"Renzi e Bersani nel Pd". Bonaccini già studia da segretario democrat

Il governatore: «È tempo di andare oltre Zingaretti e recuperare i voti perduti»

S tefano Bonaccini «riporta» Renzi e Bersani nel Pd e lancia il modello Emilia per il dopo Zingaretti. Il presidente della Regione Emilia Romagna dà il benservito al segretario uscente: «Zingaretti ha preso un partito che era sprofondato al 18%, ha subito delle scissioni ed è riuscito a mettere il Pd in una carreggiata che ci ha visto protagonisti in tanti comuni che abbiamo riconquistato, ha rimesso in piedi una forza politica che ha avuto l'intelligenza e il coraggio di mettere in campo il governo giallorosso». Finita la fase della ricostruzione, per Bonaccini «è tempo di andare oltre Zingaretti».

Venerdì sera dal palco della Festa dell'Unità di Modena, il governatore compie un passo in avanti sulla strada verso la guida dei democratici. Il presidente della regione rossa rompe il ghiaccio e apre all'ipotesi di un ritorno di Matteo Renzi: «Se mi chiedi se devono rientrare Renzi e Bersani io dico rientrino pure. Noi dobbiamo riportare quelli che sono usciti e non ci votano più, non Renzi e Bersani in quanto tali». Messaggio che Bonaccini ripete (ieri) dallo stesso palco nell'intervista a Lucia Annunziata: «Più che Renzi e Bersani mi interessa recuperare i milioni di voti che sono andati via. Nel 2008 Il Pd aveva 12 milioni di voti: vorrei che provassimo a recuperare quei voti, se vogliamo vincere le elezioni politiche mi auguro fra due anni quando si voterà». Bonaccini ha in mente un modello Emilia per il suo Pd: «Se non facevamo così l'Emilia-Romagna sarebbe stata l'undicesima regione perduta, invece siamo andati a recuperare quei voti». Anche se il merito all'ipotesi di una corsa per la leadership non si sbilancia: «Se voglio fare il segretario? Non me ne frega niente». Poi arriva l'affondo contro la segreteria Zingaretti: «Non ci può bastare il 20-22%, serve un'alleanza costruita attorno a una forza che prima ancora che scegliere gli alleati, che sono importanti, ha una sua identità, che è un perno attrattivo per elettori indecisi o che ci avevano lasciato». Parole che al Nazareno vengono lette come il passo decisivo verso la discesa in campo. Bonaccini si candida a essere l'anti-Zingaretti.

Dal palco di Modena piomba una bordata contro la scelta del Pd di rinunciare alla vocazione maggioritaria: «Non possiamo immaginare una coalizione che nei prossimi anni viva di anti. Non dobbiamo essere contro qualcuno ma a favore di qualcosa», attacca Bonaccini. Ecco, dunque, la sconfessione in pubblico della linea di Zingaretti sulla legge elettorale proporzionale: «La prima riforma che farei è una riforma elettorale che consente a chi vince le elezioni di Governare 5 anni. Un Paese fai fatica a governarlo se ogni anno rischia di cambiare il Governo». Bonaccini lega il futuro del premier Giuseppe Conte al rilancio dell'economia italiana: «Se nei prossimi due anni il governo riuscisse a investire risorse portate dall'Europa e a recuperare la curva di Pil, Conte diventerebbe naturalmente un possibile leader di centrosinistra». Ma insiste sul modello emiliano: «Se qui abbiamo vinto è perché, dopo esserci chiusi in stanza per paura di prendere qualche fischio, abbiamo avuto il coraggio di tornare nelle piazze. Con le correnti troppo cristallizzate non vanno avanti i giovani migliori ma quelli che vanno bene al capo corrente di turno». Il ritorno alla vocazione maggioritaria (di renziana memoria) sarà il cuore del manifesto politico di Bonaccini. Nel frattempo il governatore tesse la tela. Graziano Delrio, capogruppo del Pd alla Camera e leader della corrente Base riformista, è il ponte con gli ex renziani. Vasco Errani, senatore di Articolo Uno ed ex governatore dell'Emilia Romagna, lavora alla riconciliazione con Pier Luigi Bersani e i vecchi compagni. Con la corrente dem di Dario Franceschini il dialogo è aperto. La corsa verso il congresso è ufficialmente iniziata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

