Terremoto nel M5s, altri due parlamentari lasciano il gruppo

Ad abbandonare il M5s sono i deputati Nunzio Angiola e Gianluca Rospi che criticano la ''gestione verticistica e oligarchica'' operata dai vertici

Il M5s sempre più in crisi. Questa mattina altri due parlamentari pentastellati hanno lasciato il gruppo lanciando un duro attacco contro i vertici del MoVimento responsabili, a loro dire, di una ''gestione verticistica e oligarchica''.

A dire addio a Luigi Di Maio e a Beppe Grillo sono stati i deputati Nunzio Angiola e Gianluca Rospi che, contemporaneamente, hanno annunciato l’adesione al Gruppo Misto. Il pugliese Angiola, professore ordinario, in una nota afferma di aver preso la decisione ''con grande rammarico'' in quanto ''il mio dissenso non deriva da un mio personale cambiamento di opinioni, ma dalla presa d'atto che, chi più chi meno, i vertici del Movimento hanno preferito trincerarsi in una chiusura pregiudiziale nelle proprie granitiche convinzioni''. Il deputato sottolinea che la sua volontà non è collegata con quella di altri colleghi parlamentari come Lorenzo Fioramonti.

''Come avevo ripetutamente preannunciato- ha aggiunto Angiola- per una serie di meditate e rilevanti ragioni ho dato il mio voto di fiducia al Governo di Giuseppe Conte, ma non ho votato la Legge di Bilancio''. Il deputato poi spiega in modo chiaro del perché ha deciso di lasciare il M5s: "Ho più volte denunciato scarsa collegialità e scarsa attenzione ai singoli parlamentari, sia come persone sia come professionisti, con tutte le conseguenze che ciò può comportare in termini di "visibilità" dei territori nelle scelte legislative e di Governo".

Dello stesso tenore le dichiarazioni del collega Gianluca Rospi che ha dichiarato di aver riflettuto tanto anche in questi giorni di festa su cosa fare. Diverse sono state le ragioni che lo hanno spinto a lasciare il gruppo con il quale è stato eletto, ''in primis il non condividere la manovra di Bilancio approvata di recente e la mancanza di collegialità nelle decisioni all'interno del gruppo, ho maturato l’idea di lasciare, con grande rammarico, il MoVimento 5 Stelle''.

Ma a non piacere a Rospi è ''la gestione verticistica e oligarchica del Gruppo parlamentare con il risultato che ristrette minoranze decidono per la maggioranza''. Il deputato ritiene che ''il M5S non vuole più dialogare, con la base che si limita a veicolare le scelte prese dall'alto senza più essere portatrice di proposte''. ''Non è un cambio di opinione- ha spiegato Rospi- ma la semplice presa d’atto di una chiusura del MoVimento nei miei confronti''.

I due deputati nel Misto potrebbero restare per poco tempo. Non mancano progetti politici da sposare, come quello della Lega, di Italia Viva e il possibile nuovo gruppo parlamentare capeggiato da Lorenzo Fioramonti. La scelta di Angiola e Rospi è un segnale chiaro del malessere all’interno del M5s. Un problema che valica i confini del mondo pentastellato. Probabilmente anche il premier Giuseppe Conte inizia a preoccuparsi seriamente nel vedere la maggioranza andare in pezzi con il passare delle settimane. Soprattutto se si considera che esiste la reale possibilità che altri parlamentari abbandonino la nave guidata da Di Maio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 03/01/2020 - 15:23

Il lumicino fra non molto si spegnerà, per grande fortuna dell'Italia.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 03/01/2020 - 15:24

fin che la barca va, lasciala andare...

hectorre

Ven, 03/01/2020 - 15:30

il governo cadrà per le continue defezioni dei grillini?....no....il governo cadrà ed è per questo che i grillini scappano!!!....piccoli dettagli che fanno la differenza, cercano nuovi lidi per ricandidarsi!!!...quando al comando si lasciano un bibitaro e un comico, il declino è garantito.....al voto!!!!!

bernardo47

Ven, 03/01/2020 - 15:43

Alla Camera, sposta nulla........nei fatti. Vogliono la intera grana! Nulla di altro, per chi sia grillino!

tormalinaner

Ven, 03/01/2020 - 16:02

Oramai il partito è alla canna del gas e si sta sciogliendo, non è più convincente come una volta.aIl potere li ha distrutti poi stare al governo con l'unico programme di non far vincere Salvini è demenziale.

roberto leone

Ven, 03/01/2020 - 16:17

Lo spettacolo a cui stiamo assistendo con il paese ostaggio di un comico e di un manipolo di disoccupati che, raggirando gli italiani con il reddito di cittadinanza, hanno occupato indegnamente il Parlamento, è merito di chi ha voluto questo governo contro la volontà della maggioranza degli italiani e che non è possibile nominare perché in Italia vige ancora il medioevale reato dell'oltraggio.

gianf54

Ven, 03/01/2020 - 16:28

Grillo: vai a nasconderti!! Hai benedetto l'accozzaglia Di Maio/PD? Adesso goditene le conseguenze (almeno quelle morali...) Speriamo solo che questo governicchio tiri presto le cuoia per non arrecare ulteriori danni agli Italiani...! Poi (si spera), cambierà la musica....

Ritratto di ALCE BENDATA

ALCE BENDATA

Ven, 03/01/2020 - 16:30

Fossi io il premier Conte già preparerei il discorso di fine governo ( perchè si sono dissolti i numeri) e un'altro per la fine della legislatura. Mattarella si prepari ad indire le elezioni come è giusto che sia. E che il paese abbia finalmente un premier che esca delle urne, non da un cilindro come avviene quando si fa uscire un coniglio per stordire lo spettatore dello sventurato spettacolino di magia!

jaguar

Ven, 03/01/2020 - 16:54

Ma quanti sono i deputati nel gruppo misto? Chi esce da un partito deve staccare il posteriore dalla poltrona e andare a casa.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 03/01/2020 - 22:34

Tra poco il gruppo misto sarà maggioranza del paese. Siamo ridotti male. Al colle dovrebbero porsi qualche domanda.

Ritratto di BoycottPoliticalCorrectness

BoycottPolitica...

Ven, 03/01/2020 - 22:43

La gente veramente onesta avrebbe dovuto lasciare al momento del voto pro-cri(u)cca UE e conseguente governo della vergogna con quelli che ”mai si sarebbero alleati”. Mollare ora puzza di capriccio. Comunque anche se ‘sto governo ignobile cadrà (e chi vincerà le elezioni si sa) non ci si illuda troppo. Processi a orologeria, campagne mediatiche di delegittimazione, pesci marci radiocomandati nelle piazze, scioperi, sanzioni UE, ecc. distruggeranno in breve chiunque si metterà contro la mafia politicamente corretta italiana e UE.

Ritratto di Tipperary

Tipperary

Sab, 04/01/2020 - 00:16

Si accorgono solo ora di essere state le marionette di Grillo e DiMaio ?