Dal sogno del Nobel al ko. Lampedusa respinge Nicolini

La sindaca pro migranti solo terza sull'Isola. E la linea dell'accoglienza non paga: a Sesto S. Giovanni Pd in calo

Dal sogno del Nobel al ko. Lampedusa respinge Nicolini

Una crollata, una ancora in pista, appesa al ballottaggio ma vacillante, pericolosamente vacillante. Giusy e Monica, donne agli antipodi geograficamente e pure umanamente, una fuoco e fiamme, una fin troppo pacata, con qualche puntata nel grigiore: eppure ora unite da un tracollo dalle ragioni comuni. Sono le sindache di Lampedusa e di Sesto San Giovanni, entrambi municipi simbolo, uno l'avamposto tricolore nel Mediterraneo dei boat people, l'altro punta avanzata della sperimentazione postindustriale al Nord. Entrambe, Giusy Nicolini e Monica Chittò, hanno creduto che le sfide dei loro territori si potessero vincere anche nel segno dell'accoglienza ai migranti, delle porte aperte ai disperati della fame e delle guerre. Entrambe sono state sconfessate dai loro popoli.

Il tracollo più netto e clamoroso è quello di Giusy, malamente trombata dagli elettori che non le aprono neanche le porte del ballottaggio, relegandola al terzo posto dietro il suo Caino personale, il compagno piddino Totò Martello che prima le ha fatto guerra aperta e poi nelle urne le ha rifilato seicento voti di distacco, e pure dietro al grillino Filippo Mannino. Non ci vuole il visore a infrarossi per intuire quali alchemiche faide di partito dentro al Pd siculo abbiano armato la sconfitta della sindaca. Ma è evidente che sulla sua immagine di salvatrice di uomini Giusy si era giocata tutto, in una partita che l'aveva portata sino alla candidatura al Nobel, e riservato all'isola il premio Unesco per la pace: e che su questa battaglia è caduta. Tanto che il compagno che le ha fregato il posto, Totò Mannino, annuncia che proprio sui migranti si farà sentire la sua svolta, «sulla gestione dell'accoglienza deve cambiare tutto». E, giusto per non infierire troppo, liquida la povera Giusy come una «ladra di medaglie».

Millecentocinquantatrè chilometri più a nord, arroccata nel suo municipio, un'altra sindaca sperimenta sulla propria belle come i nobili temi dell'accoglienza fatichino a entrare nella pancia della gente comune: anche qui, a Sesto San Giovanni, nella vecchia roccaforte rossa che a ogni accesso accoglie il viandante con gli articoli della Costituzione. Non ha avuto cinque anni facili Monica Chittò, dopo che il «sistema Sesto» era finito nel mirino della magistratura col suo coacervo di interessi, di finanziamenti, di aree edificabili. Poteva cavarsela raccontando quanto fatto su quel versante. Invece, nella fase finale del suo mandato, ha messo ai primi posti l'accoglienza ai migranti. Ha dato il via alla moschea, ha firmato col prefetto il patto per aumentare gli ingressi, ha candidato con lei un musulmano di buone maniere, Bilal Daaou. Ma intanto in città cresceva l'insofferenza; Amri, quello della strage di Berlino, veniva a farsi ammazzare davanti alla stazione di Sesto, sollevando legittime paure sui ganci che avesse sul posto: e come se non bastasse si scopriva che la moschea da lei voluta è finanziata con fondi del Qatar, recentemente messo in lista nera dagli stessi paesi arabi per i suoi legami con i tagliagole della jhad. Così ha perso.

Qualche idiota nelle settimane scorse l'aveva minacciata di morte. I cittadini sestesi si sono limitati a non votarla. É ancora al primo posto. Ma non era mai successo dalla Liberazione che a Sesto il candidato della sinistra si dovesse accontentare della miseria di 9.417 voti; mai accaduto che sentisse a meno di cinque punti di distacco l'alito dell'inseguitore di centrodestra, in questo caso Roberto Di Stefano; nè, soprattutto, che sul ballottaggio incombessero oltre settemila voti andati a un altro moderato, il terzo classificato Gianpaolo Caponi. Il 25 maggio la Chittò rischia di brutto, e lo sa. Ma il perché, lo sa?

Commenti