Salvini chiude i porti a Sea Eye. E ora l'ong vuole andare a Malta

La nave Alan Kurdi chiede a Malta lo sbarco immediato. Intanto, il ministro Salvini è stato chiaro: i porti italiani restano chiusi

La nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea Eye in Italia non entra. Matteo Salvini è stato chiaro. Dopo che che le famiglie si sono rifiutate di separarsi per far sbarcare a Lampedusa due bambini con le madri, come richiesto dalle autorità italiane, il ministro dell'Interno ha augurato loro "buon viaggio verso Berlino". E ora a farsi carico dei 64 migranti a bordo dell'imbaracazione sarà la Germania. O almeno così dovrebbe essere, anche se sicuramente la Merkel opterà per una "soluzione europea", magari redistribuendo tra le altre capitali del Vecchio continente il carico di immigrati raccolto dalla Ong.

E mentre si parla di quale Stato dovrebbe prendersi i migranti, dalla nave Alan Kurdi arriva un tweet diretto a Malta. "Quinto giorno sulla Alan Kurd. Il tempo peggiora. Speriamo che le menti della politica si calmino presto per fare ciò che è umano. Salvare vite umane. Per favore signor Muscat, ci aiuti", scrive la Ong tedesca tramite il suo profilo social ufficiale.

L'appello, quindi, è rivolto direttamente al premier maltese, Joseph Muscat. Anche perché l'Italia è stata piuttosto chiara.

E dopo il primo tweet di aiuto, dalla ong tedesca arriva un altro appello rivolti a tutti gli Stati europei, con un particolare riferimento all'Italia. "Denunciamo con fermezza questo approccio e chiediamo all'Italia di applicare ai migranti e rifugiati gli stessi diritti umani usati per i cittadini Europei - ha detto Carlotta Weibl, portavoce della Sea Eye -. Le scorte di cibo e acqua si esauriranno a breve e la situazione medica potrebbe deteriorarsi rapidamente una volta che la tempesta prevista arriverà - dicono dall'imbarcazione -. Esortiamo pertanto gli Stati membri europei ad agire in nome dell'umanità e nel rispetto dei diritti umani".

I membri della ong, quindi, si rifanno al maltempo e al cibo che inizia a scarseggiare sperando nell'appoggio di un porto sicuro: "Gli accordi ad hoc non sono un approccio sostenibile e non possono essere stipulati sulla pelle di 64 persone che sono appena scampate alla morte e all'annegamento. Il salvataggio delle persone in difficoltà dovrebbe essere effettuato indipendentemente dalle agende politiche dei singoli Stati. Tuttavia sembra che la soluzione alla nostra situazione possa essere solo politica".

"Siamo diventati dipendenti -prosegue Sea Eye- dai negoziati tra gli Stati membri dell'Unione europea e ciò rappresenta una inaccettabile distorsione e violazione del diritto applicabile alle operazioni SAR. Questa posizione, dove si rischia di essere arrestati se si segue la legge e si fa ciò che è giusto, mentre si è costretti a prolungare la sofferenza delle persone facendo ciò che gli Stati richiedono, ci fa soffrire".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Dom, 07/04/2019 - 11:53

statevene a casa che se non andate al largo della libia,in mare non si butta nessuno!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 07/04/2019 - 11:56

Per la cronaca,la "Alan Kurdi" ora si trova a 35 miglia a Sud di Malta...E' rimasta ferma nella stessa posizione da ieri alle 12:00,e questa mattina ha ripreso a navigare...

Ritratto di gammasan

gammasan

Dom, 07/04/2019 - 11:57

"Salvare vite umane" : sacrosanto...Però se io vengo a sapere che vite umane sono in pericolo non per mia colpa, che so, in qualche posto, lontano o vicino che sia, debbo sentirmi obbligato ad andarle a salvare? Allora tutto il resto del mondo che fa, resta a guardarmi e mi incolpa se non lo faccio? C'è qualcosa che non va: ai nostri tempi ognuno ha i propri problemi e non può farsi carico dei problemi del resto del mondo; è duro, ma è così; la sopravvivenza richiede questo e altro: chi è colpevole non deve essere invitato a ripetere le proprie malefatte. Un "cristo" qualche volta è necessario, purtroppo, se si vuole evitare il ripetersi del male.

