Salvini difende Rixi: "Condanna senza prove e spacciatori liberi"

Il vicepremier accetta le dimissioni di Rixi e si sfoga: "Gli spacciatori liberi e i parlamentari vengono condannati senza uno straccio di prova"

"Condannato senza uno straccio di prova". Matteo Salvini accetta con amarezza le dimissioni di Edoardo Rixi, condannato oggi in primo grado a 3 anni e 5 mesi per peculato e falso in bilancio.

"Io rispetto le sentenze e conto su una assoluzione a fine processo, ma trovo incredibile che ci siano spacciatori a piede libero, e sindaci, amministratori e parlamentari accusati o condannati senza uno straccio di prova", si sfoga il vicepremier e leader della Lega dopo aver appreso della sentenza del tribunale di Genova, "Ringrazio Edoardo Rixi per l'incredibile lavoro svolto fino ad ora. Da tempo ho nelle mani le sue dimissioni, che accetto unicamente per tutelare lui e l'attività del governo da attacchi e polemiche senza senso". Poi ha conferito all'ormai ex viceministro ai Trasporti e Infrastrutture un nuovo ruolo all'interno del partito: "Oggi stesso nomino Edoardo Rixi responsabile nazionale trasporti e infrastrutture della Lega, riconoscendogli capacità e onestà assolute", ha spiegato il ministro dell'Interno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Albius50

Gio, 30/05/2019 - 14:59

Il mio voto sarà sempre x la LEGA, ormai la DITTATURA è visibile e mi auguro soltanto che si creino delle raccolte giornalistiche proprio x identificare in un futuro di LIBERTA' i personaggi che hanno operato solo A FAVORE DELLA SINISTRA.

Ritratto di malatesta

malatesta

Gio, 30/05/2019 - 15:05

Spese pazze anni 2010-2012..giusto, chi ruba va in galera, ma una magistratura che impiega dai 7 ai 9 anni per arrivare a una condanna come va classificata?..E che questa condanna arrivi proprio adesso non fa sorgere piu' che un sospetto?

razzaumana

Gio, 30/05/2019 - 15:07

...anche se siamo ancora al primo grado di sentenza,una condanna a 3 anni e 5 mesi è tanto grave da giustificare le dimissioni. Sarebbe stato assurdo se fosse rimasto al suo posto.E,ciò vale per tutti.NON solo per i poveri Cristi.Chiaro???...

Dordolio

Gio, 30/05/2019 - 15:23

Mah... mi ricordo la faccenda delle "mutande verdi" praticamente sovrapponibile all'attuale (stavolta ci sono i gratta e vinci), e le risate che ci feci sopra. Per poi scoprire - molto di recente - che NON ERA VERO NIENTE....

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 30/05/2019 - 15:30

Ormai alla magistratura sul 90% delle sentenze di colpevolezza contro politici ci credono sono i diessini e i giustizialisti. È diventata un arma politica. In emilia e toscana non succede mai niente....chissà perché...

Ritratto di AQUILAVOLSE

AQUILAVOLSE

Gio, 30/05/2019 - 15:30

Giustizia a orologeria... appena finisce la campagna elettorale subito a condannare... magistratura impertinente.

Ritratto di Josef_K

Josef_K

Gio, 30/05/2019 - 15:33

Benaltrismo: l'atteggiamento di chi elude un problema sostenendo che ce ne sono altri, più gravi, da affrontare.

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 30/05/2019 - 15:39

Premesso che gli spacciatori per la maggior parte fanno parte del "popolo", deputati, senatori e uomini delle istituzioni dovrebbero essere il meglio del meglio del popolo. Mai pensato che ci vogliono carceri sufficienti per accogliere chiunque compia reati? Salvini datti da fare per costruire nuove carceri.

Giorgio1952

Gio, 30/05/2019 - 15:45

Dordolio fatti altre due risate : 24 luglio 2018 "Galeotte furono le mutande verdi: il leghista Cota condannato a 1 anno e 7 mesi. In primo grado Cota era stato assolto. Ma adesso le cose sono cambiate in appello: sono stati tutti condannati i 25 imputati del processo d'appello a Torino per la 'Rimborsopoli' degli ex consiglieri regionali del Piemonte. All'ex governatore leghista Roberto Cota, che in primo grado nel 2016 era stato assolto, oggi è condannato a un anno e 7 mesi di reclusione. Undici mesi a Riccardo Molinari, attuale capogruppo leghista alla Camera, anche lui assolto in primo grado è stato riconosciuto colpevole di peculato e interdetto per cinque anni dai pubblici uffici ma ha avuto la sospensione per 12 mesi. Il neo governatore del Piemonte Cirio di FI, deve restituire 30mila euro per spese improprie che la procura di Torino gli aveva contestato quando sedeva in consiglio regionale (2008/2010).

dagoleo

Gio, 30/05/2019 - 16:11

tranquillo Matteo. il mio voto lo avrete sempre e comunque.

