Si vota, rispunta la "pista russa" della Lega

L'inchiesta sugli immobili s'intreccia col caso Savoini. A urne quasi aperte

Milano. Dovunque si guardi intorno, Matteo Salvini oggi vede un pm che gli dà la caccia. A una manciata di giorni dalle elezioni regionali, ogni volta che si parla dei guai giudiziari della Lega, l'ex ministro degli Interni ostenta tranquillità e sdrammatizza a colpi di battute. Ma in realtà il leader leghista sa che la situazione è delicata. E se dai processi siciliani per sequestro di persona, per il blocco delle navi dei migranti, Salvini è convinto di uscire a testa alta, più grave è la situazione al nord, dove tre Procura - Genova, Milano e Bergamo - stanno stringendo il cerchio sulle strutture finanziarie del Carroccio. E dove sta emergendo l'esistenza di un sottobosco di faccendieri e mediatori che in nome della Lega realizzano manovre ed affari.

L'ultimo grattacapo per Salvini viene dall'incrocio, rivelato ieri dal Corriere della sera, di due inchieste condotte dalla Procura di Milano. La più recente e dinamica, quella sul capannone rifilato da tre commercialisti leghisti alla Lombardia Film Commission, ha un punto di contatto con un'altra indagine di cui invece, dopo il grande clamore iniziale si erano apparentemente perse le tracce: gli affari in terra di Russia di Gianluca Savoini, uomo di fiducia a Mosca di Salvini, con il tentativo (fallito) di lucrare su una megafornitura di prodotti petroliferi all'Italia: e una parte della cresta sarebbe stata destinata alla Lega.

Il punto di contatto tra le due inchieste si chiama Francesco Barachetti, bergamasco, piccolo imprenditore con alle spalle qualche vicissitudine. Barachetti nell'indagine sulla Film Commission entra come esecutore dei lavori di ristrutturazione del capannone di Cormano, e incassa 285mila euro. A fargli avere il lavoro, sono due dei commercialisti leghisti. D'altronde Barachetti è l'artigiano di fiducia del partito, lavora anche per la sede di via Bellerio, fattura alla grande grazie al rapporto di fiducia con lo stato maggiore del partito. Un sospetto degli inquirenti, è che una parte dei soldi versati a Barachetti rientrino sottobanco nella disponibilità dei dirigenti leghisti. Anche a questo si riferisce il meno «ortodosso» tra i commercialisti arrestati, Michele Scillieri, quando in una intercettazione si sfoga, «quelli dalla Lega hanno ciucciato montagne di soldi». É lo stesso dubbio che sembra nutrire il senatore Roberto Calderoli, quando nei giorni scorsi ipotizza che qualcuno abbia «fatto la cresta» sul capannone di Cormano.

Ebbene, il nome di Barachetti spunta anche sul fronte orientale. L'artigiano bergamasco ha sposato una ragazza russa, Tatiana Andreeva, che col paese d'origine ha mantenuto solidi rapporti. La Andreeva in patria ha conti correnti e società, e su questi conti approdano una parte dei soldi che il marito riceve dal partito. Con questi fondi, secondo il Corriere, viene acquistato un appartamento a San Pietroburgo. Ma anche qui gli inquirenti si fanno la stessa domanda del caso Film Commission: dietro Barachetti ci sono gli interessi della Lega?

Di spunti su cui indagare, come si vede, ce ne sono parecchi, visto che - comunque la si guardi - i flussi di danaro sono tutto tranne che lineari. Ma a preoccupare Salvini sono anche i tempi delle inchieste. Anche se il leader evita accuratamente di parlare di «giustizia a orologeria» è un dato di fatto che la richiesta di arresto dei tre commercialisti, ferma da oltre due mesi, è scattata a ridosso delle elezioni. E ancora più ravvicinata al voto è la rivelazione dei rapporti tra l'elettricista Barachetti e il mondo dell'ex Urss. Non sono rivelazioni in grado di spostare voti nelle urne di domenica. Che però il clima giudiziario per la Lega si stia facendo pesante, a Matteo Salvini non sfugge.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 18/09/2020 - 10:10

Non sanno più cosa inventarsi i sinisrti. Certo che una parte della magistratura si fa un baffo, continua ad indagare inutilmente semrpe sott o elezioni, senza trovare nulla. Ma il danno per il partito a loro concorrente è fatto. Il popolo non si era espresso sulla responsabilità delal magisrtatura? Giusto per evitare le numerose palamarate.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 18/09/2020 - 10:34

Dicono che certe caste lavorano poco,ma io credo che per cercare nuove accuse contro Salvini lavorano anche di notte.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 18/09/2020 - 10:39

Se le accuse finiscono in niente anche i PM devono fare la stessa fine.

mediarad

Ven, 18/09/2020 - 10:54

Sarebbe opportuno votare un provvedimento che impone la sospensione di indagini sui politici da 60-90 gg prima delle elezioni. Una sorta di bimestre 'bianco' per evitare, da entrambe le parti, inquinamenti 'pilotati'.

Calmapiatta

Ven, 18/09/2020 - 10:56

I fratelli Bianchi sono stati denunciati e indagati più volte per aggressione, rissa, violenza, minacce e spaccio. Il cittadino tunisino che ha ucciso il sacerdote ha girato impunemente per 5 anni il paese, nonostante le denunce e i provvedimenti di espulsione. Forse, occorrerebbe meno politica e più attenzione alle proprie responsabilità.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 18/09/2020 - 10:58

Questi questurini sembrano tanti struzzi che nascondono la testa sotto la sabbia per non farsi vedere. Purtroppo per loro ma soprattutto per noi italiani questa è la magistratura di cui disponiamo. Immancabilmente si affiancano alla sinistra e vogliono far sentire la loro presenza contro gli avversari politici. Il Potere giudiziario è stato trasformato in potere della sinistra della sinistra. Non è più uno Stato democratico ne tanto meno fondato sul diritto. In pratica una squallida dittatura.

Ritratto di lurabo

lurabo

Ven, 18/09/2020 - 11:07

ormai rasentano il ridicolo!!!!!!!!

Andrea_Berna

Ven, 18/09/2020 - 11:08

Che "ci sia tanto di indagare" e' ovvio, visto che sono indagini che si fanno in assenza di indizio di reato, in modalita' pesca a strascico con intercettazioni a tappeto e trojan sui telefonini. Proviamo a immaginare se si facesse la stessa cosa col PD cosa non verrebbe fuori. Ma loro sono immuni a certi tipi di inchieste (bibbiano, mascherine del lazio, appalto di 44 milioni a imprese fantasma, sbarchi impediti etc. etc.). Ad ogni modo, devono essere proprio disperati i magistrati, se "avere una moglie russa" diventa prova di un collegamento con una inchiesta-patacca con cui Barachetti non ha niente a che vedere. Forse ha ristrutturato anche la hall del Metropol? Indaghiamo anche su questo va, tanto finora dei famosi 49 milioni non hanno trovato nemmeno una lira.

leopard73

Ven, 18/09/2020 - 11:23

A dimostrazione che in ITALIA cè la DEMOCRAZIA dicono ma quale!!!!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 18/09/2020 - 11:41

Dovrebbe essere chiaro che per certa Magistratura qualsiasi cosa faccia Salvini è illegale. I fatti recenti lo stanno dimostrando. Evidentemente Salvini è destinato a seguire la strada di Silvio, condannato pur essendo innocente.

nerinaneri

Ven, 18/09/2020 - 11:48

Andrea_Berna: appunto, di bibbiano salvini e meloni non parlano più...da fine gennaio scorso, precisamente...non capisco i motivi...

FRANGIUS

Ven, 18/09/2020 - 11:48

NORMALE E ANCHE PATETICO DA PARTE DEI GIUDICI PIDIOTI.MA RIDERA' BENE CHI RIDERA' ULTIMO.....

Atlantico

Ven, 18/09/2020 - 12:08

Che da anni vi siano rapporti a dir poco opachi tra Salvini e Putin è un segreto di Pulcinella, noto a tutte le cancellerie a cominciare dagli USA. D'altro canto, l'articolo di Fazzo è più che esaustivo nel riepilogare tutte le inchieste in corso. Salvini ha di che essere preoccupato eccome, perchè incrociando i verbali firmati sino ad ora da alcuni degli interrogati con le risultanze delle indagini della GdF, con le segnalazioni giunte all'UIF di Banca d'Italia di operazioni sospette da parte di diverse banche italiane, con le intercettazioni in corso da tempo a carico di molti soggetti, l'orizzonte per Salvini, Savoini, Barachetti, i commercialisti arrestati ( indagati da oltre due anni ), ecc. è grigio, per usare un eufemismo.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 18/09/2020 - 12:22

Grandi novità..

Enne58

Ven, 18/09/2020 - 12:23

Ma non dovrebbe essere già in vigore il silenzio elettorale? Perché i magistrati non lo rispettono?

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Ven, 18/09/2020 - 12:28

Per una volta dissento - con dispiacere - da Luca Fazzo i cui articoli attendo con ansia perché portatori di verità: Salvini non "ostenta tranquillità" ma è "assolutamente tranquillo" perché sa che il popolo è con Lui e contro le toghe rosse. Sa che sarà il popolo - unico giudice che accetta - ad assolverlo nell'urna. Poi sarà il sovranismo a modernizzare lo "Stato repubblicano nato dalla Resistenza ???", ad abolire l'anomalia della separazione dei poteri per avere finalmente una Giustizia giusta. E da una Giustizia giusta Salvini non ha nulla da temere: dunque non "ostenta" ,è "sovranamente tranquillo", altri debbono tremare.

jaguar

Ven, 18/09/2020 - 12:34

Nelle intercettazioni telefoniche i magistrati parlavano di colpire Salvini, ed è quello che stanno facendo col benestare della sinistra e di qualcuno che sta molto in alto.

Atlantico

Ven, 18/09/2020 - 12:50

Enne58, se esiste un politico italiano che SISTEMATICAMENTE rompe la tregua elettorale è Salvini. Meglio glissare su questo specifico argomento, mi creda.

agosvac

Ven, 18/09/2020 - 12:51

Finora ogni inchiesta della magistratura non fa che portare voti al centro destra, vista la minima credibilità che ha la magistratura tra gli italiani. Tanto più dopo che è venuta fuori la porcheria commessa da questa magistratura nei confronti di Berlusconi: chi l'ha fatto una volta, è pronto a rifarlo: questo pensano gli italiani.

Giorgio Rubiu

Ven, 18/09/2020 - 12:54

La Magistratura, nonostante il caso Palamara e il caso Esposito contro Berlusconi, non molla l'osso. Sono riusciti a condizionare il Paese e a comandarlo e sanno di poterlo fare solo se al governo ci sono i loro garanti di sinistra. A volte mi domando perché andiamo a votare! Sarebbe più semplice lasciar fare alla Magistratura e si risparmierebbero un sacco di quattrini. L'alternativa sarebbe una bella rivoluzione che mandasse a casa i magistrati e politici prima di ricominciare, come nel Gioco dell'Oca, dalla casella di partenza. Ma, fin che gli elettori decidono di non essere più tali e se ne stanno assediati nelle loro case, la mia è una speranza che non sarà mai esaudita!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 18/09/2020 - 13:03

@nerinaneri - non ci piace sparare sulal croce rossa come fate voi. Ma su MPS niente da dire? Eppure i soldi erano molto ma molto di più. Il più pulito ha la rogna e provate a scagliare la prima pietra se siete innocenti. AH, dimenticavo che la bugia è il vostro forte.

Ritratto di alejob

alejob

Ven, 18/09/2020 - 13:08

Se i PM pagassero di tasca propria tutte le loro le cause che finiscono nel nulla, sono convinto che la finirebbero di procedere con falsità e calunnie, sulle persone che dopo indagini e indagini, il risultato è negativo. Prima di inoltrarsi in indagini dettate sul BLA BLA, ci certi personaggi accusatori, i Giudici prima di iniziare le indagini dobrebbero capire chi sono gli accusatori, la motivazione e dove vogliono arrivare.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Ven, 18/09/2020 - 13:09

Anche questo è nel DNA dei compagni, comunque si facciano chiamare: perseguitare gli avversari – “nemci”per loro – giudiziariamente. Hanno sperimentato e perfezionato il metodo con i 20 e passa anni di persecuzione giudiziarie contro Berlusconi. I tribunali stalinisti non cercavano la verità giudiziaria, ma eseguivano le sentenze già pronunciate da Stalin. Giorni fa “il Giornale” a parlato di uno sportivo, non ricordo il nome, perseguitato prima dai nazisti e poi dai comunisti. È capitato così anche al cardinal Mindszenty, primate d’Ungheria. Prima lo imprigionarono i “nazional socialisti” di Hitler e, dopo la cosiddetta “liberazione” da parte dell’armata rossa, arrestato e condannato in un processo farsa da un tribunale stalinista.

killkoms

Ven, 18/09/2020 - 13:19

Ormai le stanno provando tutte!

Calmapiatta

Ven, 18/09/2020 - 13:48

@agosvac il problema è più profondo. Perchè un magistrato decide, in assenza di un sospetto di reato, di indagare utilizzando fondi e Forze dell'Ordine senza badare a spese per indagare su un partito, ma non riesce a mettere in galera violenti, mafiosi, stupratori e omicidi?

Mborsa

Ven, 18/09/2020 - 13:56

E' il "solito" attacco giudiziario sotto elezioni.

magnum357

Ven, 18/09/2020 - 14:03

La sx è stata foraggiata dai russi per decenni come pure dalle coop ma i rossi non vogliono mai metterci dito !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Ven, 18/09/2020 - 14:13

TRANQUILLI NESSUN PROBLEMA, BASTA VACCINARSI CONTRO LA PALAMATRITE