Salvini attacca Conte e toglie la mascherina. È caos al Senato

Il leader della Lega attacca il Dpcm e toglie la mascherina in Senato. Calderoli lo richiama. Salvini: "Se la metta Conte per corpire la vergogna"

Gli scontri sul nuovo Dpcm arrivano anche al Senato. Protagonista: Matteo Salvini. L'atmosfera, martedì 27 ottobre, è già tesa quando il leader della Lega prende la parola. Mascherina sulla bocca, sferra un affondo durissimo al premier Giuseppe Conte, accusandolo di disertare il Parlamento. Ma durante la foga dell'attacco si sfila la mascherina. Calderoli lo richiama. I grillini insorgono. Scoppia il caos a Palazzo Madama.

Salvini toglie la mascherina in Senato

Mentre Salvini parla dai banchi delle opposizione, si levano urla e contestazioni dalle postazioni pentastellate. "Vi domando, vi domando se ritenete normale, al di là delle urla di qualche M5s nervoso, che mentre il Senato e la Camera stanno lavorando il presidente del Consiglio si faccia gli affari suoi in televisione. Non è accettabile. Non è normale. È un insulto a milioni di famiglie, a milioni di lavoratori", urla il senatore del Carroccio, sfilandosi la mascherina. E qui il presidente di turno, Roberto Calderoli, è costretto a richiamare il suo leader che ha violato il divieto: "Senatore Salvini si metta la mascherina".

L'affondo contro Conte

Il leader del Carroccio, bacchettato dal compagno di partito e vicepresidente del Senato, esegue, ma rilancia l'attacco alla maggioranza targata Conte: "Io mi metto la mascherina, voi dovreste mettervi la maschera per vergognarvi di coprire una situazione surreale - tuona girandosi verso i banchi dei giallorossi -. C'è l'Italia col fiato sospeso. Ci sono tassisti, commercianti, lavoratori della cultura e dello spettacolo: noi siamo qua a votare. E Conte non è in Senato, non è alla Camera ma è in televisione, senza Casalino perché è a casa (perché positivo al Covid). Non è accettabile", chiosa Salvini. Il premier, infatti, snobbando i lavori parlamentari, era impeganto in contempranea nella conferenza stampa di presentazione del dl Ristori, appena varato dal Consiglio dei ministri. Mentre Salvini interviene in Senato, Giuseppe Contea con i ministri Roberto Gualtieri e Stefano Patuanelli è a palazzo Chigi per illustrare i contenuti del decreto. "Abbiamo appena varato il decreto ristori, che vale complessivamente oltre cinque miliardi che saranno usati per dare risorse immediate a beneficio delle categorie penalizzate dall'ultimo Dpcm. Io ho firmato il Dpcm, all'una di notte circa, solo quando siamo stati sicuri che queste risorse c'erano", assicura il premier ignaro dello scontro in scena a Palazzo Madama. La bagarre in aula infiamma un clima già surriscaldato dalla polemica del centrodestra per la ritenuta non urgenza di votare al Senato i regolamenti europei e alla Camera la legge sulla omotransfobia. Il botta e risposta con la maggioranza giallorossa, a margine del duro intervento del segretario della Lega, non fa che aggiungere benzina al fuoco. E al Senato esplode il caos.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Zecca

Mer, 28/10/2020 - 15:49

Salvini ripreso anche da Calderoli, ormai non se lo fila più nessuno....

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 28/10/2020 - 16:23

Zecca, nessuno si fila più il tuo caro avvocatuncolo, non Salvini!

XYZABC

Mer, 28/10/2020 - 16:40

Disse quello con il 90% di assenze! #salvininasconditi

Ritratto di pipporm

pipporm

Mer, 28/10/2020 - 16:41

Il Senatore Smascherato in sofferenza da quanto non più al governo.

Zecca

Mer, 28/10/2020 - 16:50

tomari. Sarà come dici tu, ma uno fa il senatore (a tempo perso, ora frequenta un po’ di più perché gli hanno chiuso le sagre. L’altro fa il PDC, e infatti fa i DPCM. Vedi tu la differenza.

donzaucker

Mer, 28/10/2020 - 16:56

Parla quello che invece di lavorare come Ministro dell'Interno andava a sagre e comizi per fare campagna elettorale.

nerinaneri

Mer, 28/10/2020 - 17:14

tomari: sei il tipico elettore salviniano: un bacucco...

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 28/10/2020 - 18:05

Siamo al ridicolo assoluto. Le distanze ci sono, come evidenzia la fotografia. C’è solo la rabbia della sinistra che sta annegando nella confusione, mentre gli Italiani sono sempre più arrabbiati.

trasparente

Mer, 28/10/2020 - 18:48

Quando c'è Salvini sul giornale i pidioti arrivano a frotte per vomitare parole senza senso, il vostro cervello è proprio irrecuperabile.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 28/10/2020 - 19:19

conte trema e i patrioti si preparano a scendere in piazza per fare sul virus una barriera ... Ma Matteo non era meglio restare al governo l'anno scorso?