Sondaggi, centrodestra al 50%. La Meloni sorpassa il Capitano

Fiducia ai leader, la presidente Fdi davanti a Salvini. In Emilia è testa a testa. Ixè: il 66% non si fida del governo

Il nuovo anno parte con nuovi sondaggi sulla situazione politica italiana, con qualche battaglia di numeri tra l'Istituto Ixè per Cartabianca, in onda martedì scorso su Rai3, e l'indagine di Noto Sondaggi presentata ieri sera a Porta a Porta su Raiuno. L'unica comune certezza riguarda la netta prevalenza del centrodestra sul centrosinistra: un'alleanza tra Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia è quotata in entrambi i casi al 50 per cento.

A colpire, nel sondaggio Ixè, è anche la classifica della fiducia. Il primo in classifica è il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con il 40%. Segue la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni con il 33%, che supera così Salvini a quota 32. Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, con il 26%, sorpassa Luigi Di Maio al 23%.

In tutti e due i sondaggi Forza Italia è in lieve crescita (dello 0,3 o dello 0,5%). La principale differenza tra le due rilevazioni, realizzate il 7 gennaio su un campione di mille persone, riguarda la Lega. In base al sondaggio Ixè, il partito di Matteo Salvini sarebbe in netta crisi di consensi, con un passaggio dal 32,6 al 29,5 per cento, mentre l'indagine Noto per Porta a Porta, anticipata dall'agenzia Dire, quota la Lega ancora al 32%. Differenze di numeri anche sull'andamento di Fratelli d'Italia, in crescita dello 0,2 per cento secondo Ixè, e invece in calo dello 0,5% in base all'indagine Noto.

Secondo il sondaggio Ixè per Cartabianca su Raitre, nonostante il premier guidi la classifica della fiducia, è molto bassa la fiducia nel suo governo. Il 66% degli intervistati dichiara di avere poca (39%) o nessuna fiducia (27%) nell'esecutivo e solo il 34 per cento degli intervistati dichiara di avere molta fiducia (5%) o abbastanza fiducia (29%) nel governo Conte. Solo il 21 per cento degli intervistati è convinto che il governo arriverà fino al termine della legislatura ma, nonostante ciò, è un dato in crescita rispetto al 17 dicembre scorso. Diminuisce anche il numero di persone convinte che il governo cadrà all'indomani delle regionali dei prossimi mesi (dal 47 al 35%).

Da Porta a Porta arrivano novità sull'Emilia Romagna che lasciano intendere come la partita si possa considerare ancora aperta, o almeno non chiusa, perché anche se rispetto alla precedente indagine dell'11 dicembre scorso il candidato del centrosinistra, Stefano Bonaccini, si mantiene in vantaggio, la tendenza è quella di un calo di consensi, mentre Lucia Borgonzoni, che corre per il centrodestra, è stabile. Infatti nell'ultimo sondaggio in ordine di tempo, realizzato dall'Istituto Noto e reso noto a Porta a Porta, Bonaccini si conferma davanti alla sua sfidante, tra i due non è esclusa una situazione di testa a testa. Il governatore uscente dell'Emilia-Romagna è accreditato del 43- 47% dei consensi (e quindi avrebbe perso due punti) contro una forbice che va dal 41 al 45 per cento per la candidata del centrodestra. Molto distanziato, anche se in leggera crescita, il candidato m5s Simone Benini: in precedenza era accreditato tra il 4 e l'8%, adesso viaggia dal 5 al 9%.

Sempre secondo l'istituto Noto, in Calabria la candidata del centrodestra alla presidenza della Regione, Jole Santelli, risulta prima con una forbice tra il 50 e il 54 per cento. Il candidato del centrosinistra, Pippo Callipo, si attesta tra il 32 e il 36 per cento, il candidato del M5s Francesco Aiello è tra l'8% e il 12%. Gli altri candidati tra il 3% e il 5%.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Gio, 09/01/2020 - 17:20

da quel di che ripeto..che i 5S hanno fatto das utili idoti e apripista per salvbini e che salvini a sua volta fa la stessa cosa per la Meloni..Ed e' naturale..dato che la Meloni piaccia o non piaccia ..ha le sue idee e le sue politiche che non cambiano con i sondaghgi..mentre i 5 S e salvbini sono solo buffoni mantenuti dalla politica capaci di trombettare ..ma alla resa dei conti..incapaci di qualsiasi cosa valida

lorenzovan

Gio, 09/01/2020 - 17:22

che in calabria vionca il centrodestra..nessuna sorpresa...lolol...da anni sappiamo come funziona in calabria e sicilia il sistema elettorale...

Macrone

Gio, 09/01/2020 - 18:47

lorenzovan e certo, quando vincono i kompagni votano solo le persone per bene, quando vince il cdx votano solo ndranghetisti. Patetico buffone!

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Gio, 09/01/2020 - 19:09

Il pagliaccio Salvini prima o poi farà la fine di Di Maio e compagni.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 09/01/2020 - 20:07

L'essenziale scalzare dal Quirinale i Bergoglio-dipendenti. Il disastri li fanno loro.

glasnost

Gio, 09/01/2020 - 21:06

Abbiamo visto tutti la validità dei sondaggi elettorali. Secondo loro vince sempre la sinistra o, a alla peggio, sono alla pari. Poi però guardando i fatti vince Trump, vince Boris Johnson, vince alla grande la Lega in Umbria e così via. Perché adesso dovrebbe andare diversamente? D'altronde i rosso-gialli si manifestano così inetti che soltanto dei masochisti potrebbero volerli.

Altoviti

Gio, 09/01/2020 - 23:09

Sono più 3O anni che è caduto il muro di Berlino, solo l'Italia si tiene ancora quei relitti di comunisti in alcune regioni, è più che ora di buttare il PD fuori d'Italia!

Duka

Ven, 10/01/2020 - 07:56

Un milione di volte meglio la Meloni-