Esce di casa per comprare la cocaina, donna denunciata a Roma

Decine le persone denunciate nella Capitale per aver violato il decreto di Palazzo Chigi. Tra i fermati anche una donna uscita per comprare una dose di cocaina dal pusher

L’autocertificazione ovviamente non ce l’aveva la 52enne uscita di casa ieri sera per acquistare una dose di cocaina. Evidentemente, non c’è quarantena che tenga per le dipendenze. E così la donna ha deciso di contravvenire alle misure decise dal governo per contenere la diffusione del coronavirus, pur di incontrare il suo pusher di fiducia.

Ieri sera è uscita di casa per raggiunge lo spacciatore in via di Tor Cervara. È qui che i due si erano dati appuntamento. Ma lo scambio avviene sotto gli occhi di una pattuglia dei carabinieri che interviene immediatamente. Il pusher riesce a scappare, mentre la 52enne romana viene fermata con la droga ancora in tasca. Una dose di polvere bianca.

La donna è stata segnalata alle autorità e denunciata per violazione delle "prescrizioni imposte dal Governo per le misure urgenti per il contenimento della diffusione del Covid-19". Come lei sono stati denunciati anche cinque ragazzi stranieri, tra i 19 e i 26 anni, che avevano organizzato un picnic nel parco di via Acciaroli a Tor Bella Monaca. Un altro fermo è stato effettuato dai carabinieri alla stazione Torre Angela della Metro C dove un 36enne ha scavalcato la recinzione di metallo e ha fatto irruzione sui binari. Oltre che per la violazione del decreto #iorestoacasa l’uomo è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio.

Le regole imposte da Palazzo Chigi per far fronte all’emergenza da coronavirus sono state prese alla leggera anche da un gruppo di insegnanti de La Storta, che, senza preoccuparsi di rispettare le misure restrittive, hanno organizzato un barbecue all’interno di un istituto scolastico internazionale della zona. I partecipanti al party erano 17: dirigenti scolastici, docenti e alcuni bambini, figli dei partecipanti. Tutti sono stati denunciati a piede libero dai carabinieri, allertati da alcuni residenti della zona che hanno sentito la musica e l’odore della carne arrostita.

"Non siate stupidi, non fate come loro e restate a casa”, ha scritto su Twitter la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ringraziando i militari per l’azione di sorveglianza sul territorio della Capitale. Soltanto nella giornata di ieri sono state quasi 139mila le persone controllate in tutta Ia penisola e più di 83mila gli esercizi commerciali. In tutto 6.203 sono state le persone denunciate penalmente per non essersi attenute alle prescrizioni contenute nel decreto. A non rispettare le regole sono anche alcuni negozianti. Quasi 240 sono stati gli esercenti denunciati dai carabinieri durante i controlli effettuati nella giornata di ieri.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.