Cronache

Se pure i buttafuori evitano i maleducati

"Aldilà di qualsiasi vostra deduzione, interpretazione o invenzione non abbiamo chiuso perché ci mancano i permessi"

Se pure i buttafuori evitano i maleducati

«Aldilà di qualsiasi vostra deduzione, interpretazione o invenzione non abbiamo chiuso perché ci mancano i permessi, perché ci hanno fatto chiudere, perché è successo qualcosa di irreparabile o perché non funziona l'impianto o per problemi tecnici come in precedenza abbiamo annunciato... Bensì abbiamo chiuso perché CI AVETE ROTTO IL C...O! Siamo saturi dei vostri litigi, la vostra arroganza, la vostra supponenza, la vostra maleducazione la vostra ignoranza, la vostra mancanza di rispetto per chi lavora, il vostro tutto dovuto, le vostre attese al cancello per ore aspettando uno sguardo amico per non pagare, per bere gratis, per sentirsi protagonisti con un bracciale del privé, siamo stufi del vostro fammi il drink carico, il vostro Bro, il vostro Zio, il vostro Fra quando non sappiamo nemmeno chi siete... Siamo esausti dei vostri documenti falsi, quelli sul telefono, le vostre denunce di smarrimento, i vostri sono amico di... Ci spiace solo per il restante 99% dei clienti che sono fantastici! Per ora arrivederci FORSE!». Parole secche, parole sante, direbbero certe madri e certi padri, aggiungo i nonni tutti. Il comunicato porta la firma di Daniele Lamperti, titolare del locale Village Summer Disco in via al Garrett, numero 1 di Varese. Trattasi, dunque, di discoteca, capienza persone mille, spesso si tracima e allora basta, ha scritto il boss, addirittura i buttafuori si buttano fuori loro, non sopportano più la folla urlante fuori e dentro, hanno scoperto che si balla ma soprattutto si sballa, il linguaggio rappaiolo, le furbate da mariuoli, dunque «giò la clèr», saracinesca abbassata o cancelli chiusi, in attesa del fine settimana quando, probabilmente, la marea tornerà a chiedere un drink fino alle ore 3.30 al venerdì notte e alle 4 il sabato. E se fosse tutta pubblicità? Può anche darsi, ma il Lamperti è arrivato ai limiti mentre gli ronza per la testa il Blasco, «voglio una vita maleducata, voglio una vita che se ne frega, che se ne frega di tutto sì, voglio una vita che non è mai tardi». Ciao, bro.

Commenti