L'incredibile spot del Pd ​che invita a votare Zaia

"Se proprio non ce la fai a non votare Zaia, ricorda la possibilità del voto disgiunto", la soluzione proposta dal candidato del Partito Democratico. Prima di lui, anche il caso del circolo Pd di Nove-Cartigliano. Imbarazzo dei dem

Che durante le prossime consultazioni regionali sia possibile scegliere la via del voto disgiunto non è di certo una novità di quest'anno, ma che addirittura durante uno spot elettorale un candidato (nello specifico iscritto tra le file del Pd) inviti gli elettori ad effettuare una scelta del genere, probabilmente perchè conscio della batosta all'orizzonte per il proprio candidato governatore, con lo scopo di raggranellare qualche preferenza in più, davvero non si era mai visto.

È accaduto in Veneto, dove il presidente della Regione uscente Luca Zaia (supportato da Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lista Zaia e Lista Veneta Autonoma) è dato in netto vantaggio rispetto al leader dello schieramento avversario Arturo Lorenzoni (sostenuto invece da Partito Democratico, Veneto in Europa, Europa Verde e da due liste civiche Lorenzoni Presidente).

Sarà possibile, come sempre, dare un'unica preferenza per il candidato governatore, senza preoccuparsi di indicare alcuno schieramento nello specifico, oppure apporre un contrassegno sia sul nome del presidente che sul simbolo che lo accompagna: in quest'ultimo caso il voto andrà sia al candidato che all'intero schieramento che lo sostiene. L'elettore potrà sbarrare comunque anche una delle liste che compongono la compagine, garantendo anche ad essa una preferenza, e in aggiunta indicare il nome di un massimo di due candidati al consiglio regionale facenti parte dell'elenco del medesimo partito.

Oltre a ciò viene data al cittadino anche la possibilità di effettuare il voto disgiunto, scegliendo quindi un candidato governatore ma sbarrando il simbolo di un partito non facente parte della coalizione che lo sostiene. Anche in questo caso sarà possibile indicare il nome di due candidati al consiglio regionale iscritti nelle liste di detto partito.

Se si sbarra solo il simbolo di un partito, o nelle righe accanto viene indicato il nome di un candidato consigliere (o di entrambi), il voto sarà attribuito automaticamente a partito, coalizione e governatore sostenuto.

È qui che interviene lo spot del candidato del Pd Stefano Artuso. "Il 20 e il 21 settembre rinnoveremo il consiglio regionale del Veneto. Per la provincia di Padova se vuoi votarmi hai due modi. Il primo è barrare il simbolo del Partito Democratico e scrivere Artuso. In questo modo darai il voto a me e al candidato presidente Arturo Lorenzoni. E se proprio non ce la fai a non votare Zaia", prosegue il candidato del Pd senza vergogna, come si vede nel video caricato da "Il Tempo", "ricorda la possibilità del voto disgiunto. Quindi vota Partito Democratico, scrivi Stefano Artuso e poi traccia una X sul nome di Luca Zaia. In questo modo darai il voto a me e come candidato presidente a Luca Zaia. Grazie per il tuo aiuto".

Lo spot del candidato Artuso ha generato un certo imbarazzo nel Partito Democratico, anche perché arriva dopo un intervento molto simile della candidata Pd al consiglio regionale Chiara Luisetto, ex sindaco di Nove. "Se un vostro amico non è intenzionato a votare Lorenzoni, potrete tuttavia esprimere la preferenza per Chiara", si legge nella lettera del circolo Pd di Nove-Cartigliano agli elettori, come riportato dal "Corriere del Veneto". Artuso, fra l'altro, aveva preso le difese di Chiara Luisetto. Oltre ai due rappresentanti del Pd, anche Matteo Macilotti, primo cittadino di Chiampo e candidato nella lista "Rubinato per le autonomie", avrebbe suggerito agli elettori lo stesso stratagemma, come riferito da "Vicenzapiù".

Non ha tardato ad arrivare la condanna del Partito Democratico. Il segretario regionale dei dem Alessandro Bisato ha richiamato all'ordine i propri rappresentanti."L’invito di Stefano Artuso al voto disgiunto è inaccettabile. Non è tollerabile che un candidato consigliere del Partito democratico dia indicazioni di voto diverse rispetto al candidato presidente che liberamente e democraticamente abbiamo scelto per la guida del centrosinistra. Quel candidato si chiama Arturo Lorenzoni, punto. Alternative non ce ne sono", ha dichiarato, come riportato da "AskaNews".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Gio, 17/09/2020 - 18:29

Che morti di fame...

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 17/09/2020 - 18:56

Già dire "se proprio non ce la fai" sottintende insulto e disprezzo...mi sa che sarete voi sinistri a "non farcela" il 22 settembre....preparate il Maalox.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 17/09/2020 - 19:37

La sinistra ormai è allo “sballo”. Non sanno quello che fanno né quello che dicono.

ulio1974

Ven, 18/09/2020 - 10:11

serietà e competenza non gli mancano.

ulio1974

Ven, 18/09/2020 - 10:13

magari uno era indeciso se dare il voto a te e PD o a Zaia, ma, conoscendoti lo avrebbe dato solo a te. Ora che gli hai detto che può votare entrambi, sarà ancora più felice e ti ringrazierà. Ma soprattutto ti ringrazia Zaia.

ulio1974

Ven, 18/09/2020 - 10:13

come tagliarsi le balle da solo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 18/09/2020 - 10:17

Sapendo di perdere a mani basse, tentano il colpo del 10 0% per poi alludere che le elezioni sono truccate? Urlano contro Lukashenko, ma di loro non mi fido, sono peggio.

electric

Ven, 18/09/2020 - 10:27

Vi prego, fate la carità...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 18/09/2020 - 10:31

grazie babbei comunisti grulli :-) ci state aiutando....

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Ven, 18/09/2020 - 11:28

Vorrei proprio capire chi mai potrebbe votare per Zaia e poi votare pd. Ma sono mentecatti?

ulio1974

Ven, 18/09/2020 - 11:31

lo sguardo furbo ed intelligente non gli manca: solo lui poteva esserne capace.

cabass

Ven, 18/09/2020 - 11:55

@Iam2018: non sono mentecatti, ma l'esatto contrario. Voglio essere ottimista e pensare che anche tra i simpatizzanti del PD ci siano persone intelligenti e obiettive, le quali non possono non ammettere che Zaia sia una persona degna di fiducia e voto, a prescindere dalle idee politiche.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 18/09/2020 - 13:15

@cabass - può essere, ma non sarebbero intelligenti se a fianco votano poi a sinistra. Se ritien ivalide le proposte da una parte, non puoi poi votare quell'altra parte. Sarebbe da mettersi in pace prima con la loro testa.

Altrimenticiarr...

Ven, 18/09/2020 - 13:38

Zaia prenderà il posto di Salvini alla guida della lega. Più presentabile

ulio1974

Ven, 18/09/2020 - 14:38

Altrimenticiarr... 13:38: fossi in Zaia non lo farei mai: se hai una presentabilità, appena arrivi a Roma la perdi.

ilbelga

Ven, 18/09/2020 - 14:52

Questo el ze innamorà della cadrega.

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Ven, 18/09/2020 - 16:05

@Cabass, scusa ma per me è impensabile votare per un governatore di destra e poi votare per il pd. A me sembra che il voto disgiunto sia nato per portare alla paralisi politica.