Le reazioni Tremonti soddisfatto: «Ue più forte, rischiava il tracollo»

«L’Europa ora è molto più forte». Anche Giulio Tremonti - tradizionalmente poco incline ai trionfalismi - si accoda alla soddisfazione continentale per il piano che dovrebbe aiutare la Ue ad uscire dalla crisi. «Abbiamo temuto non che fosse più debole, ma che alla fine si dissolvesse - ha spiegato il ministro dell’Economia ai microfoni di Sky Tg24 -; invece alla fine ha dimostrato di essere capace di fare il bene di tutti».
L’accordo all’Ecofin per salvare i debiti sovrani, quindi, appare come una vera ultima spiaggia, un’occasione che - se fosse stata persa - avrebbe causato un crollo nella zona Euro. «La partita che abbiamo giocato era quasi per la vita o per la morte - ha spiegato Tremonti al direttore Emilio Carelli -. Se fosse fallita avremmo avuto la caduta dell’euro e quindi del dollaro e delle altre monete. Sarebbe stata un catastrofe quasi globale».
Al di là della prospettiva continentale, però, il titolare di via XX settembre è ben consapevole anche delle responsabilità (e dei meriti) del nostro Paese: «Quello dell’Italia - ha rivendicato il ministro - è stato un ruolo importante tanto sul piano tecnico, cioè nella stesura delle carte e nella ricerca delle soluzioni, quanto politico». In particolare, «ha giocato un ruolo molto importante il presidente del Consiglio italiano, che si è accordato con gli altri capi di Stato e di governo». Un’azione sia diplomatica sia carismatica, quella di Silvio Berlusconi, che si inserisce in un contesto nel quale finalmente l’Europa ha fatto l’Europa: «La Ue - ha concluso Tremonti - si è ben comportata, e in Europa l’Italia è stata sicuramente tra i protagonisti».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti