Politica

La terra non ha limiti per i centauri delle «20mila Pieghe»

Oggi al via la più importante gran fondo motociclistica italiana Alcuni dei partecipanti hanno girato il mondo con le loro due ruote

Rombano i motori e le ruote sono calde. È partito il conto alla rovescia per i 120 motociclisti di «20mila Pieghe», la competizione organizzata dal Club Motolampeggio, che inizia oggi e andrà avanti fino a domenica, riservata agli amanti delle due ruote e della buona cucina.

La competizione, che vedrà centauri in sella a moto vintage, da enduro stradale, classe turistica, sportive, naked e custom, si terrà su strade aperte al traffico e per vincere servirà abilità, puntualità e intelligenza. La stessa che hanno avuto Davide Biga e Marcello Anglana, due uomini con benzina nelle vene e coraggio da vendere. Il primo, giovanissimo, originario di Cuneo nel maggio 2011 è partito per il giro del mondo in solitaria sopra una Yamaha e in 12 mesi ha attraversato 4 continenti. Nel secondo la passione per le due ruote è nata più tardi, ma è così forte da averlo spinto ad attraversare il globo su un'Honda. Entrambi saranno nella carovana che già da oggi si trova presso il Grand Hotel Presolana di Castiglione della Presolana, in provincia di Bergamo, dove i centauri torneranno ogni sera, dopo aver percorso chilometri e chilometri, affrontandosi 11, 12 e 13 su tracciati stradali diversi (la cui lunghezza oscillerà tra i 330 e i 430 chilometri) con l'obiettivo di portare a termine, oltre alle tre tappe previste, anche le due prove speciali (fissate per oggi) con il miglior risultato possibile.

Chi ha già preso parte in passato a questo evento, giunto alla settima edizione, sa che si tratta della più imponente manifestazione motociclistica italiana di Gran Fondo riservata a bolidi di cilindrata superiore a 120 cc. A far da cornice quest'anno uno spicchio di territorio compreso tra le Alpi Bergamasche, le Dolomiti Trentine e le Alpi Svizzere. «I premiati saranno 25 di molte categorie differenti, ma i vincitori assoluti, alla fine, saranno due - racconta il presidente, Daniele Alessandrini -. Uno per il Gran Fondo di Regolarità, ovvero la gara fatta rispettando tempi predefiniti. Questo avrà il titolo di Magnifico Piegatore, mentre la laurea di Magnifico esploratore verrà assegnata a chi salirà sul podio per la classifica Moto Esploratori Classe Turistica, portando a termine i percorsi senza vincolo di tempi. I premi in palio sono treni di pneumatici Pirelli (l'industria partecipa anche con una Squadra Ufficiale), caschi Nexx e giacche Macna. Ad accompagnarci partner prestigiosi: Motorex, Tom Tom, Pirelli Scorpion Trail, Fin, Grand Hotel Presolana e il Giornale, official media partner della manifestazione. Rentissimo anche il supporto di Natura & Fitness». A rendere più avvincente la sfida il fatto che l'organizzazione svelerà solo la sera prima di ogni tappa la «tabella di marcia» da affrontare il giorno seguente. «Poi ci sono le due prove speciali - sottolinea Alessandrini - e una sarà probabilmente di abilità, nella piazza di Castiglione della Presolana, che ci è stata concessa dal Comune». «La manifestazione da quest'anno avrà carattere e interesse internazionale - sottolinea Franz Rinaldi, strategy advisor dell'evento e curatore dei rapporti con i partner più prestigiosi - e coinvolgerà in maniera maggiore i grandi marchi già presenti in ambito sportivo» .

Durante la manifestazione Gionata Nencini presenterà anche il suo libro, che descrive un avvincinte giro del globo compiuto in sette anni. Ma «20000 Pieghe» è anche solidarietà e vedrà la partecipazione di una squadra dell'Olus «L'Altro Futuro», che con il chirurgo Massimo Trovarelli sta portando avanti progetti di volontariato in Madagascar e Togo.

Commenti