Riecco Marzullo con la cultura per nottambuli

Da stasera in onda "L'Appuntamento", poi "Cinematografo" e "Applausi" su arte e teatro

Riecco Marzullo con la cultura per nottambuli

Roma - C’è chi usa la sua voce per rilassarsi; c’è chi, colpito da insonnia, ascolta religiosamente le sue interviste a soubrette e attrici mentre gira intorno al tavolo da pranzo; c’è chi adora il suo modo di fare pacato; c’è chi, invece, appena lo vede cambia canale.
Gigi Marzullo è così: o lo si ama o lo si odia. Lui se ne sta lì da vent’anni, nella notte del primo canale a occupare un orario lasciato libero dai grandi nomi del palinsesto. E raccoglie attorno a sé quegli spettatori che, per loro sfortuna e per fortuna sua, hanno poca dimestichezza con il sonno: che in Italia sono ben tre milioni. Tra un ospite e l’altro, lui riesce a fornire news su libri, cinema, arte e teatro ai telespettatori del primo canale, abituati a varietà e fiction. Sono, infatti, argomenti che non riescono a trovare molto spazio in altri orari dell’ammiraglia della Tv di Stato. Un’opera meritoria, dunque, se si pensa che il pubblico di Raiuno difficilmente frequenta canali monotematici a pagamento che si occupano di tematiche culturali.
Dunque, per i nottambuli e per tutti quelli che amano «farsi una domanda e darsi una risposta», da questo weekend riprendono le rubriche di informazione che Marzullo sta portando avanti da tre anni: e quest’anno hanno conquistato anche maggiore spazio. Si aggiungono, ovviamente, all’appuntamento quotidiano (tranne il sabato) di Sottovoce, la trasmissione storica costruita con le interviste sul velluto.

Stasera, per esempio, sempre dopo la mezzanotte, riprende L’appuntamento, il rotocalco dedicato agli scrittori: trenta minuti in cui a parlare del libro vengono chiamati anche dei critici. Domani sarà il turno di Cinematografo (che si è occupato ampiamente della Mostra di Venezia) dedicato ovviamente al cinema: vengono coinvolti anche gli spettatori cui vengono chiesti pareri fuori dalle sale sugli ultimi film visti. Domenica, infine, sarà la volta di Applausi, il programma dedicato al teatro e all’arte, che raddoppia passando da trenta a sessanta minuti: rispetto agli scorsi anni darà più spazio alle mostre.
In Rai dal 1986 (ha esordito con il programma Italia Mia), Marzullo riappare tutte le notti da quindici anni «sottovoce». Lui vi aspetta «come di consueto sempre di notte, un modo per capire, per capirsi e forse anche per capirci, quando un giorno vista l’ora è appena finito e un nuovo giorno è appena iniziato»...

Commenti

Grazie per il tuo commento