Dordolio

Gio, 30/05/2019 - 16:15

Ottimo Giorgio. Assolto in primo grado Cota e condannato in secondo. Ergo labilità delle prove, direi. Vediamo chi ride poi in cassazione. Che ne dice, caro Giorgio? Di processi di questo tipo ce ne sono a pacchi. COn assoluzione finale dopo anni annorum. Guardi come torchiarono Del Turco.... PURE COMUNISTA, e gli ridiedero onorabilità quando non gli serviva ormai più...

cgf

Gio, 30/05/2019 - 16:16

N.B. ANCORA IL TRIBUNALE DI GENOVA, ancora...

Dordolio

Gio, 30/05/2019 - 16:19

Aggiungo ancora per lei Giorgio. Quella delle mutande verdi è una storia troppo ridicola e grottesca per consentire una assoluzione in primo grado.... Troppo veramente.... Se c'è stata è solo perchè sotto non c'era proprio nulla. Ma visto che lavorandoci bene un magistrato se vuole riesce a far avere l'ergastolo anche ad un panino al prosciutto, tragga lei le debite conclusioni per il processo d'appello....

APPARENZINGANNA

Gio, 30/05/2019 - 16:21

Il problema è che ci sono tanti spacciatori in giro che non vengono inquisiti dai magistrati. Come mai?

Dordolio

Gio, 30/05/2019 - 16:27

E aggiungo - per tutti - che queste grandi inchieste sulle spese mi lasciano assai perplesso. Meno i furbastri che si fanno rimborsare viaggi da sogno in megahotel o resort spesso il limite tra spesa legittima e no è labilissimo. Vedi Marino (che mi sta sugli zebedei pure) assolto recentemente a Roma... Ho lavorato all'estero (sul privato) e rimborsato per le spese a piè di lista. E con un taglio mio personale feroce su ciò che è mio e ciò che non lo è. Eppure nel presentare certi rimborsi (taxi, pranzi, voli) ero spesso in grandissimo imbarazzo nel definire quale fosse una mia spesa PERSONALE e quale no. Spesso le cose si intrecciavano tra loro in maniera tale da mettere in difficoltà. Potrei fare esempi a iosa....

Mr Blonde

Gio, 30/05/2019 - 16:50

è libero anche rixi come cota come la presidente dell'umbira ecc ecc come tutti gli amministratori condannati del pd di FI o di ogni altro stramaledetto partito di ladri

Ritratto di armandoesse

armandoesse

Gio, 30/05/2019 - 16:55

Il capo della procura di Torino se non sbaglio è un certo Armando Spataro , uno che fa parte di magistartura democratica , la corrente di sinistra , quella dei porti aperti , e di cui fa parte anche il procuratore di Agrigento , Luigi Patronaggio , che ha indagato salvini per il caso della Diciotti. Il capo della procura di Torino , Spataro , non hai mai nascosto o fatto mistero della sua avversità a Matteo Salvini , anzi , lo ha dichiatato publicamente . Ora , non ci si può non chiedere quanto certi giudizi e inchieste di Una certa magistratura possano essere serene e giuste e non condizionate dai loro ideali politici , nei confronti di politici o persone di destra e della Lega in particolare .

roberto zanella

Gio, 30/05/2019 - 16:57

FINIRA' COME CON COTA QUANDO DOPO DUE ANNI SCOPRIRONO CHE NON ESISTEVANO LE COSIDETTE "MUTANDEPAZZE". LA COSA CHE VA FATTA TRA SALVINI E LE BONGIORNO CHIEDENDO UNA MANO A NORDIO, E' LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA. PERCHE' SE A GENOVA NON AMANO LA LEGA SI SA, CHE NON AMINO NEPPURE LA POLIZIA SI SA, MA CHE IL PM CHIEDA TRE ANNI E QUATTRO MESI E IL GIUDICE CHIEDA NON QUATTRO MESI MA CINQUE SIGNIFICA CHE C'E' QUALCOSA DI POLITICO NELLA PROCURA DI GENOVA NOTORIAMENTE CONSIDERATA ROSSA

Giorgio1952

Gio, 30/05/2019 - 17:25

Dordolio Gio, 30/05/2019 - 16:27 adesso mi è chiaro anche lei faceva fatica a distinguere tra le spese personali e di lavoro, guardi che anch'io ho viaggiato molto per lavoro all'estero e sono stato tre anni a Londra, però sapevo esattamente cosa dovevo farmi rimborsare dall'azienda e cosa no. Tornando a Cirio neo governatore piemontese, restituirà i 30mila euro per evitare la Corte dei Conti, anche il suo predecessore Cota ha reso 32mila euro e concordo sul fatto che quella delle mutande verdi è una storia troppo ridicola e grottesca, così come quella del Trota e della Minetti, la quale se non vado errato aveva anche lo scontrino del libro “Siamo tutte puxxane”, ma forse doveva fare un ripasso sulla materia. Infine non giustifico Marino e la Marini presidente umbra del PD e tutti quelli di sinistra, centro e destra. In politica ci sono anche persone oneste

Dordolio

Gio, 30/05/2019 - 18:19

Giorgio... ricevuta del taxi per andare dall'albergo all'ufficio dove dovevo recarmi solo nel pomeriggio. Ma poco distante c'era un negozio di camicie (di cui avevo bisogno). Dove mi recai però di mattina. Il viaggio in taxi era DI LAVORO (pomeriggio ripeto) o mattina (acquisto abbigliamento)? Sì, io mi facevo problemi per questi dettagli. Invito a pranzo un interlocutore commerciale. Non posso sfigurare offrendogli un hamburger... ma è di lavoro veramente oppure ne approfitto per mangiare un po' meglio rispetto al solito? Viaggio aereo più costoso (no low cost) per raggiungere una destinazione precisa con maggior agio (mio) al fine di operare meglio su quella località... Tutte cosucce queste LEGGIBILI IN VARIO MODO. Ci siamo capiti o no? NO Business class, no caviale, no Bentley come taxi... Ma sempre e comunque il tutto LEGGIBILE A SECONDA DEGLI OCCHI DI CHI GUARDA.. Chiaro?????

FedericoMarini

Gio, 30/05/2019 - 18:38

Dimissioni “ di sua sponte “forse si , ma, in ogni caso ,Matteo Salvini, che ne aveva fatto. l’ultima trincea ,alla fine .ha ritenuto opportuno cedere, con buona pace per la Meloni, che aizzava alla rottura. Quindi ,appare evidente che non vuole rinunciare ad una esperienza di governo, che, in definiva .gli rende,perche’ il suo elettorato e’ cosi’ succubo da consentirgli di addebitare ai 5 stelle tutto quello che non va, per il presente e per il futuro.

sparviero51

Gio, 30/05/2019 - 20:35

PAESE ARLECCHINO !!!!!!!

pasquinomaicontento

Gio, 30/05/2019 - 20:38

Leggo er finale de Giorgio 1952 ore 17/25...In politica ci sono "anche" persone oneste, sottintendenno con quell'"anche" che non tutte sono oneste,io direi che la maggioranza è disonesta e che la minoranza lo diventerà...la disonestà,è 'na cosa naturale,quanti farebbero li sarti mortali pe' diventà ricchi,sortanto che non tutti cianno chessò,la coratella pe' diventà rapinatori...ma dentro de loro...vabbè ve lascio vado a cenà.

Giorgio1952

Ven, 31/05/2019 - 10:57

Dordolio la sua spiegazione è stata inappuntabile, anch'io mi sono sempre comportato alla stessa maniera, il costo di un taxi è marginale, concordo sul pranzo se è di lavoro certo che non si possa offrire un hamburger, talvolta non avendo tempo mi sono accidentato di un panino o di una inslata, essendo nella posizione di cliente mi veniva quasi sempre offerto trovandomi a volte a disagio per il livello e i conti salatissimi del ristorante, sui voli l’azienda ai senior manager come il sottoscritto pagava la business per quelli intercontinentali e l’economy per quelli in Europa. Ho avuto comunque colleghi disonesti che ne approfittavano ed altri reclamare in alberghi in cui non sarebbero neppure entrati nella hall se avessero dovuto pagarli di tasca propria.