Ma si può divulgare una conversazione? "C'è l'interesse pubblico. Occhio ai rischi"

Guido Scorza: "Valutare caso per caso. E non è un diritto degli influencer"

Ma si può divulgare una conversazione? "C'è l'interesse pubblico. Occhio ai rischi"

Che fortuna avere una telecamera accesa che ti inquadra perfettamente e registra durante una telefonata delicata. L'osservazione è ironica, ma apre una finestra seria su un altro aspetto critico della disputa Fedez-Rai. È legittimo registrare una chiamata e diffonderla?

Nell'era dei social, la risposta al quesito mette in gioco diritto alla privacy e libertà di espressione. E può spalancare la porta a un far west senza riservatezza. «Il rischio -dice al Giornale Guido Scorza, giurista e componente del collegio del Garante della Privacy- è che migliaia di piccoli Fedez registrino e diffondano qualunque chiamata, visto che ora è diventato tecnicamente semplice fare entrambe le cose».

La risposta, in realtà, è sfaccettata. Codice penale e codice della privacy tutelano la riservatezza delle conversazioni, ma di per sé registrare all'insaputa dell'interlocutore non infrange la legge, se è a scopo personale. E la legge è molto chiara anche sul fatto che una registrazione può essere usata per far valere i propri diritti in tribunale.

«Il giudizio non può essere semplificato -chiarisce Scorza, che sottolinea di parlare a titolo personale e non a nome del Garante- chiaro che se il video fosse rimasto sullo smartphone di Fedez la questione non si porrebbe. Ttutto il contesto suggerisce che la registrazione non fosse a scopo personale. È una situazione professionale e l'interlocutrice, in quanto dirigente Rai, assume un ruolo pubblico, quindi un'aspettativa di privacy attenuata».

Fedez non può invocare il diritto di cronaca come i giornalisti. Ma il codice della privacy prevede esplicite deroghe alla riservatezza per tutelare «la libertà d'espressione e di informazione» e le «manifestazioni del pensiero». «Il codice -spiega Scorza- ammette deroghe alla privacy in riferimento all'attività che si sta compiendo, non a chi la compie». Come dire: non serve essere giornalisti per aver diritto a informare, se non si rivelano dati personali ma questioni di rilievo pubblico. «Al telefono c'era un artista che stava per salire su un palco -aggiunge il giurista- e l'interlocutrice sapeva di parlare con un influencer avvezzo a rendere pubblica la propria vita privata. Ma è vero che è un caso che non si presta a giudizi in bianco e nero, anche perché il codice tutela il bilanciamento tra diritto alla riservatezza e libertà di manifestazione del pensiero». Il giurista sottolinea i rischi di un giudizio non ben circostanziato. «Ciò che spaventa -ragiona Scorza- è l'impatto su potenziali comportamenti di massa. Dev'essere chiaro che ci si riferisce a una situazione molto specifica e che essere influencer non dà in automatico diritto a violare la privacy». C'è poi l'aspetto della possibile manipolazione della telefonata: «La registrazione pare pianificata -conclude l'esperto- ma se è stata manipolata, anche solo omettendo qualche parte, in modo non fedele al vero senso della conversazione, allora cambia tutto».

Commenti