aldoroma

Dom, 13/09/2020 - 10:28

Renzi va e poi ritorna... Ieri Pd, oggi Italia viva. Domani Pd, poi... Chissà

2milan

Dom, 13/09/2020 - 10:55

Qualcosa mi dice che non la farà mai, quella riforma elettorale: se la facesse sul serio, e cioè se chi vince governasse 5 anni, il Partito Democratico (?) non metterebbe più piede nelle stanze del potere per i prossimi 30 anni. Visto che non è previsto dal loro statuto, diventerebbe presto l'ennesimo segretario dem a saltare in 10 anni.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 13/09/2020 - 11:03

Bersani, nato nel 1951 a Bettola, è stato P/te dell’Emilia-Romagna tra il 1993 e il 1996, Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato nei governi Prodi I e D'Alema I, Ministro dei trasporti e della navigazione nei governi D'Alema II e Amato II, Ministro dello sviluppo economico nel governo Prodi II. Ora qualcuno a sinistra lo vuole anche come P/te della Repubblica. Purtroppo non spetta al Popolo designarlo per il Quirinale. Speriamo in una scelta migliore, meno a sinistra e non troppo "politica".

barnaby

Dom, 13/09/2020 - 11:21

Elettori, leggete quello che ha scritto il raccapricciante governatore uscente della Toscana Enrico Rossi contro centrodestra, Salvini e Ceccardi prima di decidere se credere a questi ipocriti. Più Renzi e più Bersani o meno Renzi e meno Bersani, purtroppo malsane congetture sono diffuse dentro il partito e i dodici milioni di voti Bonaccini se li può solo sognare!

ziobeppe1951

Dom, 13/09/2020 - 11:23

Sono alla canna del gas..se potessero, candiderebbero il Papa

paolinorispondi

Dom, 13/09/2020 - 11:37

Manca solo topolino paperino e pluto e poi sono al completto.

ROUTE66

Dom, 13/09/2020 - 11:56

Ceeeeeerto che Torna,così comè ,rischia di restare fuori. Certo che ne girano di facce di TOLLA da quelle parti.

ROUTE66

Dom, 13/09/2020 - 12:00

DEL RESTO SE PROPRIO ANDASSE MALE CHE PROBLEMA Cè. ALTRO segretario E MAGARI ALTRO CAMBIO DI NOME. DA PC,fino a PD,e ora una riffa per il nuovo nome

Jon

Dom, 13/09/2020 - 12:05

Studia?? BAsta poco allora per raggiungere Zinga o Bersani..!! Due mesi in piu' per confrontarsi con Renzi, abile Furbacchione...

idleproc

Dom, 13/09/2020 - 12:32

E' divertente. Alleandosi in alto col peggio e facendo il peggio del peggio in basso, sono stati coerenti con la Tradizione storica dimostrando insieme ai soci che la sinistra "europea" e socialdemocratica non rappresenta alcun genere di futuro. Sono la migliore propaganda contro il socialismo.

jaguar

Dom, 13/09/2020 - 12:38

Zingaretti si rifarà come sindaco di Roma, toglierà alla Raggi il primato di peggior sindaco capitolino.

ciccio_ne

Dom, 13/09/2020 - 12:48

12 milioni di zecche? È quella la vera pandemia

SemprePiùBasito

Dom, 13/09/2020 - 14:05

Ne sono felice che Renzi ritorni nel PD così aiuta a perdere voti. Se la gente non ha la memoria corta si rammenta quanto amore abbia per i clandestini, vedi Bellanova, quanti danni abbia fatto con il suo Governo il suo partito personale. Ricordatevi che il giullare di Rignano D'Arno porterà questo Paese ad un malumore profondo.

ItaliaSvegliati

Dom, 13/09/2020 - 14:31

Si al 3%...