Sì a guerra e atomica per l'86% dei russi. Ecco il Paese di Putin

Il rapporto choc di "Active Group". La maggioranza è favorevole anche a colpire Polonia e Repubbliche Baltiche

Sì a guerra e atomica per l'86% dei russi. Ecco il Paese di Putin

Sei russi su sette (l'86,6% del campione intervistato) sostengono in principio un'eventuale aggressione militare di Mosca a Paesi dell'Unione Europea. Non solo: i tre quarti degli intervistati non sono contrari nemmeno all'impiego da parte della Russia di armi nucleari. Lo rivela un sondaggio pubblicato da Active Group, un gruppo di ricerca ucraino. Il campione è stato consultato tenendo conto delle leggi restrittive russe che obbligano a usare la dicitura «operazione speciale» al posto di «guerra» e a definire «nazisti» le forze militari difensive ucraine.

«L'impressione generale che abbiamo ricavato dall'indagine spiega Andriy Eremenko, che ha fondato Active Group nel 2011 è che i russi che hanno accettato di rispondere alle nostre domande dimostrino aggressività non solo verso l'Ucraina, ma anche nei confronti dell'Ue». I tre quarti del campione approverebbero l'eventuale estensione dell'attuale «operazione speciale in Ucraina» a ulteriori Paesi, e indicano nella Polonia il bersaglio preferito. L'idea di recuperare con la forza l'impero sovietico perduto nel 1991 con la fine dell'Urss sembra sorridere alla maggioranza dei russi: oltre alla Polonia (indicata dal 75,5% degli intervistati), essi vorrebbero vedere i loro soldati nella veste di invasori e occupanti nelle tre Repubbliche baltiche (41%), in Bulgaria, Romania, Ungheria e nella ex Cecoslovacchia (39,6%). Ma anche la Georgia (32,4%) e la Moldavia (28,8%) dovrebbero «tornare alla madrepatria», mentre meno del 5% si azzarda ad approvare un attacco anche a Paesi dell'Europa occidentale. La gran parte dei russi, dunque, pensa che i Paesi dell'Europa orientale che hanno scelto ormai 30 anni fa di sfuggire al dominio russo e di far parte della comunità occidentale si trovino in una specie di libertà vigilata, e che sarebbe pieno diritto della Russia rimetterli a forza sotto il proprio tallone. Solo il 17,6% del campione ha preferito non rispondere alle domande sull'estensione della «influenza militare russa» all'estero, e un insignificante 1,4% ha risposto che la Russia non dovrebbe espandersi: assai meno comunque di quanti sostengono l'opportunità di aggredire gli stessi Stati Uniti (4,6%), mentre c'è perfino un nocciolo duro di guerrafondai assoluti che asseconderebbe un tentativo di Putin di mettere sotto controllo il mondo intero (12,5%). Un secolo di ossessiva propaganda anti occidentale fatto salvo l'intervallo degli anni Novanta ha lasciato segni indelebili nell'opinione pubblica russa, anche se bisogna ricordare che Putin soffoca la libera informazione e inculca un'ideologia nazional-imperiale che ha ormai perfino riabilitato la sanguinaria figura di Stalin, presentato anche nelle scuole come artefice della grandezza nazionale. Senza poi dimenticare l'esistenza, soprattutto tra i giovani e i residenti nelle grandi città, di una coraggiosa minoranza chiaramente ostile al regime ma messa in condizione di non «disturbare il Manovratore» (vedi il destino di Aleksei Navalny). Ma l'aspetto più impressionante riguarda l'accettazione dell'arma nucleare per aggredire i Paesi vicini «se Putin avesse informazioni sul loro possibile uso contro la Russia»: dal 40,3% arriva un sì incondizionato, dal 34,3% una disponibilità parziale e solo dal 25,4% un no secco. Siamo ridotti a sperare che i vertici del regime siano più responsabili dei loro sudditi.

Commenti