Zingaretti restauratore. Il Pd riapre Capalbio e rottama i quarantenni

Il primo a saltare è il tesoriere renziano. E tornano ad affacciarsi i "padri nobili"

A volte ritornano: da Prodi a Nanni Moretti a Letta alla Ferilli, mentre in attesa di Moni Ovadia ci si accontenta di Lello Arena. «Siamo all'ultima spiaggia», la buttano sul ridere dalle parti di Renzi, e la battuta non riguarda la scelta di Zingaretti come l'estrema possibilità del Pd di risalire a galla, quanto proprio l'Ultima Spiaggia, lo stabilimento simbolo di una certa sinistra alle vongole, quella di Capalbio, dove il nuovo segretario ha una casa.

E infatti rieccoli. «Speriamo che non torni la Ditta», ha confidato ieri al Corriere della Sera Francesco Bonifazi, tesoriere uscente, da sempre vicinissimo a Matteo. Tempo ventiquattr'ore e l'hanno sostituito. Adesso la cassa è nella mani di Luigi Zanda, franceschiniano, ex capogruppo al Senato. «È un incarico immaginario. Perché per fare il tesoriere ci vuole il tesoro, mentre qui il tesoro non c'è», il commento a caldo di Zanda. Del resto l'intervista di Bonifazi è stata accolta con parecchio fastidio dagli uomini di Nicola. «Ci vuole proprio la faccia di bronzo a parlare, dopo aver lasciato un partito che non ha nemmeno una lira per piangere». Al punto che per l'incoronazione di Zingaretti attraverso l'assemblea bisogna aspettare dieci giorni, perché prima l'albergo scelto, uno dei più economici, è occupato.

Oltre a Zanda sta per rientrare Paola De Micheli, sottosegretario alla presidenza ai tempi del governo Gentiloni, futura vicesegretario del partito. E proprio Paolo Gentiloni, grazie al suo profilo moderato e non comunista, si sta dando molto da fare in queste ore dal punto di vista diplomatico per smentire che il Pd abbia svoltato a sinistra, come titola Le Monde. Un incontro a Roma con John Kerry, un viaggio a Londra, una conferenza con la stampa estera. «Non dobbiamo tornare all'ideologia di mezzo secolo fa - spiega l'ex premier - ma dare nuove risposte ai problemi posti dalla globalizzazione: sicurezza, lavoro, ingiustizia sociale, sostenibilità ambientale. E questo non può essere fatto tra le élites, ma solo con il popolo».

Il nuovo leader del Pd dichiara di voler essere «il segretario della strada, vicino alle persone che soffrono». Dovrà guardarsi dall'abbraccio soffocante dei padri nobili. Romano Prodi ha «riaperto la tenda». Dice. «Sono quasi tornato a casa». Dopo cinque anni di esilio si è rifatto sotto pure Enrico Letta. «Riprendo la tessera, mai più il partito dell'antipatia». In fermento anche il coté intellettuale. Roberto Benigni, Massimo Ghini, Paolo Virzì, Stefania Sandrelli, Francesco Guccini, più Moretti e la Ferilli, tutti insieme appassionatamente come ai bei tempi dell'Ulivo. La vocazione maggioritaria va in archivio, persino D'Alema e Bersani sperano di tornare a casa.

Si consuma così la rivincita dei vecchi, confermata anche dal dato anagrafico registrato ai gazebo di domenica scorsa: quasi la metà degli elettori delle primarie ha più di 64 anni e gli studenti erano il tre per cento. E l'altra faccia della medaglia è la rottamazione in atto dei generazione dei quarantenni, i renziani più o meno ortodossi che negli ultimi cinque anni hanno retto il Nazareno. Uno dei due capigruppo Marcucci o Delrio, è a rischio conferma. Non sarà una battaglia facile, anzi Zingaretti sta già trovando i primi problemi, visto che gli uomini di Matteo controllano ancora i gruppi parlamentari, soprattutto a Palazzo Madama.

Stando allo statuto interno, deputati e senatori devono scegliere 100 delegati per l'assemblea nazionale ma, visti i rapporti di forza, la nuova maggioranza di troverebbe in minoranza. In attesa di una difficile mediazione, il segretario ha congelato la lista.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 06/03/2019 - 09:40

... meno male ce è arrivato un restauratore, ho una veccia sedia da restaurare; sarà affidabile, professionalmente il restauratore o me la taroccherà?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 06/03/2019 - 09:53

Ritorno al futuro? Si, al contrario..

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 06/03/2019 - 10:20

è tornata di moda la...carne frollata!XD

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 06/03/2019 - 10:23

..caro zingaretti, anche il mio post delle 09,40 ha bisogno di un restauro, bisogna mettere le H mancanti!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 06/03/2019 - 10:44

Avvicendamenti e sostituzioni, come al solito, avvincenti. Come il campionato di serie C.

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Mer, 06/03/2019 - 10:52

se il buongiorno si vede dal mattino !!!!!!! a me pare di vedere avanzare all'orizzonte la "sinistra" ammucchiata che ci ha ridotto in queste condizioni !

VittorioMar

Mer, 06/03/2019 - 12:11

..fa' benissimo ad andare a Capalbio e raccattare i vip sinistrati,mica si deve SPORCARE con i DISGRAZIATI SPORCACCIONI di PERIFERIA ...come si dice : NOBLESSE OBLIGE...che SCHERZIAMO ??

jaguar

Mer, 06/03/2019 - 12:32

Il nuovo che avanza, tra poco rivedremo Moretti e i suoi girotondi.

cecco61

Mer, 06/03/2019 - 12:42

Giusto andare a Capalbio, l'unico paese italiano dove gli immigrati non sono ammessi per non infastidire i "migliori" che, a parole, tanto li amano. Come scrisse Ricossa la sinistra italiana ama il popolo, e gli immigrati, ma solo per osservarli dall'alto in basso, da un palco ben protetto dalla marmaglia cafona, volgare e puzzolente.

pierk

Mer, 06/03/2019 - 13:13

bene... vorrà dire che Zingaretti, detto anche "er congiuntivo", sarà ricordato per la sua... calpalBietà...

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 06/03/2019 - 17:21

Se questo è il nuovo, e sentite le prime dichiarazioni, possiamo stare tranquilli per i prossimi 10 anni.

tonipier

Mer, 06/03/2019 - 17:47

" A FURIA DI ROTTAMARE RESTERANNO CON LA SOLA ROTTAMAZIONE" Il comunismo oggi si regge...con i colossali parassiti ancora nei posti di lavoro "STATALI"donato dai loro compagni...finito il giro,ci sarà un crollo totale dei compagni.