Le strampalate idee 5s: far diventare l'Italia una "Repubblica laica"

Proposta di modifica della Costituzione. E chiedono ciclabili verso le scuole

Le strampalate idee 5s: far diventare l'Italia una "Repubblica laica"

Nonostante la scarsa partecipazione, soprattutto durante la prima giornata, la fedelissima di Davide Casaleggio Enrica Sabatini ha detto che il Villaggio Rousseau ambisce a diventare «il più grande evento digitale di sempre in Italia». Tanto grande che si è trovato il tempo di parlare perfino di modifiche alla Costituzione. Sì perché quella sull'«introduzione del principio di laicità della Repubblica» è una delle proposte al centro del dibattito virtuale con gli attivisti nella due giorni organizzata da Casaleggio. Si tratta di un ddl presentato al Senato alla fine di giugno. La proposta prevede una modifica al primo articolo della Costituzione, che diventerebbe così: «L'Italia è una Repubblica democratica e laica, fondata sul lavoro». Un provvedimento per tutelare «chi professa il proprio ateismo», ha spiegato Romano.

In tutto sono state 10 le idee dei parlamentari del M5s dibattute nello Spazio Partecipazione del Villaggio Rousseau. Tra cui il ddl della senatrice Orietta Vanin sulle modifiche al codice della strada «in materia di potenziamento degli itinerari ciclopedonali per il raggiungimento dei plessi scolastici». Ha trovato spazio un grande classico del grillismo, l'economia circolare. Con una proposta della deputata Ilaria Fontana «per ridurre la produzione di rifiuti attraverso la promozione della riparazione e del reimpiego dei beni usati». Con l'obiettivo di introdurre il diritto «di poter riparare i nostri oggetti senza che diventino obsoleti dopo pochi anni», come spiega Fontana in un video su Facebook. E ci sono anche la riorganizzazione del Corpo Militare della Croce Rossa, l'Istituzione di un «marchio etico del lavoro di qualità» per le aziende e la semplificazione della normativa in materia di acquacoltura. Villaggio Rousseau è stata anche l'occasione per Casaleggio di ribadire il suo no a modifiche della regola dei due mandati.

Ma il Villaggio è stato soprattutto un momento di visibilità per alcuni grillini delusi. Come l'ex ministro Danilo Toninelli, che è intervenuto nello Spazio Territori. E ha pubblicizzato la sua partecipazione condividendo una foto pensosa sui social, con accanto il titolo dell'edizione di quest'anno: «Le olimpiadi delle idee». Inevitabili le ironie in rete.

Commenti