati e ipermercati, in quanto spesso non esistono vere e proprie aree riservate a quelle categorie merceologiche». Senza considerare che i limiti obbligherebbero i clienti ad uno spazio ristretto e quindi sarebbe difficile rispettare la distanza. Di diverso avviso i sindacati. «Chiediamo che nei supermercati sia consentito solo ed esclusivamente l'acquisto generi di prima necessità, impedendo alla clientela di girovagare nei negozi in cerca di generi assolutamente inutili. Basta, fare la spesa non è l'occasione per uscire di casa». Intanto Alessio Labio, responsabile Cgil Ccnl per il Terziario lancia l'allarme per i lavoratori del settore: «Rischi fortissimi: basta immedesimarsi in un addetto alle vendite di un supermercato per capire cosa significa». «Siamo allo sbaraglio»; «siamo allo sbando»; «siamo in balia dei clienti», dicono le commesse e i cassieri che si sentono dimenticati ma che si ritrovano ad alto rischio Covid 19 e a gran voce chiedono al Governo «tamponi immediati oltre a guanti e mascherine anche tute protettive».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Roberto 4444

Mer, 18/03/2020 - 10:17

Nell'articolo si indica una differenza tra giorni feriali e festivi. Ho telefonato a 2 Esselunga e tale differenza non sembra esistere, nel senso che il divieto di vendita di beni non di prima necessità varrebbe tutti i giorni

Cicaladorata

Mer, 18/03/2020 - 10:17

E' solo mia impressione che i prezzi degli alimentari siano in ascesa di un + 50% ??? Ci manca solo che salga l'inflazione, all'interno di una forte recessione con il lavoro bloccato !!! Meglio ricominciare a far girare tutta l'economia e tutte le persone scegliendo l'immunità di gregge.

kallen1

Mer, 18/03/2020 - 10:22

Allora bisognerebbe vietarne la vendita anche sui vari siti e-commerce altrimenti si genera una sorta di concorrenza sleale.....

sbrigati

Mer, 18/03/2020 - 10:25

Non ho ben presente una cosa, se nei supermercati è vietata la vendita di shampoo e bagnoschiuma, con cosa ci si lava? Ed inoltre, cosa vendono le profumerie?

roberto67

Mer, 18/03/2020 - 10:39

Se un supermercato raziona o vieta parte dei suoi prodotti si lascia lì tutto e si va in un altro supermercato.

Ritratto di Trinky

Trinky

Mer, 18/03/2020 - 10:42

Comunque dicono ai ragazzi di scrivere, disegnare e fare i compiti: poi dovranno spiegare come visto che per fare quelle cose occorrono carta, penne e matite colorate...

paco51

Mer, 18/03/2020 - 11:03

E' una pazzia all'italiana! se è aperto si dovrebbe comperare tutto unitamente agli alimentari.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 18/03/2020 - 11:35

Paco51, concordo. Logica incomprensibile...

Giorgio Rubiu

Mer, 18/03/2020 - 11:59

Non riesco a capire la logica. La capirei se ci fosse il rischio di accaparramento che però può essere evitato limitando le quantità delle cose che si acquistano, non il loro tipo merceologico. C'è sotto qualcosa di poco chiaro o una cattiva interpretazione delle regole da parte dei gestori.

jaguar

Mer, 18/03/2020 - 12:35

Non c'era bisogno dell'ennesima conferma, ma adesso si capisce da chi siamo governati.

Ritratto di ager

ager

Mer, 18/03/2020 - 12:41

Come al solito questo governo si conferma composto da dilettanti allo sbaraglio, il problema è che allo sbaraglio, cioè in malora, stanno mandando tutto il paese.

jaguar

Mer, 18/03/2020 - 13:03

Pubblicate i nomi degli illuminati che hanno deciso queste limitazioni.

0rl4nd0

Mer, 18/03/2020 - 13:47

Scusate... la logica c'è eccome! Isolando cose si limita la permanenza delle persone che staranno dentro solo lo stretto necessario riducendo gli assembramenti. Tutto questo a tutela del clienti e degli addetti e di chi è fuori a fare la fila. Apposta sono aperte le profumerie per igiene personale e tabaccherie che spesso (almeno qui in emilia) hanno penne, matite e quaderni. Non è difficile da capire.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 18/03/2020 - 15:49

Egregio 0rl4nd0, noin credo proprio che il tempo necessario per aggiungere ad un carrello quaderni, penne e saponi sia superiore a quello speso o da spendere per passare in profumeria, tabaccheria e simili... Diciamo due o tre minuti in piu'? Mi spiace, ma la limitazione e' proprio incomprensibile.

sbrigati

Mer, 18/03/2020 - 17:38

Orl4ndO. Allora secondo lei si perde più tempo a prendere saponi ecc. da uno scaffale e metterli in un carrello, che recarsi dopo anche in profumeria?