Preziosi: «Il Comune sistemi l’erba, i conti li sistemeremo dopo»

«Prima di sistemare i conti, il Comune veda di sistemare l'erba del Ferraris, perché è inspiegabile che, dopo aver messo le zolle a gennaio, oggi ci sia un campo così. Vuol dire che non è stata fatta una manutenzione adeguata». Dopo la botta di Sportingenova (società al 70 per cento del Comune) che ha avviato le procedure di recupero dei crediti nei confronti di Samp e Genoa, ecco la risposta - tutt'altro che conciliante - di Enrico Preziosi, ieri a Pegli in visita alla squadra: «Dello stadio e dei seggiolini si è già parlato troppo. Oggi mi preme avere la deroga per giocare (e la deroga Uefa è arrivata ieri mattina n.d.r.); l'altro aspetto che mi interessa è lo stato attuale del manto erboso. Non dovremmo neppure pagare l'affitto, semmai dovrebbe essere il Comune a darci qualcosa per far giocare i nostri campioni su un terreno del genere».
Il patron si rasserena quando il discorso scivola sulla squadra e sul match contro il Napoli (arbitro Tagliavento di Terni) «importante, ma non decisivo. Rispetto all'anno scorso abbiamo una rosa più ampia, non dei fuoriclasse, anche se penso che Zapater lo diventerà».
L'unica nota stonata è la sequenza terribile di infortuni che sembra non dare pace a Gasperini. Ma Preziosi infonde ottimismo e si dice certo che «Juric tre 6 settimane tornerà. Dopo un mese potrà riprendere ad allenarsi, con l'Inter potrebbe esserci». Capitan Uncino ieri è stato visitato dallo staff rossoblù che ha confermato la distorsione al ginocchio con interessamento del legamento interno: non ci sono lesioni ed è già una buona notizia.
Lo sfogo di Preziosi non lascia indifferente l'assessore allo sport del Comune, Stefano Anzalone tirato in ballo nella doppia vicenda del campo e dei seggiolini. L'assessore fa mea culpa: «Sampdoria e Genoa hanno ragione: il manto erboso deve essere ripristinato. Oggi ho sentito il presidente di Sportingenova Gandullia e gli ho dato mandato di sistemare il campo nella prima pausa possibile. Sportingenova avvierà una ricerca di mercato tra 4, 5 aziende che dovranno prendersi cura del prato». Due giorni fa l'agronomo della Lega calcio, Giovanni Castelli, dopo aver ispezionato il campo del Ferraris lo aveva definito «pessimo». Sulla questione seggiolini l'assessore ammette le colpe del Comune: «La gara per la fornitura dei seggiolini dovrà essere fatta ex novo. Mercoledì è in programma un cda di Sportingenova che ci darà una relazione dettagliata sui seggiolini». Le incrongrunze di Tursi in questa vicenda non sono sfuggite al capogruppo Pdl del Comune Raffaella Della Bianca: «Possibile che l'amministrazione comunale non sia nemmeno in grado di mettere a norma lo stadio coi 200 seggiolini che servono e, da giugno a oggi, siamo ancora al punto zero? Prima ci si affida a una falegnameria senza accorgersi che bisogna indire una gara d'appalto, poi si fa la gara e la ditta che vince non si presenta. Ma è una realtà o la sceneggiatura del prossimo film di Fantozzi?».