Ritratto di Rerum

Rerum

Dom, 07/04/2019 - 12:07

Questi qui a Malta chiedono PER FAVORE, l'Italia invece la insultano e la minacciano. Eppure entrambi gli Stati non accolgono.

frapito

Dom, 07/04/2019 - 12:30

Non ho mai sopportato la gente che prima crea problemi consapevolmente, e poi chiede aiuto per risolvere i problemi che hanno creato. La considero della peggiore specie. Il pietosismo "salvare vite umane" è tanto falso quanto ipocrita. Non si tratta di salvare persone, perché già sono in salvo, ma di scaricarle al minore costo e minore responsabilità.

pinosala

Dom, 07/04/2019 - 12:31

Quelli della Alan Kurdi dorebbero ricordare che quando un tassista carica qualcuno (a pagamento) deve sapere anche dove portarlo.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 07/04/2019 - 13:00

ki@llkoms 11:53.....La ricorda la barzelletta del "manicomio"?....Quella dove il "matto" costringeva,tutti i mezzodì,gli infermieri,a stendere il "telo" perchè lui(il matto),saliva sul tetto al grido "si butta la pasta",....ed il giorno in cui,gli infermieri,non lo stesero,lui non si lanciò,con il commento:"oggi si mangia riso"?!

DRAGONI

Dom, 07/04/2019 - 13:03

MA CHE VADANO DOVE VOGLIONO!!MA NON IN ITALIA .CHIUDERE LE LUCI MEDIATICHE SU QUESTI MODERNI TRAFFICANTI DI CLANDESTINI RIDOOTTI A SCHIAVI.

Nauseato60

Dom, 07/04/2019 - 13:04

a Muscat chiedono "per favore signor Muscat" mentre da noi pretendevano di entrare e inveivano contro Salvini e gli italiani...Si capisce che la commedia era stata orchestrata per provocare e destabilizzare il governo italiano.magari sotto ce il PD che agevola questi delinquenti...

lawless

Dom, 07/04/2019 - 13:14

questa ong sta volutamente perdendo tempo per cercare di creare problemi, se avesse proseguito per Amburgo tutto sarebbe già finito!.... Qualora succeda qualcosa di negativo a bordo dovrà risponderne naturalmente il capo missione, questo è necessario tenerlo ben presente...

Gianx

Dom, 07/04/2019 - 13:19

Quanto devo pagare x un siluro???

19gig50

Dom, 07/04/2019 - 13:39

C'è da augurarsi che Malta predisponga per uno sbarco seguito da un veloce rimpatrio di quei migranti. Fatto ciò, che il suo equipaggio, di mercanti di esseri umani, venga arrestato per diversi anni. Poi una violenta tempesta inghiotta quella nave e che sia di monito per altri speculatori sulla vita di disgraziati.

Reip

Dom, 07/04/2019 - 14:01

Altro che Sea Eye... Presto ci saranno milioni di profughi libici disperati, che fuggono da un Paese in guerra. Un esodo, una marea umana che si abbattera’ come uno tzunami sulle coste italiane! Sara’ una catastrofe biblica! Il tutto grazie alla Francia!

Davons

Dom, 07/04/2019 - 14:12

...è ripartita da oltre due ore; rotta 80.8., fuori dalle acque maltesi. Se non si sta riposizionando sottovento a Malta in previsione del ponente-maestro di fine settimana o di un ingresso, sta scapolando per andare verso i porti della Sicilia orientale. Let's wait & see...

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 07/04/2019 - 14:27

Bravo Salvini! Ha bloccato l'invasione afro-islamica, pur rischiando di persona la contro-mossa della magistratura di sinistra.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 07/04/2019 - 14:31

Nauseato60 - 13:04 Condivido.

Gilgamesh1000

Dom, 07/04/2019 - 14:40

Aggiungo un pensiero: ma se il ministero della difesa italiano decidesse una sana esercitazione navale in acque italiane, con divieti di navigazione nel canale di Sicilia parte italica. Come potrebbe configurarsi la situazione ? Gli altri le esercitazioni le fanno, perchè noi italiani no ? Cosa continuiamo a fabbricare navi e aerei se puoi non li collaudiamo ?

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 07/04/2019 - 14:41

Non so perché navi tedesche ed olandesi si impegnino nei salvataggi in mare, nel Mediterraneo meridionale, ma ciò che mi indispone é che poi pretendano di sbarcare il loro "raccolto" nei nostri porti o quanto meno sulle nostre spiagge. Qualcuno certamente ci guadagna e quindi ci deve essere per forza anche chi paga.

frapito

Dom, 07/04/2019 - 14:42

Ma i "buonisti" e i "donatori", non si rendono conto che sono complici di delinquenti?

kennedy99

Dom, 07/04/2019 - 14:44

forza salvini non mollare. se questa ong batte bandiera tedesca deve andare in germania e basta. di sicuro malta non li vuole. forse è la volta buona che smettono di andare ha caricare finti profughi in accordo con i trafficanti. questi signori delle ong devono capire che i galantuomini del pd non sono piu al governo. sono finiti i tempi di tutti in talia. allora fatevene una ragione. e smettetela se smettete voi smettono anche i trafficanti. piu semplice di cosi.

roberto zanella

Dom, 07/04/2019 - 14:54

ONG FINANZIATA DALLA CHIESA CATTOLICA...NESSUNO LO DICE MA QUESTA E LA SITUAZIONE....

lalla81

Dom, 07/04/2019 - 14:55

Io sono con Salvini! Finalmente un po di controllo su questi sbarchi! Ovviamente la Merkel optera' per la "soluzione europea"! Allora,la Germania vuole essere aiutata, e l Italia invece doveva arrangiarsi? Infatti è quello che è successo grazie anche a quelli del PD che non hanno saputo gestire il problema. Almeno adesso con Salvini le cose sono migliorate!

frapito

Dom, 07/04/2019 - 15:04

Sarà perché non me ne intendo di rotte nautiche, ma guardando la mappa vessel mi sembra che la "alan Kurdi" non abbia nessuna intenzione di andare a Malta. Mi sbaglio?

lalla81

Dom, 07/04/2019 - 15:05

Io sono con Salvini! Anche se ha tutti contro! Adesso la Germania vorrà optare per la " soluzione europea " quando invece L'Italia doveva arrangiarsi, perché? E comunque la colpa è stata anche di quelli del PD che non hanno mai fatto niente di concreto per aiutare questi poveri migranti! Forza Salvini!!!

agosvac

Dom, 07/04/2019 - 15:09

Dubito che Malta se li prenda tranne che la Germania si impegni ad accoglierli immediatamente dopo lo sbarco. Magari via aerea, nel senso che dopo sbarcati li mettono su un aereo diretto in Germania!!!

Reip

Dom, 07/04/2019 - 16:05

Le ONG in mare non salvano vite, le sfruttano! Il loro e’ un commercio, un recupero organizzato. Le ONG sono in contatto con gli scafisti e sono parte di una organizzazione che fa imbarcare illegalmente i migranti in Africa, per essere recuperati per mare da una unita’ ONG, la quale specula sul recupero in relazione alla quantita’ di migranti che riesce a imbarcare. Una volta fatti entrare in Italia da clandestini, la ONG guadagna una seconda volta, grazie alla collocazione dei finti profughi all’interno di qualche struttura gestita da una coop sociale, che a spese dello Stato, quindi dei cittadini, ruba e specula sulla permanenza di ogni migrante. L’intero sistema di sinistra specula sulla permanenza dei migranti. Le Coop rosse sostengono le ONG affinche’ queste ultime trasportino piu’ africani possibili in Italia. A pagare sono i cittadini che dovranno sopportare aumenti di tasse, il collasso del servizio sanitario, nonche’ furti, stupri e omicidi.

Ritratto di nordest

nordest

Dom, 07/04/2019 - 17:12

Questa è opera della Germania per creare problemi a Salvini ; i crauti sono artisti in questi doppi giochi .

stopbuonismopeloso

Dom, 07/04/2019 - 17:12

ma basta con queste sceneggiate, trovatevi un lavoro vero, imbelli

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 07/04/2019 - 17:19

Ma se sono così buonisti, perchè non se li portano a casa loro? Era solo per fare bella figura? Guai a portarglieli? Classici ipocriti e faziosi?

Davons

Dom, 07/04/2019 - 17:25

Sintesi corretta Reip; non altrettanto la previsione dei "milioni di libici disperati" in fuga dal pese in guerra. Dalla Libia non scappa nessun locale: le tribù e le cabile libiche si combattono da secoli, nel gioco di fronti ed alleanze instabili. Combattere è la massima aspirazione di ogni maschio locale, per la gloria e l'ingresso nei racconti dei posteri. Quello che quasi tutti ignorano è che -anche con i combattimenti tra le fazioni in atto- la Banca Centrale Libica distribuisce i proventi petroliferi a tutte le parti contendenti. Chi tenta di modificare questa realtà -vedi ISIS- fa una brutta fine. Saluti

giancristi

Dom, 07/04/2019 - 17:28

Le denunce di questi farabutti ci fanno piacere, perché dimostrano che siamo sulla strada giusta. Se gli africani si comportano come gli animali e si riproducono a tutto spiano, non possono rifilarci i loro figli! Checché ne dica il cialtrone venuto dall'Argentina!

