Test e tracciamento in stallo. Se Conte copia male la Corea

Il premier dà i numeri, ma non tiene conto delle differenze sul territorio e dei dati parziali. E in ritardo

I conti di Giuseppe Conte per la messa in sicurezza della popolazione in Fase 2 sono sballati. Il premier assicura che è stato messo in piedi «un articolato sistema di controlli e interventi degli andamenti epidemiologici, affidato alla formula del testare, tracciare e trattare», ovvero quella messa a punto con successo dalla Corea del Sud. E grazie ad un «accurato piano di monitoraggio» si affronterà un rischio calcolato. Ma i dati sui quali si basa quel calcolo sono parziali, poco trasparenti e in ritardo. Quel rischio in realtà è calcolato male.

TESTARE Il tampone è l'unico strumento per una diagnosi di positività veloce per identificare e isolare immediatamente il malato. Conte ieri ha annunciato trionfalmente i numeri dei tamponi eseguiti 3.171.719 (era il dato aggiornato al 20) sostenendo che l'Italia è «al primo posto per numero di tamponi per abitante». Ma non è esatto. Sempre stando ai dati del 20 riportati da Our World in Data, ricerca statistica dell'Università di Oxford, in testa troviamo l'Islanda con 168,75 test per 1.000 abitanti. Ma c'è anche il Portogallo, 66,1; l'Irlanda con 59,87. L'Italia ha un'ottima performance con 52,46 test per mille abitanti. Ma non è la prima. E occorre considerare due elementi chiave, evidenziati dallo studio della Fondazione Gimbe che dall'inizio dell'epidemia fa le pulci ai conti della Protezione Civile. Lo studio si riferisce a dati rilevati dal 23 aprile al 20 maggio. Il primo elemento è che soltanto il 61,7 per cento dei tamponi è diagnostico (ovvero ripetuto e dunque con certezza di risultato). Il secondo è che la quantità di test eseguiti varia moltissimo da regione a regione: si va dai 18 per 100mila abitanti della Puglia ai 168 della Valle D'Aosta con una media di 61 tamponi diagnostici al giorno per 100mila abitanti. E il numero dei positivi testati è uno dei principali indicatori sui quali calcolare il rischio. Ma è aumentata la capacità di monitoraggio in Fase2, visto che con l'allentamento del lockdown il rischio di diffusione del virus si rialza? Gimbe rileva come alcune regioni abbiano incrementato il numero medio giornaliero di tamponi diagnostici: la Provincia Autonoma di Trento, più 99; la Valle D'Aosta, più 66. Ma alcune invece stanno rallentando: Emilia-Romagna, meno 14; Puglia, meno 43; Lazio, meno 64.

TRACCIARE «Il secondo pilastro della strategia di controllo del virus è il contact tracing», ribadisce Conte riferendosi all'App Immuni. Va premesso che il presupposto per il tracciamento è l'individuazione dei positivi dunque le carenze nel testare inficiano il tracciamento. E poi l'App Immuni è ancora al palo. Ieri il premier ha appunto annunciato che a breve partirà la sperimentazione. Ma intanto la Fase2 è partita senza tracciamento. É di due giorni fa l'annuncio di Google e Apple rispetto alla disponibilità della App per le autorità sanitarie che l'hanno richiesta in 22 paesi compresa l'Italia. Dunque presumibilmente non partirà prima di fine maggio e l'adesione sarà comunque su base volontaria. Per essere efficace la App dovrebbe essere condivisa da almeno il 70 per cento degli italiani.

TRATTARE Non c'è dubbio che sul fronte della capacità di risposta ospedaliera è stato compiuto un grande sforzo soprattutto in Lombardia, la regione più colpita. Le cifre snocciolate da Conte in questo caso sono esatte. Sono saliti a 7.864 i posti letto in terapia intensiva con un incremento del 52 per cento rispetto all'inizio dell'emergenza. Aumentati anche i posti letto nei reparti di malattia infettiva e pneumologia saliti a 28.299, con un incremento del 334. Ma la partita della Fase 2 si gioca sulla sanità territoriale: la scommessa è riuscire ad assistere i malati in casa evitando grazie ad una diagnosi tempestiva che si aggravino. Mancano i medici dei servizi di igiene e prevenzione. Un ruolo chiave poi lo avranno i medici di base che hanno in media 1.300 assistiti. E su 43mila camici bianchi soltanto 2mila al momento hanno il ruolo di medico sentinella nella rete Covid Alert.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 22/05/2020 - 10:11

...Non capisco perchè non si parli mai di Taiwan!...Per non disturbare la Cina?....Comunque per giusta informazione:Su una popolazione di 24 milioni di abitanti:eseguito 70.338 test,escludendo 69.324 casi,confermandone 441,...7 decessi!!!

cgf

Ven, 22/05/2020 - 10:49

@Zagovian Troppo tardi per copiare Taiwan, loro NON hanno bloccato subito tutti i collegamenti diretti, soprattutto con la Cina, ma sono partiti subito a controllare E REGISTRARE chiunque arrivasse dal continente a differenza dell'Italia che prima da del razzista a chiunque voglia fare altrettanto, poi sospende i voli diretti con la Cina perdendo qualunque forma di controllo perché tanto chi doveva tornare lo ha cmq fatto via Francoforte/Parigi/Mosca/altroscalo. Infine farisaicamente spedisce mascherine privando la sanità italiana quando NB aveva già decretato l'emergenza. DA DILLETTANTI vincerebbero medaglie, ovvio che i dilettanti dovrebbero limitarsi a copiare e basta, ma copiano non solo male, vogliono metterci del loro e non hanno passato l'esperienza della SARS, che non è poco. Taiwan e Corea del Sud hanno già protocolli collaudati, qui improvvisano, ma basta visitarla Taiwan per capire subito che il modo di pensare… .

Nicola48ino

Ven, 22/05/2020 - 10:52

Zagovian hai centrato il bersaglio grosso. Se non ci liberiamo di questi incapaci al governo fra qualche anno nella bandiera tricolore a posto delle repubbliche marinare ci sarà il logo cinese un drago rosso con le stelle.

cgf

Ven, 22/05/2020 - 10:56

Ovviamente Conte non dice che gli oltre tre milioni di tamponi non significano oltre tre milioni di soggetti controllati. Dovrebbe spiegare che per ogni 1 positivo, minimo ne seguono (se il soggetto guarisce subito) almeno altri due. Poi ci sono "soggetti a rischio" come politici e calciatori, che di tamponi forse ne fanno anche 1+ alla settimana.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 22/05/2020 - 11:04

cgf 10:49...concordo!...Io ci ho vissuto per 10 anni!!

ilguastafeste

Ven, 22/05/2020 - 12:04

@cfg se lo sai perchè dovrebbe dirtelo? Per farti dire "mi dica qualcosa che non so già"? Lo sanno tutti che si fanno almeno 2 tamponi, è stato scritto e detto tutti giorni più volte al giorno!!

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 22/05/2020 - 16:02

Conte è premier quasi per caso, in quanto i premier inizialmente dovevano essere due, Salvini e Di Maio; lui era di scorta. Saltati i due egli è diventato il vero premier nel governo ed una disgrazia per l’Italia.

cgf

Sab, 23/05/2020 - 13:53

@ilguastafeste Ven, 22/05/2020 - 12:04 Lei misurerebbe la frequenza al bagno degl'italiani in base ai metri di carta igienica? Il numero dei tamponi non dice nulla, meglio dire a quanti è stato praticato, solo così si possono avere dei parametri. Troppo difficile quando l'ideologia, o "essere filogovernativi", non aiuta a ragionare con la propria testa.