Quando Monti diceva: "La Grecia dimostra il successo dell'Euro"

Ospite di Gad Lerner a "L'infedele", Mario Monti affermava: "La Grecia è un caso scuola di come la moneta unica l'abbia aiutata a trasformarsi"

Quando Monti diceva: "La Grecia dimostra il successo dell'Euro"

Era il 29 settembre del 2011, nel pieno di quella tempesta finanziaria che aveva già travolto la Grecia e sembrava dover far colare a picco anche l'Italia. Silvio Berlusconi, allora a capo del suo IV governo, avrebbe annunciato le dimissioni dopo un paio di mesi, ma il rettore della Bocconi già scaldava i motori in attesa di una nomina che sarebbe arrivata il 16 novembre. In quei mesi che precedevano la sua salita a Palazzo Chigi, Mario Monti andò ospite di Gad Lerner alla trasmissione "L'infedele" su La7 per parlare della situazione dell'euro e della Grecia.

Il giudizio del professore sulla situazione greca lascia sbalorditi. Soprattutto per quanto era lontano dalla realtà dei fatti, nonostante il senatore a vita fosse da tutti considerato l'uomo in grado di traghettare fuori dalla crisi l'Italia, forte delle conoscenze in campo economico e comunitario che aveva potuto accumulare nella sua lunga carriera accademica.

Evidentemente, il professore non aveva ben chiaro quello che stava succedendo. Nel suo intervento a "L'infedele" disse: "Stiamo assistendo al grande successo dell'euro, e qual è la manifestazione più concreta del grande successo dell'euro? La Grecia". Atene colava a picco e già si annusava la crisi per tutta l'eurozona, ma Monti era certo che l'esempio della Grecia fosse da seguire. Ecco spiegato il motivo: "Perché l'euro - aggiunse il professore - è stato creato per convincere la Germania che attraverso l'euro e i suoi vincoli la cultura della stabilità tedesca si sarebbe diffusa a tutti. Quale caso di scuola si sarebbe potuto immaginare milgiore di una Grecia che è costretta a dare peso alla cultura della stabilità e sta trasformando se stessa?".

Una trasformazione, quella immaginata da Monti, che l'avrebbe portata in salvo. Invece, circa quattro anni dopo, le previsioni del professore si rivelano sbagliate: l'euro è a rischio crollo e la Grecia ha chiuso la Borsa e le banche. Non c'è che dire, professore: previsione azzeccata.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti