Silvio Berlusconi: "Mi preoccupa questo governo. Bisogna rinegoziare il Mes"

Il Cav rimprovera il governo e chiede di rinegoziare immediatamente l'accordo sul Mes: "Ci sono in gioco gli interessi degli italiani"

Il Mes e quell'accordo segreto non approvato dal Parlamento italiano hanno letteralmente messo con le gambe all'aria il governo. (Già di suo parecchio instabile e traballante). I gialli e i rossi si scannano, Giuseppe Conte è la pietra dello scandalo, tutti dicono di non sapere, ma tutti mentono. Il governo è completamente nel caos e non sanno più che scuse inventarsi. L'informativa di Giuseppi in Parlamento, infatti, non ha minimamente risposto a mezzo quesito, non ha minimamente chiarito i dubbi, ma è stato soltanto un attacco all'ex amico Matteo Salvini. Conte - a suo modo - ha cercato di distogliere l'attenzione parlando di tutto e di niente.

Ma il Mes è un tema importante, è cruciale. Persino Luigi Di Maio ha messo con le spalle al muro il tanto voluto e amato Conte, "non votiamo così al buio". Chi ha un briciolo di buon senso e non vuole diventare lo zimbello di Francia e Germania sta sbattendo i pugni sul tavolo. Tutti tranne l'ex avvocato del popolo. Come mai?

Dal centrodestra è partita una vera e propria battaglia. Lega, FI, FdI non hanno intenzione di far passare questo accordo fatto alle spalle di tutti e giurano di fare tutto ciò che è in loro possesso per bloccarlo. Anche se forse non sarà possibile. Il Presidente dell'Eurogruppo, Mario Centeno, infatti, ha messo in chiaro che non ci sono motivi per modificare il testo: "La firma sarà il prossimo anno, come previsto". E ora? Sono guai.

In una nota, Silvio Berlusconi ha commentato quanto detto da Centeno: "Di fronte alla grave presa di posizione del Presidente dell'Eurogruppo, Mario Centeno, che chiude a qualsiasi riapertura del negoziato sul Meccanismo Europeo di Stabilità, stupisce e preoccupa ancora una volta l'incertezza e l'evanescenza dell'atteggiamento del governo italiano".

Il Cav non ha dubbi: il governo deve rinegoziare l'accordo perché "in gioco c'è l'interesse nazionale". "Il nostro Paese dovrebbe battersi, unito: un governo responsabile e autorevole non si perderebbe in recriminazioni sulle responsabilità passate, ma chiederebbe l'aiuto di tutti" e "noi di Forza Italia saremo pronti a tutelare in tutte le sedi l'interesse nazionale".

La nota diramata da Berlusconi fa chiaramente capire a cosa sta andando incontro l'Italia. Ci sono rischi, pericoli e grossi problemi per il nostro Paese. "Quello del Fondo salva-Stati è un tema che va affrontato con grande serietà, perché potrebbe avere ricadute molto pesanti per l'Italia - si legge ancora nella nota -. Invece di polemiche ad uso interno, da un esecutivo responsabile ci si attenderebbe un'iniziativa chiara e forte in sede europea. Il nostro Paese rischia di trovarsi a dover finanziare per una quota importante, fino a 125 miliardi di euro, un fondo sul quale non ha in pratica nessuna possibilità di controllo. L'Italia potrebbe trovarsi costretta a finanziare un'operazione di salvaguardia di altri Stati, o di banche straniere, anche se la reputassimo sbagliata e contro il nostro interesse nazionale. Già oggi, del resto, il Mes garantisce l'acquisto di titoli di Stato di altri Paesi a rendimento zero".

Il Cav, quindi, è convinto che sia necessaria "una generale ridefinizione delle regole dell'Unione, una riforma complessiva della cui necessità parliamo da molto tempo: è proprio per contribuire a realizzare questa nuova Europa che ho deciso di sedere al Parlamento Europeo". Il pensiero del centrodestra è chiaro. Ma ora l'Europa e Conte hanno creato un muro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Mer, 04/12/2019 - 22:44

*IL MES: AGLI OCCHI DEI SOVRANISTI (AVARI) ITALIANI I LORO SOLDI ANDRANNO ALLE BANCHE TEDESCHE, AGLI OCCHI DEI SOVRANISTI AFD (AVARI) TEDESCHI I LORO SOLDI ANDRANNO AGLI ITALIANI...e credo si possa continuare così +o- con tutti gli altri Sovranisti...che sono anche affetti da SUPERBIA...ma stiamo all'avarizia: è l’attaccamento eccessivo e morboso ai beni materiali, e in questo è simile alla gola, ma nell’avaro si aggiunge l’ossessione di non averne mai abbastanza, e la paura di poterne essere privati dagli altri. L’avaro vive prigioniero di ciò che possiede e che non si stanca di accumulare. Mette i beni e le ricchezze che già ha e che vorrebbe avere al di sopra dio ogni cosa, e per questo l’avarizia può essere considerata una forma di idolatria, in quanto l’avaro adora più i suoi beni di quanto non adori Dio. (L'umanità). Dall’avarizia derivano: Attaccamento morboso Miopia spirituale Avidità***

peter46

Mer, 04/12/2019 - 22:56

Presidente...volevo portare il mio contributo che tanto lei al massimo fino alle 10:16 di domani,e poco 'appetibile' anche,ma...12 commenti, ancora tutti posteggiati,già trombati...e l'artrosi al dito che batteva sulla tastiera:mi creda è impossibile senza prima l'effetto lenitivo della pomata.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 04/12/2019 - 23:11

Tarrrrrdi! Doveva parlarne prima coi suoi amici del ppe che, incidentalmente, governa in europa. Adesso abbiamo due strade: approvare così com'è (cioè una grossa fregatura per noi), o porre il veto, dall'alto del nostro 17,5%, e in questo caso prepararci all'assalto dello spread e compagnia cantante. Comunque la mettiamo, perderemo.

ex d.c.

Mer, 04/12/2019 - 23:59

Berlusconi dovrebbe prendete le distanze da Salvini, è stato al Governo fino a fine Agosto, ha quindi partecipato alle trattative per il MEF è ne è responsabile. Assurdi gli attacchi a Conte

Blueray

Gio, 05/12/2019 - 00:04

Conosco il Mes fin dal 2011 quando fu approvato dal Consiglio d'Europa e poi nel 2012 ratificato dal Parlamento italiano. Me ne interessai essendo rimasto in parte coinvolto nel default della Grecia e solo parzialmente indennizzato dall'EFSF. La Germania non lo ratificò subito e lo sottopose alla propria Corte Costituzionale ratificandolo con notevole ritardo e numerosi emendamenti. Dubito che a noi sarà concesso questo privilegio. Ciò che è certo è che la mancata ratifica da parte delle Camere ci può tenere fuori da questo trattato monstre. Però bisogna dichiarare subito la ns indisponibilità alla sottoscrizione. La mancata ratifica è già avvenuta nel passato per trattati importanti, e per governi che si sono mossi in disarmonia col Parlamento. Gli artt 3-13 capo II L.234/2012 disciplinano i rapporti tra Parlamento e Governo e la capacità di indirizzo del primo nella fase di formazione delle normative europee

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 05/12/2019 - 00:32

"Il nostro Paese rischia di trovarsi a dover finanziare per una quota importante, fino a 125 miliardi di euro, un fondo sul quale non ha in pratica nessuna possibilità di controllo." Osservazione corretta, purtroppo, ma tant'è: appena si nomina Silvio - che peraltro non suscita particolari simpatie neanche nel sottoscritto - entrerà in azione, per chi non lo "ama", lo schema secondario del filosofo Popper per darsi comunque ragione.

nunavut

Gio, 05/12/2019 - 01:12

Egregio Berlusconi, spero abbia chiamato il Brunetta dopo la sua uscita in parlamento e lo abbia redarguito per bene,perché ha detto il contrario di quello che lei ha dichiarato nella sua nota.

mcm3

Gio, 05/12/2019 - 05:22

Le regole del MES sono state concordate a Giugno, quando Tajani era ancora in carica, perche' non ha detto niente ??? FI si e' svegliata solo ora ???

Duka

Gio, 05/12/2019 - 07:58

C'è poco da rinegoziare se questi MAMMALUCCHI al governo lo hanno già ratificato.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 05/12/2019 - 09:29

"Il nostro Paese rischia di trovarsi a dover finanziare per una quota importante, fino a 125 miliardi di euro, un fondo sul quale non ha in pratica nessuna possibilità di controllo." Osservazione corretta la sua, ma tant'è: appena si nomina Silvio - che peraltro non suscita particolari simpatie neanche nel sottoscritto - entrerà in azione, per chi non lo "ama", lo schema secondario (solitamente a base di contumelie di ogni tipo) che risale al filosofo Popper. Il tutto per darsi comunque ragione.

Brutio63

Gio, 05/12/2019 - 10:01

Silvio basta, Prendi una posizione forte e chiara! Forza Italia in aula è stata morbida, troppo morbida sul MES Brunetta ha farfugliato in equilibrismo che nemmeno ai tempi di Aldo Moro in perfetto stile modello Ursula! Forza Italia sia nel centrodestra senza se e senza ma e senza tentennamenti ed ammiccamenti e strizzatine di occhio!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 05/12/2019 - 10:46

mcm3 - 05:22 Nella commissione Ue vige una regola secondo cui non solo non vengono stenografati i colloqui, ma chi partecipa è "obbligato" a non rivelare niente di quello che si dice, si propone fino a termine mandato. E comunque l'ex presidente del parlamento europeo Tajani non ha nulla a che fare con la commissione Ue.