Malacappa

Dom, 07/04/2019 - 17:29

Vadano all'inferno chi se ne frega

giovaneitalia

Dom, 07/04/2019 - 17:54

Ma perché non si dirigono in Germania o in Francia? Comunque, se questi nullafacenti di comunisti, invece di andare in giro in barca andassero a lavorare, staremmo tutti piú tranquilli. Sfigati.

salvofranco

Dom, 07/04/2019 - 17:58

L’ho già detto e lo ripeto: non si tratta di chiudere i porti, ma semplicemente di impedire l’ingresso nelle acque italiane di queste carrette piratesche cariche di finti naufraghi. Farli entrare in Europa da un’altra nazione allontana il problema ma non lo risolve. Per questo (e molto altro) bisogna uscire da questa UE e ricusare Schengen e i trattati firmati da politici tradiori. Ho lavorato una vita all’ estero ed era molto meglio per tutti quando ci si muoveva solo con con il passaporto.

claudio faleri

Dom, 07/04/2019 - 18:02

chi foraggia questa gentaglia delle ong, chi gli da i soldi per il carburante e chi paga l'equipaggio, tutto un giro di soldi

FlorianGayer

Dom, 07/04/2019 - 18:04

Viva la nostra gloriosa Marina Militare, che è pronta a sparare su una nave di naufraghi. Ne sono proprio orgoglioso

Frankdav

Dom, 07/04/2019 - 18:05

La Spagna non offre più porti? Ad ogni modo fa piacere vedere come anche un paese come la Germania vuole soluzione condivise e ottiene solo indifferenza... questa è l’Europa della solidarietà e Salvini ha solo messo in piazza questa ipocrisia.

Ritratto di equitaly

equitaly

Dom, 07/04/2019 - 18:11

La portavoce "sofferente" Carlotta mettinkulo e' preoccupata per le scorte di viveri ed acqua che cominciano a scarseggiare, oltre al disagio dei nuovi naufraghi che si innervosiscono sempre piu' senza dare alla disinteressata ciurma, regolare preavviso..... Affondarla?......

dedalokal

Dom, 07/04/2019 - 18:26

Rerum 12:07, hai detto bene. Che strano, i responsabili della nave Ong pirata negriera si rivolgono al premier maltese Muscat con rispetto affinché li faccia sbarcare a Malta. "Per favore signor Muscat, ci aiuti..". Mentre a Salvini solo pesci in faccia e volgari insulti. Non solo pirati, ma anche in malafede! Porti chiusi!

ROUTE66

Dom, 07/04/2019 - 18:53

SI NOTA CON PIACERE CHE AL GOVERNO DI MALTA SI CHIEDE PER FAVORE MENTRE PER IL GOVERNO ITALIANO SONO PARTITE LE DENUNCE SE SERVISSERO ALTRE PROVE,QUESTA è LAMPANTE AL"ITALIA SI VUOLE CREARE UN CASO POLITICO. Perciò ne ora ne mai SPAZIO A QUESTA GENTE

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 07/04/2019 - 19:07

Hahahahaha bene anzi benissimo li riportino in Libia, bene fa Malta a non farli sbarcare. Quei fetenti delle ONG ....signor Muscat, cialtroni criminali

frapito

Dom, 07/04/2019 - 19:41

Alle 19:30 la AlanKurdi è ancora fuori delle acque territoriali di Malta e sembra che intenzioni di dirigere verso la Valletta non ne ha. Pertanto la necessità di acqua e cibo è una bufala per impietosire i "donatori" narcotizzati. Nelle prossime ore vedremo se sta facendo un giro "largo" oppure si sta mettendo in posizione per dirigere verso la Sicilia. Come provocatori sono veramente dei delinquenti.

ziobeppe1951

Dom, 07/04/2019 - 19:50

Se la Carlotta è preoccupata per le scorte di viveri..basta insegnar loro a pescare

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 07/04/2019 - 19:55

Non capisco la "Alan Kurdi",dalla attuale posizione(SEE di Malta) dove voglia parare....se andare verso Malta,...o verso la Sicilia...stiamo a vedere domani mattina dove si trova...

Giorgio5819

Dom, 07/04/2019 - 19:58

@Reip 07/04/2019 - 16:05.... pensiero semplicemente impeccabile. Il lerciume della sinistra, vero carburante per queste organizzazioni di trafficanti di clandestini, é evidente, lapalissiano. E' ormai criminale anche sostenere questa gentaglia...

