Il fortino della Toscana resta rosso: il dem Giani batte la Ceccardi

La Toscana resta saldamente a sinistra. Renzi esulta: "Grazie a Giani per la bellissima e meritata vittoria". La segretaria regionale del Pd Bonafè: "Abbiamo fermato Salvini"

Il fortino della Toscana resta rosso: il dem Giani batte la Ceccardi

La Toscana resta saldamente a sinistra. È il dato che emerge dalle proiezioni dei principali istituti demoscopici. Eugenio Giani, candidato del centrosinistra nella terza proiezione del Consorzio Opinio Italia per la Rai (campione al 37%) è al 48% dei consensi, mentre Susanna Ceccardi, candidata del centrodestra, è al 40,7%. Sulla stessa lunghezza d'onda la terza proiezione Swg per La 7 (campione 41%): Giani al 47,5%, contro il 40,6% della Ceccardi. In Toscana hanno votato il 62,6% degli aventi diritto, pari a 1.870.035 elettori. Ceccardi ha già inviato un messaggio al rivale, congratulandosi per la vittoria. L’europarlamentare della Lega ha augurato a Giani di governare per il bene di tutta la Toscana.

I risultati dei partiti

Con 2.090 seggi scrutinati su 3937 il primo partito in Toscana è il Pd, con il 35,23%. La Lega segue con il 21,4%. Terza forza Fratelli d'Italia, con il 13,47%. Il Movimento 5 Stelle prende il 7,01%. Italia Viva al 4,52%, davanti a Forza Italia con il 4,15%. Le altre liste del centrosinistra: Orgoglio Toscana per Giani 2,92%, Sinistra Civica Ecologista 2,89%, Europa Verde 1,67%, Svolta! 0,32%. Nel centrodestra troviamo Toscana civica per il cambiamento all'1,06%. Le altre liste: Toscana a Sinistra 2,85%; Partito comunista 1,13%; Partito comunista italiano 0,94%; Movimento 3 V-Libertà di scelta 0,44%.

Le reazioni

"Sono felice e sereno - ha detto Giani nel suo primo commento a caldo - perché sento che questo è un risultato che premia la Toscana, il voto dei toscani per la Toscana. Dedico il successo a mia moglie. A ciascuna delle sei liste della mia coalizione dico un grande grazie", aggiunge Giani, salutando il presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, arrivato a Firenze per festeggiare la vittoria del centrosinistra. "Sono emozionato, commosso e felice - ha aggiunto Giani -. Mi sento orgoglioso di poter esprimere la passione e il sentimento dei toscani. Se ero preoccupato? Il vero sondaggio da cui parto e da cui facevo le mie valutazioni era il patto di San Gimignano, ovvero il fatto che 186 sindaci della Toscana mi hanno sostenuto".

"È stata una bella partita - ha scritto Ceccardi su Facebook -. Io ci ho creduto fino alla fine e non mi sono risparmiata un secondo. Ci ho messo anima e cuore, insieme a tutti quelli che mi hanno aiutata. Grazie in primis ad Andrea, il mio primo supporter, consulente, amico, il mio grande amore. Grazie ai ragazzi del mio staff: siete stati fantastici. Grazie a tutti voi amici, perché siete sognatori che amano la nostra Toscana come nessuno. Adesso buon lavoro a Eugenio Giani, con l'auspicio che lavori per il bene di tutti i Toscani".

"Siamo molto contenti e felici: abbiamo fermato Salvini - commenta l'europarlamentare Simona Bonafè, segretaria del Pd regionale -. I toscani non hanno creduto ai falsi toni moderai di Salvini e neppure ai falsi toni concilianti della Ceccardi. I cittadini hanno premiato il modello toscano, a partire dalla sanità, e non si sono fatti abbindolare dalle false promesse del centrodestra, che peraltro ha fatto una campagna tutta nazionale: Meloni e Salvini avevano altri obiettivi, non certo la Toscana. Il loro obiettivo era nazionale, il nostro locale".

"Grazie a Eugenio Giani, candidato gentiluomo, per la bellissima e meritata vittoria. La Toscana oggi sorride", scrive su Facebook Matteo Renzi (Italia Viva). Poi su Twitter ha aggiunto: "Salvini voleva prendersi in Toscana la rivincita del Papeete, un anno dopo. Operazione fallita! Oggi si festeggia! Grazie a Eugenio Giani, grazie ai toscani".

"Lo sconfitto di queste elezioni è Matteo Salvini", dichiara il sindaco di Firenze Dario Nardella. "Ha preso una doppia sberla, dopo l’Emilia Romagna, con la Toscana; il suo unico candidato vero, la sua pupilla, ha perso clamorosamente in questa regione. In Veneto Zaia ha vinto per meriti prevalentemente propri. Ma non guardiamo le cose in casa altrui perchè abbiamo da gioire soprattutto per quel che è successo in Toscana e a Firenze".

Ceccardi: "Toscana contendibile è risultato storico"

"Possiamo vedere un sostanziale bipolarismo - dichiara la Ceccardi nella conferenza stampa a commento del voto - sono scomparse la sinistra estrema e il M5S: questo polarizza la partita nelle regioni, è partita fra centrosinistra e centrodestra ovunque. Ringrazio anche i leader del centrodestra, Salvini, Meloni, Tajani, Berlusconi che hanno dato supporto alla nostra campagna, ma non si sono sostituiti a noi, che siamo stati artefici della strategia, della campagna sui territori. Credo che il merito sia anche dei nostri bravi parlamentari, candidati consiglieri regionali, sindaci, perché se questo è un risultato storico, se la Toscana è stata contendibile, forse un po' è anche merito dell'impegno che abbiamo messo".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti