Vergognoso "schiaffo" di De Benedetti: "Auguri al Cav, un imbroglione". La figlia Marina Berlusconi: "L'Ing un uomo in disarmo"

L'Ingegnere mette nel mirino l'ex premier. E lo fa nel momento meno opportuno. La frase choc: "È stato nocivo per il Paese"

Vergognoso "schiaffo" di De Benedetti: "Auguri al Cav, un imbroglione". La figlia Marina Berlusconi: "L'Ing un uomo in disarmo"

Ci mancava il livore di Carlo De Benedetti. L'Ingegnere mostra la sua solidarietà in modo del tutto curioso a Silvio Berlusconi che si trova ricoverato al San Raffaele di Milano per il contagio da Coronavirus. Le parole dell'imprenditore vanno lette con estrema calma perché non sono i soliti auguri di pronta guarigione ma nascondono un conto in sospeso col Cavaliere. Partecipando ad una tavola rotonda al festival della tv di Dogliani ha affermato: "Chiedo un applauso di incoraggiamento e gli rinnovo gli auguri di pronta guarigione, ma la mia convinzione è che sia stato molto nocivo per il Paese". L'affondo si fa sempre più duro subito dopo: "È stato un grande imbroglione- aggiunge- lui ha versato, non a me che non ho preso neanche un euro, ma alla Cir 562 milioni che è la più grande goduria che io abbia avuto nella mia vita". La tempistica di questo sfogo contro il leader di Forza Italia appare ai più del tutto inopportuna. In tanti in questi giorni hanno inviato messaggi di auguri per una pronta guarigione al Cavaliere. Da Prodi a Conte, fino a Mattarella. Di certo l'ex premier, il professore di Bologna, non è stato un "amico" politico del leader di forza Italia eppure in questa occasione ha usato parole chiare per mandare un abbrraccio al leader di Forza Italia. Il Professore ha infatti espresso a Berlusconi la sua vicinanza. E anche altri esponenti della sinistra hanno comunque speso parole di affetto per il Cavaliere. Inutile poi ricordare l'applauso del Parlamento per esprimere la vicinanza delle istituzioni al Cavaliere. De Benedetti ha deciso però di uscire dal coro e di usare il suo messaggio di "pronta guarigione" per attaccare in modo chiaro l'imprenditore Berlusconi con cui ha avuto diverse battaglie in passato.

Ma di fatto questa uscita di sicuro attirerà parecchie critiche. La figlia del Cav, Marina Berlusconi, ha fulminato De Benedetti: "Le parole di un uomo in disarmo sotto tutti i punti di vista, dalle esperienze imprenditoriali fino ai rapporti famigliari, non possono suscitare altro che un sentimento di commiserazione". Il senatore azzurro Maurizio Gasparri non ha usato giri di parole: "Berlusconi non condividerebbe che si replicasse in modo sprezzante a De Benedetti. Ma io lo faccio lo stesso. Carlo De Benedetti è un vero miserabile. Un cialtrone". Durissima anche la reazione della capogruppo alla Camera, Maria stella Gelmini: "Le parole di Carlo De Benedetti su Silvio Berlusconi sono gravemente inopportune oltre che false. Il Presidente Silvio Berlusconi, oltre ad essere un editore di grande successo di aziende oggi guidate dai suoi figli in completa armonia, è un uomo delle istituzioni che ha raccolto il consenso di milioni di italiani. De Benedetti farebbe bene ad astenersi da simili commenti, visto che perfino Di Maio ha imparato a rispettare gli avversari politici. Ma Di Maio, al confronto di De Benedetti, è un membro della Camera dei Lord". Anche il capogruppo al Senato, Anna Maria Bernini, ha risposto per le rime all'ingegnere: "L'ingegner De Benedetti ha dato dell'imbroglione al presidente Berlusconi in ospedale per il Covid. Una sortita che si commenta da sola. Ma il virus dell'invidia, evidentemente, è più forte della decenza". Non manca poi l'affondo di Giorgio Mulè, portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato: "Giunge il verso sinistro delle iene e degli sciacalli. Si manifestano per quelli che sono, per quelli che sono sempre stati: odiatori seriali, lillipuziani della morale e dell'etica. Su tutti svetta Carlo De Benedetti, che ha vissuto male e sta invecchiando ancora peggio". Anche il diretto de ilGiornale, Alessandro Sallusti, ha criticato in modo forte le parole di De Benedetti: "Sciascia ne 'Il giorno della Civetta' fa dire al protagonista che gli uominii si dividono in cinque categorie: uomini, mezz'uomini, ominicchi, pigliainculo e quaquaraquà. E Sciascia aveva detto bene. Gli uomini si dividono così e De Benedetti non fa parte né della prima né della seconda categoria", ha affermato all'Adnkronos. E ancora: "Dire una cosa del genere verso un uomo ricoverato in quelle condizioni non è da uomo. Lui dice che Berlusconi è stato un imbroglione ma si dimentica che lui è stato arrestato per tangenti, Sì De Benedetti è stato tecnicamente arrestato per tangenti. E allora gli chiedo: 'Se Berlusconi è un imbroglione, lei come si autodefinirebbe?'".

Intanto sul fronte clinico le condizioni del leader di Forza Italia, secondo quanto riportato dal professor Alberto Zangrillo, non destano grande preoccupazione: "La situazione clinica è allo stato attuale tranquilla e confortante con indici clinici compatibili con quello che abbiamo osservato prima clinicamente e poi in diagnosi". Il Cavaliere, come ha spiegato lo stesso Zangrillo, resterà ricoverato ancora per qualche giorno. Poi tornerà in campo per dare tutto il suo sostegno alla corsa alle Regionali del centrodestra che intravede ormai la spallata finale al governo giallorosso. Con buona pace di chi in questi giorni ha usato il Covid per attaccare il Cavaliere.