Davons

Dom, 07/04/2019 - 20:26

Alan Kurdi è già in rotta per la Sicilia, salvo ripensamenti: prepariamoci per altre sceneggiate dei sinistri, interventi di sindaci e magistrati e rinvio a giudizio di Salvini. Cedo all'ottimo Zagovian la futura cronaca degli spostamenti: sarò impegnato in altro. Saluti.

ex d.c.

Dom, 07/04/2019 - 21:53

È una nave tedesca sarebbe logico sbarcare in Gemania

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 08/04/2019 - 01:38

Una canna da pesca, o ancora meglio una o piu' "togne"... Da bordo non serve andare al largo... e per l'acqua, be' ci dovevate pensare prima e portarvi dietro un desalinizzatore... Potete sempre mettere un alambicco di fortuna pieno di acqua salata sopra agli scarichi del motore, e di sete non morrete. Trovo del resto giustissimo che, per citare un proverbio veneto "vi togliate la sete con l'acqua salata".

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 08/04/2019 - 01:40

Chi e' causa del suo mal pianga se stesso.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 08/04/2019 - 06:28

La "Alan Kurdi" che sembrava stesse superando Malta dal lato EST,diretta a NORD(Sicilia),ha ripiegato verso SE,....ed è a 30 miglia SE di Malta.....Continuano a perdere tempo,in attesa di....

incavolatobianco

Lun, 08/04/2019 - 06:56

naturalmente a sinistra e dintorni,silenzio assoluto!Si sono bastonati i gioielli,quando hanno urlato "bandiera Italiana,territorio Italiano,obbligati ad accoglierli!" Ora che la bandiera è tedesca hanno perso la faccia e la parola.

kennedy99

Lun, 08/04/2019 - 08:02

cara carlotta gli stessi diritti degli europei ma cara carlotta gli europei quando si spostano da uno stato all'altro vanno con i documenti in regola non con l'arroganza e la prepotenza di questi signori. e ha mè mi sembra ci sia molta differenza.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 08/04/2019 - 08:11

Se il cibo scarseggia siete in mare PESCATELO.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 08/04/2019 - 08:16

In Austrlia tennero la nave alla fonda per un mese.Visto chenon c'era possibilità di sbarcare fecero dietrofront e non andò più nessuno.

lappola

Lun, 08/04/2019 - 08:24

Ora si tratta della pelle di 64, la volta scorsa la pelle di 35, prima ancora la pelle di 56, la prossima volta la pelle di 72, ma smettete di andare a prenderli su appuntamento e dite loro di non partire, non rischierà la pelle più nessuno, i pirati sono le ong, i trafficanti sono le ong, i fuorilegge sono le ong.

lappola

Lun, 08/04/2019 - 08:40

@Reip Sono d'accordo al 100% Complimenti.

Giorgio5819

Lun, 08/04/2019 - 08:58

I trafficanti comunisti stanno organizzandosi per importare anche questo carico, stanno facendo le solite mosse sporche per organizzare l'ennesimo crimine ai danni degli italiani... che DORMONO.

Cyroxy80

Lun, 08/04/2019 - 11:33

Come sempre non hanno salvato nessuno, hanno soltanto imbarcato dei clandestini da un gommone ad una nave.. il gommone seppur incapace di affrontare l'intero viaggio, non stava affondando, quindi di fatto non c'è stato salvataggio e di fatto nessun stato tranne la Germania è obbligato ad accoglierli. Possono comprare rifornimento e cibo per tornare in Germania senza far scendere nessuno.

Reip

Mar, 09/04/2019 - 15:20

@Davons... Semplicemente intendevo dalla Libia, cioe’ milioni di finti profughi clandestini che partiranno dalla Libia. Tra i due litiganti (i due attuali governatori) il terzo gode. Il terzo a godere sara’ l’Isis e tutte quelle bande criminali e mafiose libiche che speculano e commerciano sul traffico di migranti africani, di concerto con le onnipotenti mafie italiane e il nefasto sistema di sinistra delle ONG e delle coop rosse. Una Libia fuori controllo, significa un tragico esodo biblico, di africani disperati verso le coste italiane! L’unica cosa che potrebbe fare l’Italia e’ blindare i confini. Se poi In qualche modo l’esercito italiano riuscisse a proteggere gli stabilimenti Eni e a continuare la relativa produzione e distribuzione di gas sarebbe un miracolo. Tuttavia converrebbe anche a libici che lEni continuasse a produrre, dato che una enorme quantità di energia prodotta dall’Eni viene venduta a bassissimo prezzo proprio alla Libia.